I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 4 febbraio 2015

Vampires ( 2010 )

La comunità vampirica del Belgio accetta di farsi riprendere nella sua quotidianità da una crew della tv nazionale. La famiglia prescelta dopo numerosi tentativi ( non andati troppo a buon fine con la perdita di diverse vite tra le maestranze televisive) è quella di Georges e di Bertha .Hanno due figli, Samson che vuole fare sesso con la moglie del capo della comunità belga ( l'unico tabù sessuale , sono concessi anche accoppiamenti incestuosi) mentre Grace che adora le casse da morto rosa , vuole a tutti i costi diventare umana.
Hanno anche una collaboratrice umana che li aiuta nelle incombenze di tutti i giorni e la polizia fornisce loro immigrati per nutrirli.
A causa delle intemperanze di Samson , Georges e la sua famiglia devono andare in esilio in Canada.
Terra in cui sono addirittura costretti a lavorare....
Qualche tempo fa parlando del piccolo cult neozelandese What We Do in the Shadows ( di cui abbiamo parlato qui ) avevo detto che era il primo mockumentary comedy horror sui vampiri che era comparso sulla scena cinematografica internazionale.
Ebbene sbagliavo perché alla fine del 2010 arrivò questo Vampires del belga Vincent Lanno, che ebbe un fugace passato italico al Torino Film Festival, vera e propria fucina di cinema alternativo.
Il film parte col botto narrando dei tentativi della televisione belga di girare questo documentario.
Sangue e risate in egual misura.
Poi si entra nella famiglia di Georges che se non fosse per le particolari abitudini alimentari e sessuali sarebbe una famiglia normalissima della media alta borghesia belga.
Si ride ancora ma dopo un po' la risata diventa una specie di spasmo sardonico , la mascella si contrae e si ride a denti strettissimi: questi vampiri si nutrono di bambini abbandonati, di prostitute, addirittura la polizia fornisce loro degli immigrati freschi di giornata che loro "allevano" per i loro banchetti serali.
E per loro il sangue è come il vino.
Vediamo la loro scuola in cui una delle materie fondamentali è la storia ( non siamo nulla senza la nostra storia) e assistiamo anche a un'esilarante lezione di anatomia impartita al giovane Samson, studente di asineria conclamata, che non riesce a trovare la carotide da mordere sul collo di un manichino in un'esercitazione.
Se all'inizio il tono del film è comico e beffardo, poi gradualmente si scivola nella satira e nel grottesco.
Ma non satira di altri film di vampiri ( nel 2010 siamo in piena bufera Twilight) anche se è netta la sensazione di voler superare i paletti del genere abbattendoli con l'arma dell'ironia, in realtà  la satira è ad alzo zero su una società sempre più chiusa.
La grana è grossa e il film nella seconda parte si inceppa nel voler essere semplicemente latore del messaggio di satira sociale ( vedi l'ultima parte del film, quella del Canada) ma rimane negli occhi quanto brillantemente esposto prima.
Il film di Lannoo evidenzia che la cinematografia belga tende a essere sempre al di fuori di certi confini e riporta in auge una pellicola proveniente sempre dal Belgio, dimenticata dai più, come Il cameraman e l'assassino ( di cui abbiamo parlato qua ) e che era incentrato su una troupe televisiva che seguiva un killer seriale abituato a fare piazza pulita di tutti quelli che per lui erano i "pesci piccoli" della società.
L'eco di quel film del '92 è forte ma nel mockumentary di Lannoo è tutto visto con una dose maggiore di ironia, lì c'erano solo i brividi nel vedere in azione un uomo che sembrava nato solo per fare del male agli altri.
Astenersi fanatici duri e crudi di splatter e gore. qui siamo sotto il minimo sindacale.
Si cerca di buttarla a ridere ma le gags sulle difficoltà dei vampiri nella vita di oggi ( e la condanna all'immortalità, peso gravosissimo per Grace) col passare dei minuti cominciano ad accusare il peso della ripetitività e si ha la netta sensazione che  la comicità non abbia la  benzina sufficiente per arrivare alla fine del film.
Lannoo ci prova allora con la satira e la metafora sociale centrando più o meno il bersaglio.
L'impressione è che l'espediente del mockumentary poteva essere tranquillamente lasciato da parte: la messa in scena volutamente povera tende con i minuti a esporre tutta la sua piattezza e questo si risente sul risultato finale di un film comunque originale e che cerca di rielaborare i clichè dei film di vampiri semplicemente parodiandone gli stereotipi.
Cosa che in What We Do in the Shadows è semplicemente venuta meglio dall'alto di una scrittura e di una struttura filmica molto meglio collaudata.

PERCHE' SI : ironia sul mondo dei vampiri, originale, si ride a denti strettissimi perché grottesco e satira sociale vanno a braccetto
PERCHE' NO : film che non ha la benzina sufficiente per tutti gli 88 minuti, splatter e gore sotto il minimo sindacale satira e metafora di grana grossa

( VOTO : 6,5 / 10 ) 

Vampires (2010) on IMDb

14 commenti:

  1. di solito il cinema belga non delude, penso proprio che lo vedrò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come dico dei neezelandesi anche i belgi sono discretamente malati...

      Elimina
  2. Oooh di questo ne avevo parlato 100 anni fa, quando ancora segnalavo le uscite USA interessanti, anche quelle europee! Devo recuperarlo!

    RispondiElimina
  3. Mi sa che dovrò recuperare l'accoppiata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. What We Do in the Shadows è una bomba!

      Elimina
  4. Grazie Bradipo: grazie a te scopro sempre un sacco di film. Da vedere assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Frank che hai la pazienza di leggermi, io adoro scoprire piccole chicche nascoste e condividerle...

      Elimina
  5. Sembra più originale rispetto ai soliti filmetti sui vampiri, però non così fenomenale...
    non so se cercarlo o meno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è molto originale ma la comicità non ha la benzina sufficiente per tutto il film...

      Elimina
  6. Ultimamente io e i vampiri non andiamo molto d'accordo, in futuro chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma questo è un po' diverso dai soliti film di vampiri...si ride anche...

      Elimina
  7. Con Bradipo la lista dei film da vedere però aumenta a dismisura. E mica se po' fa... =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e daje Valenti' se po' fa , se po' fa...

      Elimina