I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 9 febbraio 2015

Birdman ( 2014 )

Riggan Thompson è un attore che è diventato una superstar grazie ai tre film in cui ha interpretato il personaggio di Birdman, un supereroe. Ora naviga a vista nell'anonimato, in preda a una crisi personale ed artistica che sembra senza fine e vuole tagliare il cordone ombelicale che lo tiene attaccato ancora al personaggio dell'uomo pennuto investendo tutti i suoi soldi nell'allestimento a Broadway di uno spettacolo tratto da Carver.Pensa che grazie a questa piece teatrale riesca a rimettere insieme i pezzi della sua vita e soprattutto ritrovare il successo senza scorciatoie commerciali :imbarca nell'impresa sua figlia con cui ha un pessimo rapporto e che è appena uscita da un centro di disintossicazione, la sua amante, un vecchio amico , un'attrice che ha sempre sognato di calcare quel palcoscenico incantato ed è costretto a scritturare un attore di nome ma di pessimo carattere.
Riuscirà a portare a termine l'impresa?
O Birdman si impadronirà definitivamente di lui?
Secondo me Inarritu e il suo sceneggiatore storico Arnaga hanno sempre avuto una marcia in più col loro cinema fatto di traiettorie esistenziali che fatalmente si vanno ad incrociare.
Dopo la fine del sodalizio artistico merito va al regista messicano di essersi saputo reinventare un nuovo tipo di cinema con la parabola dolorosa di Biutiful e ora con questo Birdman.
Un nuovo tipo di cinema che si tinge di meraviglia quando tra i corridoi e gli anfratti di questo ultimo suo film mi sono affannato per un certo lasso di tempo per trovare le vestigia del cinema di Inarritu che fu senza riuscire a trovarle.
E alla fine ho rinunciato, facendo la cosa migliore, abbandonandomi e lasciandomi cullare dal fiume di parole che scorre ininterrottamente dalla prima all'ultima scena.
O forse dovrei dire dalla prima alla prima scena perché tecnicamente Birdman si presenta come un unico piano sequenza in cui la cinepresa segue da molto vicino Riggan e le sue peripezie senza apparente soluzione di continuità.
Anche se in realtà non è così, sappiamo che c'è il trucco ma non riusciamo a vederlo. O forse si , ma non importa.
Del resto se dopo anni e anni abbiamo appreso che anche il piano sequenza più famoso della storia del cinema, quegli interminabili minuti finali di Professione Reporter di Antonioni, non è un vero piano sequenza ma c'è l'inghippo sotto...
Vedendo Birdman la prima cosa che viene in mente è che a livello di casting Inarritu è stato un gran furbone.
E' semplice, troppo semplice, forse addirittura banale ( in realtà non c'è nulla di banale in questo film) leggere la storia del vero Michael Keaton nelle pieghe della sceneggiatura e della storia dell'uomo pennuto.
Attore che più di venti anni fa ha conosciuto la fama vera e i soldi grazie a un supereroe e ultimamente un po' in disarmo, o meglio un po' in disparte rispetto al cinema di prima fila.
Colpo di genio o ruffianata megagalattica?
Mmm non so, però si nota anche che il resto del cast che sale su quel palco interpreta più o meno se stesso, in special modo uno come Edward Norton, anche lui un passato come supereroe e un presente piuttosto nebuloso a livello attoriale visto il suo talento immenso utilizzato non propriamente al meglio, che recita semplicemente se stesso e tutto il suo armamentario di bizze che lo contraddistinguono.
Naomi Watts nella parte della gatta morta ci sta benissimo e anche Emma Stone nei panni della ex tossica.
Ma Birdman non è solo cast: è uno di quei film in cui Hollywood parla di se stessa e si diverte a idolatrare Broadway, palestra di vita e di recitazione di molte delle star che arrivano a incassare milioni e milioni grazie ai blockbuster.
Insomma quel metacinema che piace ai critici esplorato a più livelli e anche una visione abbastanza denigratoria sul cinema che oggi incassa, quello dei supereroi, vera e propria monnezza multimiliardaria.
Accanto a tutto questo la riflessione sull'artista e sul ruolo che recita, sul legame che si stabilisce tra l'attore e il successo visto come una droga a cui non si può rinunciare, che crea una dipendenza fisica oltre che intellettiva.
Il successo come il denaro sta in brutti posti: puoi recitare Carver come nessuno ha mai fatto prima e non ti si cagherà nessuno, passeggi in mutande per Broadway e grazie alla YouTube generation e ai suoi milioni di visualizzazioni diventerai una celebrità.
Il cruccio principale di Riggan , quello a cui non vuole cedere e che vuole smentire in qualche maniera, a cui non si vuole rassegnare : eppure quella voce che ha dentro , quell'alter ego in penne e piume che lo perseguita lo rode e lo consuma come un tarlo.
E magari gli fa scoprire che anche lui ha dei superpoteri....
La parte finale del film è tutta un fiorire di simbologie come  quella maschera che lo avvicina idealmente al supereroe che ha impersonato venti anni prima,  oppure quel suicidio messo in scena, o anche quel volo...
Forse troppo da mettere tutto insieme ma mi sento dire che Inarritu ha colpito nel segno ancora una volta.
Diavolo di un messicano!
Birdman si presenta come il gran favorito alla notte degli Oscar: e forse , visto che a Hollywood piace molto l'autoincensarsi e parlare di se stessa, può riportare a casa una bella carrettata di premi.

