I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 9 gennaio 2014

10 film da vedere prima che si esauriscano i tuoi neuroni

Ovvero come mettere in piazza gli scheletri più grossi che hai nel tuo armadio cinematografico,quella lista di film che arrossisci solo al pensiero di renderla nota.
Bello il gioco inventato dall'illustrissima Director's cult, bello e bastardo perchè ti chiede di fare una lista di film che non hai mai visto e che dovresti vedere ( il lato bello) e di spiattellarla ai quattro venti di fronte al tuo numerosissimo pubblico ( ehhhh...si, lo so , la sto facendo grossa ma si fa per dire...).
Il problema è che i miei armadi sono particolarmente capienti, i film da vedere ogni giorno aumentano e le lacune diventano sempre più grosse.
E vi parla uno che ne ha visti veramente tanti di film, facilitato come sono stato , oltre che dall'età, non più verdissima, diciamo verdognola, da un padre cinefilo che mi ha trasmesso tutta la sua passione riguardo al cinema e soprattutto mi ha sottoposto a cure intensive del cinema che piaceva a lui: quindi classici americani a tutto spiano, western e polizieschi, ma anche commedie. Insomma di tutto un po', il mio adorato paparino era onnivoro e spero tanto che di lassù stia continuando a vedere i film che più gli piacciono.
E' inevitabile che questa lista sia del tutto virata al passato, nel presente diciamo che a parte qualche eccezione riesco a recuperare quasi tutto quello che voglio vedere. Ho detto quasi. Tutto è impossibile.
Il mio professore di Patologia generale all'Università diceva che a noi studenti erano rimasti ormai solo due neuroni di cui uno atrofizzato. Il mio restante ce l'ho rimesso per fare questo giochino. Spero che vi divertiate a leggerlo come mi sono divertito io a compilare questa lista...temo però che saranno più di 10 film...
1) Rashomon / I sette samurai: ricordo che c'era un tempo in cui i film di Kurosawali trasmettevano su Rai 3 durante le mattine estive e io col videoregistratore cercavo di stare appresso all'opera del maestro giapponese e ho visto là parecchi dei suoi film, anche se è passato tanto tempo e dovrei rinfrescarli.
C'è stato anche un tempo in cui il sottoscritto ha comprato molti dvd , quasi tutti , di una collana dedicata ad Akira Kurosawa. I dvd sono ancora lì, incellophanati da vari anni , ho paura ad aprirli....chissà che questo sia l'anno buono.
2) Il posto delle fragole/ Persona: anche Bergman non rientrava tra i gusti del mio mentore cinematografico e i film che ho visto del maestro svedese sono solo una minima parte. Alcuni dei suoi importanti, per non dire fondamentali mi mancano....
3)L'atalante: ecco un altro film in mio possesso che voglio vedere da tempo immemore ( complice la sigla di Fuori orario , trasmissione da cui ho vampirizzato molto del cinema che amo e che ho amato) . Non sono mai riuscito a caricare quel benedetto dvd nel lettore.....
4) La sottile linea rossa : non amo i film di guerra , ho patito anche cose come Platoon , Full metal Jacket o Apocalypse now ( pur ritenendoli tutti o quasi dei capolavori ) e il film di Malick mi ha sempre intimorito a questo riguardo. Il dvd è nello scaffale ancora con il suo bel cellophan intorno.
5) L'inquilino del terzo piano / Il coltello nell'acqua : amo Polanski ma questi due film per un verso o per l'altro non sono mai riuscito a vederli....rimedierò, è una macchia troppo grande nel mio curriculum di visioni.
6) Frank Costello, faccia d'angelo: ecco per come amo il cinema di Melville questa mancata visione è quasi una vergogna ma la giustifico col fatto che faccio fatica a ritagliarmi quelle due orette in cui vederlo in religioso silenzio e senza troppo pubblico che mi distragga , forse lo stesso problema che mi impedisce di vedere i vari Kurosawa e Bergman. La platea di casa mia non approverebbe....
7) Le lacrime amare di Petra von Kant / Il matrimonio di Maria Braun, ma anche Querelle de Brest o Berlin Alexander Platz, diciamo che sono solo i simboli di una filmografia , quella di Rainer Werner Fassbinder che vorrei approfondire con calma. Ma mi mette molta paura, soprattutto le 16 ore di Berlin Alexander Platz.
8) Satantango : adoro tutto il cinema di Bela Tarr che ho visto, autore da prendere con le pinze per la sua idea di cinema peculiare. Satantango ce l'ho registrato , è lì che attende almeno da un paio di anni di essere visto però ogni volta che sto per premere il tasto play mi assale l'ansia e desisto. Ma prima o poi lo dovrò affrontare.
9) Aguirre , furore di Dio : di Herzog conosco quasi tutto a parte qualche documentario tra le ultime cose che ha fatto. Mi ha regalato emozioni profonde eppure Aguirre mi ha sempre respinto...prendo il dvd tra le mani e dopo averci giocherellato un po' lo rimetto nello scaffale. Non mi sento pronto ad affrontare lo sguardo di Klaus Kinski...
10 ) Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re : ho speso una cifra esorbitante per comprare le confezioni di dvd con la versione estesa del film eppure questo non ce l'abbiamo mai fatta a vederlo , sia perchè è passato talmente tanto tempo dalla visione dei primi due, sia perchè una durata di quasi quattro ore al momento mi fa abbastanza paura.
Ecco questi sono gli scheletri più putridi dal mio armadio: ce ne sono altri che puzzano discretamente come molti corti di Chaplin, i film muti di Hitchcock, i film di Harry Potter dal secondo in avanti ( ho visto solo il primo), mi manca anche parte del cinema di Rossellini.
Per non parlare poi di Fellini: li ho visti praticamente tutti ma forse sono uno dei pochi che in questo pianeta ha poco gradito film come La dolce vita e Otto e mezzo.
E forse è anche per questo che ho paura ad affrontare la visione de La grande bellezza di Sorrentino visto che tutti o quasi gli hanno affibbiato la definizione di felliniano.
E poi sicuramente ce ne sono altri che non mi sono venuti in mente al momento.
Il mio armadio è senza fondo.
Buon divertimento!

