I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 18 febbraio 2015

Cinquanta sfumature di grigio ( 2015 )

Anastasia Steele è una studentessa universitaria di letteratura inglese che va ad intervistare Charles Grey, giovane,ricchissimo magnate della finanza , perché la sua amica e coinquilina è malata.
Tra i due scocca la scintilla ma Anastasia non si trova a vivere una storia d'amore come tutte le altre: Grey è dedito ad atti di sadomasochismo e vuole che lei firmi un vero e proprio contratto per subire i suoi abusi.
L'amore varrà pure qualche frustata o qualche sculacciata?
Ecco il fenomeno cinematografico dell'anno, pompato all'inverosimile da una campagna di marketing tra le più aggressive mai viste, tratto da un romanzo (finto) scandalo che nessuno sembra aver letto, ma ha venduto oltre 100 milioni di copie ed è stato tradotto in più di 50 lingue.
Addirittura ho udito notizie di cinemini gestiti dai salesiani, qui in Italia, che hanno impedito la proiezione di questo film scandalo.
Scandalo. Ma fatemi un po' il piacere.
Era comunque del tempo che non vedevo una fila così lunga alla cassa del cinema, quasi tutti giovani, più donne che maschietti e la mia barbona brizzolata un po' stona nel contesto, ma tanto è, bisognerà pur parlarne di questo film che pare sia sulla bocca di tutti.
Per parlarne male, però.
La cosa più divertente della visione è beccare tutti i commenti ruspanti che i ragazzi fanno mentre vedono le scene, ad alta voce , non riuscendo a trattenersi.
E il film  ne inanella diversi di questi momenti : da quello in cui lui le fa vedere la propria stanza delle torture ( e un ragazzo in dialetto abruzzese stretto esclama ad alta voce " 'ngulo! cussù tè la palestra dentro casa!!!) alla scena in cui lui le dice che non fa l'amore ma scopa ...e forte anche ( dopo pausa teatrale).
Ecco qui la reazione è stata diversificata tra le risate dei maschietti ( tutta invidia, sognerebbero ad occhi aperti di poter pronunciare una frase del genere di fronte a una gentile donzella senza farla fuggire a gambe levate) e gli oooohhhh delle femminucce già pronte a cadere ai piedi del Jamie Dornan di turno dotato, bontà sua, di addominali che sembrano ritoccati col photoshop e sono dotati di più espressioni di quelle della sua bella faccina.
Poche chiacchiere: questo film o pseudotale è una noia mortale, pesantissimo come un pigiama di cemento, zavorrato da dialoghi improbabili e da una vicenda che si può riassumere sul retro di uno scontrino del supermercato: lei ama lui che la ricambia a sculacciate e frustate sul culetto.
L'erotismo tanto sbandierato è solo una parzialissima mostra di carne fresca, quella di Dakota Johnson, ma anche un paio di full frontal delle chiappe di lui, che non ha nulla di eccitante,  francamente ho trovato molto più erotismo in Rita Hayworth che si toglie il lungo guanto durante Gilda, una sequenza di un paio di minuti di ballo e canto, che in tutti i 120 interminabili minuti di questo insopportabile film.
La gggente hanno bisogno di scandalo : se negli anni '70 era stato fornito da Ultimo tango a Parigi ( che a più di quaranta anni di distanza si dimostra ancora di gran lunga più trasgressivo di questo Cinquanta sfumature di grigio,  se poi c'era stato l'erotismo superpatinato di Adrian Lyne in Nove settimane e mezzo a fornire materiale utile per far diminuire drasticamente le diottrie ai maschietti, oggi ci dobbiamo sorbire le manie del signor Grey e tutte le sue sfumature.
Anche Secretary, nel suo piccolo armamentario di sadismi assortiti era più erotico e trasgressivo.
E abbiamo solo erotismo asettico, un immaginario più chirurgico che erotico in un film che evoca solo noia e non quella lussuria e trasgressione che cerca di far intravedere.
Trasgressione che trova la sua massima espressione in un paio di sculacciate e in qualche colpo di frusta assestato sulle chiappette virginee della Johnson che passa quasi la metà del film a morsicarsi il labbro inferiore e l'altra metà a mettersi una matita in bocca.
E con questo mi pare di aver detto quasi tutto su questo scempio a forma di film.
Ah un'altra cosa : vogliamo parlare del contratto che lui le vuole far firmare, una specie di contratto prematrimoniale che prevede il suo status di dominatore assoluto ( di 'sta ceppa) in cambio di continui regali , di compagnia durante lo shopping e di una retta settimanale che è più o meno vale come il PIL del Lussemburgo?
Ma la cara Anastasia ( ma durante il film un cambio di acconciatura , no?) lo firmerebbe anche vedendosi la  mamma e la nonna cedute alla Conad in una fantastica offerta 2 x 1 .
Se il grigio ha cinquanta sfumature , la noia ne ha molte di più e sono tutte rappresentate in questo filmetto insulso e insignificante.
Mettete a posto fruste e stivali . Non servono.
Ecco mi pare di aver detto tutto.
Domani si torna a parlare di cinema.