PERCHE' SI : il cast in stato di grazia, impressionante a livello tecnico, la chiave di lettura metacinematografica e tante tante altre cose
PERCHE' NO  : la scelta di Keaton ha quasi i contorni della ruffianata, nel finale le metafore fioriscono troppo abbondantemente...

( VOTO : 8 / 10 )

 Birdman (2014) on IMDb

30 commenti:

  1. Ogni tanto d'accordo.. ;) Film impressionante per forza e tenuta scenica..

    RispondiElimina
  2. La scelta di Keaton è stata perfetta. Inarritu gli ha regalato il ruolo della vita. Il finale è qualcosa di grandioso, poi.
    Un capolavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il ruolo della sua vita...il finale personalmente mi ha lasciato un po' perplesso ma sono inezie...

      Elimina
  3. E' piaciuto anche a me che solitamente quando i film virano sul surreale tendo a sbroccare, il che è tutto dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono un po' come te, queste cose surreali e grottesche non sono la mia cup of tea, ma questo mi ha catturato...

      Elimina
  4. Io l'ho adorato! Gli avrei dato nove!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh qui di nove ne vedi pochissimi....sono un po' tirato di voti...

      Elimina
  5. Ottimo film, ma come ormai ben sai, secondo me con il finale il troppo stroppia.
    Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ho le tue riserve ma per me sono ampiamente riscattate da quanto visto in precedenza...

      Elimina
  6. Secondo me l'inquadratura finale è proprio una cosa a sè, che va presa solo come (splendida) metafora.
    Il film non è poi così tanto surreale, è pacifico che Riggan non abbia nessun potere ma si immagina tutto (splendida la sequenza del taxi).
    Quindi fino all'inquadratura finale per me è tutto assolutamente verosimile e lineare.
    Poi diventa altro, diventa metafora di qualcosa che finalmente si è raggiunto, e forse anche di un padre che dimostra alla figlia qualcosa.
    Io l'ho amato il finale.
    Ottima rece Emidio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh grazie Giuseppe! il finale è meno nelle mie corde, ma il film funziona alla grandissima..

      Elimina
  7. Secondo me dei minipoteri ce li ha.. procurati dalle bruciature delle meduse giganti... ;) o perlomeno questo e un sacco di altre cose ti si vogliono far credere... il bello è che Inarritu ci riesce... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco 'sta cosa dei superminipoteri mi ha lasciato il dubbio

      Elimina
  8. Ogni anno, c'è il film che piace a tutti ma a me no.
    Quest'anno, per tradizione, quasi, c'è Birdman.
    Riconosco che è potente, che è diretto una meraviglia, ma io sono uno di poche pretese. Un film mi deve dare una sensazione, e questo non mi ha fatto né caldo né freddo. E l'ho trovato un po' troppo compiaciuto e manieristico, ma non abbastanza da essere antipatico. Grande, però, Keaton. E Oscar per la Miglior Regia subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me ha suscitato meraviglia e normalmente questo tipo di film non rientra tra i miei favoriti...ma questo ha come una marcia in più...

      Elimina
  9. Concordo, nel senso che per me il (finto) piano sequenza più noto è quello di Nodo Alla Gola di Hitchcock e che il vero piano sequenza più fico è quello all'interno dell'Arca Russa di Sokurov. E che, come ha tenuto a ribadire lo stesso Iñárritu, nulla vi è nel suo film di furbesco (pena il suo aver fallito) ma a parte questo sì, concordo con quanto da te scritto o detto, a parte gli spoiler.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sokurov non rientra tra i miei favoriti, Nodo alla Gola e Hitchcock, si....non lo so se la sua è furbizia o meno...

      Elimina
  10. Risposte
    1. molto e normalmente non mi piace questo tipo di film...

      Elimina
  11. Wait, wait, wait... come sarebbe che il mitico piano sequenza finale di Professione Reporter non sarebbe un vero piano sequenza? Contesto vivamente, è una delle cose più belle viste al cinema e senza alcun utilizzo di effetti speciali (non parliamo poi di post-produzione)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo stesso Antonioni in un'intervista vari anni dopo confessò che quel piano sequenza era in realtà manipolato...

      Elimina
    2. Ho aiutato la mia fidanzata a fare il secondo esame di Storia del Cinema tutto incentrato proprio su Professione Reporter: mi ricordo ancora la sequenza fotografica scattata durante quel piano sequenza, con lo stuolo di tecnici che smontava la finestra per far passare la camera (c'erano anche le sbarre!)... ora col digitale in post-produzione puoi fare tutto, allora proprio no :)

      Elimina
    3. guarda non posso darti i dettagli tecnici perché non li ricordo ma questa rivelazione fece scalpore anche su di me che poi ho continuato a guardarlo e riguardarlo per scoprire l'inghippo e non riuscire ad individuarlo, lui diceva che grossomodo era diviso in due....

      Elimina
  12. Notevole recensione (come al solito). Non l'ho ancora visto, ma cercherò di vederlo al più presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh grazie! Guardalo non te ne pentirai...

      Elimina
  13. Solo 8 a questo capolavoro supremo?
    Se fosse stata una serie inglese con zombie gli avresti dato come minimo un milione... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah , no , gli ho dato di meno....

      Elimina
  14. mi sa che sono il più freddino, per questo film :)

    c'è troppa roba non condita al meglio, penso alla storia della critica del LA Times, per esempio, o alle visualizzazioni di youtube, forse troppo buttate lì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la scena con il critico ha lasciato un po' freddino anche me, così come mi ha lasciato un po' perplesso il finale....

      Elimina