43 commenti:

  1. uh, mi piace 'sto giochino. tra quelli che ho visto ti consiglio di recuperare assolutamente Il posto delle fragole, L'atalante, Aguirre e i due Polanski

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello , vero? L'ha inventato Direcotr's cult...un modo veloce per sputtanarsi e gettare alle ortiche la propria credibilità cinematografica...ah ah ah !!!!

      Elimina
    2. Ma nuuu dai, mica intendevo sputtanare nel fare il giochino, suvvia! Fai conto che io vedo film da quando ero una bimba, 25 anni sicuri sicuri. Poi l'adolescenza è stata segnata da Il matrimonio di Maria Braun, Il gattopardo, Fitzcarraldo, più non ci capivo un cazzo e più me li vedevo, ahahah. Ma che emozioni che mi trasmettevano! Kubrick, Kieslowski, Hitchcock (muti compresi), Allen, Wilder, Welles (pura venerazione dai 15 ai 25, ancora ho in testa l'analisi di Quarto potere e lo devo rivedere, io amo quel film!!!) visto tutto. Ho visto cose che vuoi cinefili non potete immaginare ahahahah. Eppure, eppure, manca qualcosa, anzi, ancora tanto da vedere. Così è un modo per fare sì pubblica ammenda, ma anche per ripescare film che sono ancora incelofanati (io devo ancora togliere la plastica a 2001: Odissea nello spazio e per non dire i Bunuel e Oshima rimasti intonsi. Ah, e La caduta di casa Usher manco so dove l'ho infilato, ma ce l'ho, sono sicura sicura). E Rashomon manca pure a me! Comunque, che hottest list, da recuperare i film consigliati da Dantès! Il mio babbo invece mi faceva vedere Bud Spencer, Lino Banfi e i film der Monnezza, sarà per quello che riesco a coniugare con facilità i film d'autore, i capolavori, i film mattoni e film buzzurri. E i film demmerda poi sono i miei guilty pleasure! XD

      Elimina
    3. direttorissima è un piacere...è normale che a tutti manchi qualcosa da vedere.. poi ci sono degli autori a cui hai paura ad accostarti ( molti film di Bunuel per esempio...) comunque anche a me i film demmerda piacciono tanto...bisogna essere educati anche al brutto...