PERCHE' SI :
PERCHE' NO : non vale dire tutto, vero? dialoghi di comicità involontaria, erotismo d'accatto, finta trasgressione, due protagonisti inespressivi come pochi...devo continuare?

( VOTO : 1 / 10 ) 

Fifty Shades of Grey (2015) on IMDb

41 commenti:

  1. complimenti per il coraggio. io non ce la posso fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che ci sono andato con l'umore giusto...

      Elimina
  2. Ahahah, ma il guaio è che io non l'ho trovato nemmeno orrendo o inguardabile.
    Semplicemente, inutile. Innocuo e scritto male male male. E poi ho riso un mondo, anche se non era nelle intenzioni di chi l'ha scritto. Il perché sì, al limite, va solo alla Crazy in love di Beyoncé, l'unica cosa erotica del film, che tra l'altro qui è usata uno schifo. Caruccia lei, anche se come ho scritto, potrebbe girare sempre nuda senza stuzzicare più di tanto; lui è oggettivamente un tipo fighissimo, ma mai quando è l'assassino Paul Spector, che comunque comprendiamo meglio di 'sto multimilionario fissato con le sculacciate... Ma poi milionario e milionario: che lavoro fa?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parte l'innocuità, perché non ha veramente nulla di scandaloso, a me ha annoiato proprio a morte e sinceramente di erotico aveva poco o nulla come ho scritto....

      Elimina
  3. Dovrebbero reintrodurre la pena di morte, in certi casi :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah addirittura? ma per chi per la regista, gli attori o gli spettatori? rischi di tagliare teste un po' ovunque...

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Non ce la potrei fare. Ancor di più al cinema! :)
    E' sufficiente la trama che mi ha accennato quest'estate in spiaggia la cougar esaltata che leggeva il libro... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eppure se ci vai con la compagnia giusta può essere divertente...

      Elimina
  6. Complimenti per l'abnegazione, io non ce la posso proprio fare...ah, ma la dolce verginella se lui fosse stato un cassaintegrato seppur dotato di ottimi addominali, il contrattino lo firmava lo stesso???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma forse il cassaintegrato non le offriva una retta settimanale così alta....

      Elimina
  7. La cosa più triste è che c'è gente che lo considera (come i libri) un capolavoro, anche un mio amico (che non ha mai letto quasi nulla e l'anno scorso ha divorato i tre libri). Ma soprattutto che, nonostante i pareri negativi di tutti i critici, abbia guadagnato un fottìo, quando milioni di film minori decisamente più meritevoli non guadagnano nemmeno un centesimo... Che mondo infame.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il marketing, erano mesi e mesi che si parlava di questi libri e di questo film, hanno creato l'attesa spasmodica e poi è un filmetto insipido e che è tutto fuorchè scandaloso...

      Elimina
  8. ma davvero tu hai pa-ga-to un biglietto e l'hai visto al cinema?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poco poco, diciamo che ho fatto un favore a una mia amica che aveva letto il libro...

