I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 12 aprile 2013

Soul Kitchen ( 2009 )

Zinos è il proprietario di un ristorante bettola ad Amburgo, un postaccio dove tutto quello che serve ha l'invitante aroma di merluzzo fritto. La sua ragazza Nadine però per lavoro si deve trasferire a Shanghai, il risorante non naviga in belle acque anche perchè Zinos a causa di problemi alla schiena non può più cucinare ed è costretto ad assumere uno chef che fa strage del precedente menù ma così facendo fa piazza pulita anche della clientela che arriva a boicottare in massa il locale.Nadine intanto pare che si sia trovata un fidanzato con gli occhi a mandorla e Zinos vuole andare lì per chiarire tutto lasciando il ristorante in gestione al fratello Illias, mariuolo di mezza tacca che ha la brillante idea di tentare di perdere il ristorante in una partita a poker.E se Zinos perde tutto, il destino del ristorante è la demolizione. Che fare? Dove trovare i soldi che servono?
La commedia meticcia secondo Fatih Akin, una carriera fatta di tanti riconoscimenti importanti ma pochi euri di incasso: cinema turco ambientato nel profondo nord europeo, quella plumbea Amburgo già vista in altri film importanti nei decenni passati. Due fratelli di origine greca  ,uno con una splendida idea in testa cioè il suo ristorante scalcinato in cui tenta pretestuosamente di fondere la soul music con la cucina( parola grossa per descrivere quello che cucina usando solo la friggitrice), l'altro delinquentello che ha  una semilibertà a tempo limitato ammesso che dimostri di avere un lavoro.

Dicevamo del tentativo pretestuoso di fondere la cucina della bettola e la soul music, la musica dell'anima.
Come si può fondere una cucina che ha 40 piatti in menù che hanno tutti lo stesso sapore (come gli dice il cuoco) e una musica come quella soul? Ci vuole un cuoco vero e creativo che casualmente viene trovato: dopo un periodo di sorpresa da parte dei clienti  applica le sue nozioni di nouvelle cusine al ristorante, creando piatti belli e sorprendenti, fino alla trovata della torta con l'aiutino afrodisiaco.
Akin non sembra rinunciare alle sue origini ma mostra il suo radicamento nel nord Europa, in un' Amburgo dalla colorazione desaturata che lo ha accolto con malcelata indifferenza.


Inquadra  squallide periferie colorandole con musica e pillole di saggezza spicciola, osa aggirarsi dalle parti della battuta greve senza per questo essere sgraziato( si rasenta il collasso dal ridere alla scena dell'"alzabandiera" durante la prima seduta di fisioterapia) , avvince lo spettatore con una molteplicità di suggestioni che non si limitano solo alle numerose risate che strappa il film.
Akin ci accoglie come ospiti nel suo ristorante, ci sediamo al  tavolo che ci ha riservato, ci guardiamo intorno e vediamo che il tempo si è fermato, agli anni '70 e '80.

Quasi ci si aspetta di ascoltare in discoteca i vocalizzi di Nina Hagen o vedere da qualche parte il suo volto da bambola.
Soul kitchen  è un film che stimola pancia e cervello,è uno di quei film definiti d'autore che però non ne ha la spocchia (o anche la consapevolezza), è un film di  personaggi ai confini della macchietta ma che non la oltrepassano mai, decide anche di avere degli snodi narrativi prevedibili ma che non disturbano affatto.

Il pezzo di Istanbul trasferito ad Amburgo rimane orgogliosamente ancorato alla propria identità e alle proprie origini ma si integra perfettamente con chi li ha ospitati.

Favolosa la musica che si ascolta durante Soul Kitchen (non solo soul ma anche tanto rock con le sue belle, pesanti chitarre distorte) così come sono incredibilmente belli i titoli di coda.
Un vero peccato perderseli.....

( VOTO : 7,5 / 10 )  Soul Kitchen (2009) on IMDb

23 commenti:

  1. serio e divertente
    imperdibile:)

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. lo vidi in una rassegna che recuperava titoli meno visibili ed ebbe un successo clamoroso( cinema pieno come un uovo) tanto da indurre il gestore a programmarlo per la settimana successiva....

      Elimina
  3. tanto divertente e colonna sonora spettacolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me lo sono dovuto rivedere con calma anche a casa perchè parte del film me la sono persa per le risate...altrui oltre alle mie...

      Elimina
  4. Carino carino carino.
    Colonna sonora splendidamente schizofrenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, colonna sonora memorabile!

      Elimina
  5. Risposte
    1. un film veramente riuscito, semplice eppure non banale...

      Elimina
  6. Quanto mi aveva divertito questo film. Il gazpacho di Shayn me lo ricorderò a vita :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah credo che anche io lo ricorderò per sempre!

      Elimina
  7. una chicca che merita una visione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehe eh magari quando inizi a vederlo pensi che sia il solito film d'autore un po' palloso...e invece...

      Elimina
  8. Io ho sempre adorato il buon Fatih, e questo film mi piace da impazzire! Ottimo recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatih Akin è regista notevole per quanto mi riguarda...qui si è misurato con un altro tipo di cinema vincendo la scommessa....

      Elimina
  9. Risposte
    1. vedo che ha un consenso plebiscitario!

      Elimina
  10. Risposte
    1. lo trovi comodamente caricato per intero sul tubo!

      Elimina
  11. purtroppo molti sono i film non compresi dalla massa
    peccato vero?
    ...e anche se non ne ero pienamente sicura sapevo ti sarebbe piaciuto questo film :)
    perchè un bradipo cinefilo comprende film che la massa non sfiora.
    in omaggio alle tue creative critiche ti dono un blues
    https://www.youtube.com/watch?v=HNYIsEKZtag
    buon fine settimana

    RispondiElimina