      Elimina
  2. Persona, L'atalante, Aguirre , furore di Dio li ho visti negli ultimi anni, davvero bellissimi.
    La sottile linea rossa l'avevo visto al cinema, senza troppo entusiasmo
    Il signore degli anelli non mi ha entusiasmato il primo e ho lasciato lì, ma Peter Jackson prima mi è sempre piaciuto, e molto.
    per il resto recupererò.

    inquietante L'inquilino del terzo piano, Roger Ebert l'aveva distrutto (ho messo un pezzo della sua recensione nel mio post)

    buone visioni, allora:)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. 6, 7, 8, 9, mi mancano. Devo anche io recuperare. Però lasciare incellophanati i film di Kurosawa proprio non si può. Sarà che è uno dei miei registi preferiti, ma ti consiglio oltre Rashomon e I sette samurai, anche Dodes'ka-den, Barbarossa, Vivere, Ran, e l'iirrinunciabile Dersu Uzala.

      Elimina
    2. eh lo so , è peccato mortale non aver visto questi film e ancor più mortale lasciare i dvd ancora sigillati....Di Kurosawa ho visto quasi tutto ma non quei due....cercherò di essere alunno volenteroso e di recuperare....

      Elimina
  3. Polanski su tutto direi ;) bellissima idea!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh è bellissima e infatti non è la mia :)

      Elimina
    2. Infatti è mia, eheh! ;-)
      Mea culpa!!! Potrei fare un seguito per il mio sesto bloggheanno: i film che hai recuperato durante l'anno raccogliendo i neuroni trovati per strada! :-p

      Elimina
  4. Guarda Bradipo, mi unisco a te nella mancanza di questi film, escluso Il ritorno del re. Non ce la faremo mai a recuperare tutto tutto, escono troppi film! Non gli si sta dietro!:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ma tu sei molto più giovane...e comunque recupera i classici che hanno ancora molto ( tutto) da insegnare...

      Elimina
  5. Se questi sono i tuoi scheletri nell'armadio, chissà cosa dovrei scrivere io (che di questi, a parte Il ritorno del Re, non ne ho visto NESSUNO)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ma infatti il gioco è bello per questo, ti sputtani allegramente....

      Elimina
  6. La sottile linea rossa seppur mi piacque (soprattutto per un inizio folgorante) non mi ha lasciato nulla nel corso del tempo. E questo vorrà pure dir qualcosa.
    Bela Tarr finora mai visto nulla e ho grosse lacune su Fassbinder. per il resto visto tutto e Rashomon fu uno dei primi film che mia madre ci fece vedere da piccoli, pensa un po'! :-)
    Io non ho mai visto 9 settimane e mezzo e nemmeno 8 e mezzo di Fellini. Avrò un problema coi numeri e coi mezzi? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si mi sa che hai problemi coi mezzi...no, io quelli li ho visti e mi sono rimasti indigesti entrambi...Bela Tarr è qualcosa di diverso, di oltre...

      Elimina
  7. Belle mancanze... a volte credo che sia un bene lasciarsi un po' indietro certi film per poi poterne godere meglio ad un certo punto della propria vita ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema è che più vado avanti e più mi vien paura ad affrontare tali visioni...le sette ore di Satantango ad esempio al momento mi terrorizzano...

      Elimina
  8. Non avrei davvero voluto leggere di Kurosawa! ;)
    Aggiungici Ran, uno dei più grandi Capolavori di sempre! E corri a colmare le lacune, sono tutti filmoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di Kurosawa ho visto quasi tutto, Ran è uno dei miei film preferiti di sempre, ma quei due lì mi mancano più per coincidenze che per altro .... e poi è scattato il timore reverenziale di avvicinarsi a tali capolavori....

      Elimina
  9. Di Polanski visto tutto...ma quante mancanze che ho pure io!!Gran listone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me incredibilmente mancano quei due...cioè ho visto anche Cul de sac che non l'ha visto praticamente nessuno ma quei due mi mancano...

      Elimina
    2. Io Cul de sac mi sa che l'ho visto verso i 16 anni, cassettina uscita con Ciak. Come direbbe Renato Pozzetto ne Il ragazzo di campagna: tàààààc! :-)

      Elimina
  10. nemmeno io sono un patito di film bellici, ma la sottile linea rossa è una storia a parte, non ha molto a che fare con le altre pellicole del genere, per fortuna.
    il posto delle fragole e persona sono una doppietta fenomenale.
    quanto alla saga di harry potter, invece, te la puoi anche risparmiare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bergman e i suoi primi film ( a parte qualche titolo come ad esempio il fondamentale Il settimo sigillo) sono un'altra lacuna da colmare...come la sottile linea rossa...sinceramente di harry potter non sento alcuna mancanza...