      Elimina
  9. io non ho letto i libri, a forza di sentir dire "devi leggerlo è bellissimo" mi passa la curiosità (anche perché di solito mi basta vedere chi mi consiglia sta roba)
    però mi sto tagliando in due dal ridere leggendo le recensioni del film e la tua è fantastica, come sempre.
    Penso ai tanti poveri cristi costretti a passare il san valentino in fila al cinema pe vedè sta roba...vabbè, io e mio marito abbiam visto sanremo, meglio che sto zitta >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia amica mi ha detto che anche i libri sono bruttarelli ma la versione cinematografica è una pista avanti in quanto a bruttezza...farlo passare per il film di San Valentino è veramente scandaloso...

      Elimina
  10. se Mr.Grigio non avesse più soldi di tutto il Lussemburgo e il Belgio messi insieme lei si sentirebbe attratta lo stesso?
    concordo su GILDA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se Mr Grigio invece di essere il magnate della finanza era un elettrauto lei se ne stava lì tranquilla con i suoi sogni erotici repressi...

      Elimina
  11. Del film m'importanas.... però la questione salesiana la confermo, è successo proprio in provincia di Savona, in quel di Varazze XD (ovviamente poi i Salesiani, che sono i proprietari della struttura che contiene il cinema, hanno dichiarato di non entrarci nulla con la faccenda, che "i problemi erano altri", mah...)

    Sinceramente, la cosa che mi fa orrore, al di là della qualità del tutto, è che staMMerda sia stata sbandierata come il film di San Valentino, il trionfo dell'amore. Dove per Amore si intende "donna sottomessa che per soldi si fa fare qualunque cosa, convinta che basti l'amore per redimere quello che alla fine non è altro che uno stalker e un maniaco". E le donne, bibine, giù a crederci e a sognare, a sopportare le botte di mariti molto meno eleganti e raffinati di Mr.Grey perché "se sopporto, per amore, lui cambierà!"
    Madonna che odio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti l'ho citata apposta, ho sentito anche un intervista all'imbarazzatissimo gestore della sala cinematografica..questo film non è il trionfo dell'amore ma del marketing....perché a sentire loro amore non vuol dire mi spiace ma solo dammi un'altra frustata...so solo che se dico alla bradipa adesso ti sculaccio o facciamo un gioco erotico con la frusta , lei sicuramente si arma di scopettone e mi percuote fortissimo!!!

      Elimina
  12. 'nsomma, sie passato al lato oscuro? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah si sono passato al lato oscuro...

      Elimina
  13. Questo è vero coraggio! Questo è buttare soldi alla faccia della crisi... XDXDXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma pochi pochi l'ho fatto per amicizia...

      Elimina
  14. grazie per il sacrificio che hai fatto per tutti noi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo dire che mi ha fatto anche ridere ...a forza di battutacce del pubblico...

      Elimina
  15. OK ma da domani però si torna davvero a parlare di cinema, eh?

    RispondiElimina
  16. Vedo che ti mantieni saldo sul filone horror.. ahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si ,. è un po' horror, un po' tanto horror!!!!

      Elimina
  17. Io lo vedrò ma solo pagando la connessione ad internet. Non ci sono file al cinema o biglietti che tengano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come ti perdi un simile capolavoro al cinema? eh eh eh

      Elimina
  18. Visto ieri sera - non al Cinema -.
    Una merdata colossale.

    RispondiElimina
  19. Bradipo, secondo me non ce la racconti giusta.
    Ammettilo che in realtà ti è piaciuto da morire. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ma guarda se mi fosse piaciuto non ci sarebbe stato problema...

      Elimina
  20. ahahahah mi ha fatto morire dal ridere la tua recensione. Il prezo del biglietto l'avrei pagato anche io per sentire le battute degi altri spettatori. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'unico motivo per andare al cinema, se ci vai con la compagnia giusta è micidiale...

      Elimina
  21. Harvey Keitel in Lezioni di piano, la scena del buco nella calza. E non aggiungo altro.

    Ciao e complimenti per le tue recensioni :) Silvia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragioni, in Lezioni di piano c'è molto più erotismo...e grazie per i complimenti!!!

      Elimina