      Elimina
  11. p.s. di real humans a sorpresa è già cominciata la seconda stagione! se ti interessa, e penso ti interessi, si trovano già i primi due episodi sottotitolati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh! che grande notizia che mi dai! Parto alla ricerca....

      Elimina
  12. Le lacrime amare di Petra Von Kant sono un must irrinunciabile, ma anche "Veronika Voss" e "Un anno con tredici lune". Su Kurosawa aggiungerei "Il trono di sangue", "Ran" e "I sette samurai".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli altri di Kurosawa li ho visti praticamente tutti mentre su Fassbinder ancora sono a corto di titoli...

      Elimina
  13. Rashomon ho rimediato la lacuna un paio di estati fa e ne è valsa la pena: un capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh lo so, me lo hanno detto praticamente tutti facendomi sentire un asinello poco studioso...

      Elimina
  14. Di Bergman ho visto tutto quello che sono riuscito a vedere, anche se me ne mancano ancora molti, ma adesso non ce la faccio più a vederli. Eppure è uno dei miei registi preferiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono vari anni che non mi avvicino a un film di Bergman...chissà forse anche io al momento non ce la farei a vederli...

      Elimina
  15. Me ne mancano, ahimè.
    Io pure ho la trilogia del Signore degli anelli e non sono mai riuscito a vedere "Il ritorno del re". Sarà che ho un brutto ricordo dei precedenti perché la professoressa di Linguaggi ce li diede da vedere e analizzare attentamente (assieme a "Harry Potter e l'ordine della fenice", manco fosse "Quarto potere").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che in qualsiasi lista che leggeremo di questo giochino ci accorgeremo di un film o più che ci mancano...certo vedere e analizzare Il signore degli anelli è un po' come imparare l'elenco telefonico a memoria...

      Elimina
  16. l'inquilino del terzo pianop è davvero strepitoso, mi ha messo un angoscia della madonna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cercherò di rimediare al più presto...

      Elimina
  17. Alla faccia di Bela Tarr l'altro ieri ho rivisto Il paziente inglese.. in omaggio al mio ricalpestare, durante le vacanze di Capodanno, il piccolo cimitero di S.Anna in Camprena e le orme dei polpacciotti binochiani, vicino Pienza, dove Minghella ha praticamente girato gran parte del suo capolavoro... l'ho rivisto non fosse altro per la scena in cui, con l'aiuto di bengala e carrucole, la Binoche sbircia gli affreschi di Piero della Francesca. Quella sola scena rimane un Sogno Assoluto di Cinema. Hai voglia a cavalli torinesi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah Il piagato inglese ...uno dei tuoi cavalli di battaglia...io sto ancora cercando di farmi ridare i soldi del biglietto...pure al cinema sono andato a vederlo...

      Elimina
  18. ahah.. ma vuoi mette una tetta della Binoche con le clementine della Adams?!? ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle clementine le faranno vincere l'Oscar! XD

      Elimina
    2. chi disprezza compra...e comunque anche con l'abbondanza della Lawrence non c'è paragone :)

      Elimina
  19. "Satantango" lo vedo come un mattone apocalittico: non so se riuscirò mai a vederlo (anche se anch'io apprezzo Tarr); "Rashomon" e "I Sette Samurai"...subito! Cosa aspetti? Forse i migliori film di Kurosawa!
    Idem per i due di Bergman, capolavori! La terza parte del "Signore degli anelli" la si può tranquillamente evitare (la più debole della trilogia), mentre ti consiglio caldamente "Frankie Costello faccia d'angelo", noir da manuale.
    "L'Atalante" DEVI vederlo, mentre anche a me mancano "Aguirre", "Le lacrime amare.." e i 2 di Polanski (tutti titoli inclusi nella mia listona). Molto bello anche "La sottile linea rossa", anche se trovo Malick estremamente sopravvalutato!
    Anche io non stravedo per "8 e 1/2" (ma ho adorato "La dolce vita") e considero Sorrentino uno dei pochi registi decenti ora in Italia.
    Buone visioni!

    Luca

    RispondiElimina