I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

martedì 3 febbraio 2015

Unbroken ( 2014 )

Louis Zamperini, figlio di italiani è un ragazzino problematico fino a quando scopre la sua bravura nel correre.
Diventa mezzofondista, guadagna prima una borsa di studio all'Università e poi addirittura il pass per correre alle Olimpiadi di Berlino del 1936 dove corre i 5000 metri piani segnalandosi per un finale portentoso.
Scoppiata la Seconda Guerra Mondiale fa parte dell'equipaggio di un B 24 che precipita nell'Oceano Pacifico e sopravvive con due commilitoni per 47 giorni mangiando pesce crudo e lottando con squali e caccia giapponesi che li prendono a colpi di mitraglia.
Catturato dai giapponesi finisce in un campo di prigionia in cui viene sottoposto ad ogni tipo di tortura da parte del sergente Watanabe.
Ma riesce a sopravvivere a tutto.
Unbroken è un film grandi firme che presenta addirittura i Coen , LaGravenese e William Nicholson alla sceneggiatura e il fido direttore della fotografia sempre dei Coen, Deakins che gestisce le luci.
Alla regia c'è il nome meno accreditato, Angelina Jolie, la signora Brad Pitt che decide di mettere al di fuori della lente dei riflettori occhioni a palla e labbra a gommone.
Unbroken è l'ennesimo biopic che Hollywood ci regala in questo ultimo periodo e sarà la stanchezza , sarà ormai l'abitudine, saranno soprattutto i 137 minuti , questo è stato uno dei più pesanti in assoluto.
Un mattone che occhieggia alla Hollywood classica senza averne un minimo della grandeur e dell'intelligenza, ma solo un becero manicheismo che divide tutti i buoni da una parte ( gli americani, e che te lo dico affa') e tutti i cattivi dall'altra ( i giapponesi che sono  veramente cattivi cattivi) e per dimostrare la sua tesi non esita a mostrare torture e sadismi di ogni tipo su questo povero tizio che riesce a sopportare veramente di tutto e di più.
E noi con lui, tra uno sbadiglio e l'altro e anche qualche risatina mal celata perché è tutto talmente esagerato, pomposamente sottolineato che talvolta si esonda nel ridicolo involontario.
E se accusavate American Sniper di essere solo un polpettone retorico patriottico filo americano , beh guardate questo film e vi ricrederete perché qui c'è l'apoteosi di tutta la retorica a stelle e strisce, quel patriottismo di grana molto grossa che piace tanto al pubblico americano e che serve a rimarcare un senso di appartenenza che veramente non è così necessario evidenziare ogni volta .
Unbroken è uno sterile esercizio di non stile che prende ispirazione un po' da tutti ( vedi Eastwood, vedi Spielberg ma anche il Nagisa Oshima di Furyo) ma senza cogliere l'essenza di nessuno, ci si ferma solo alla superficie, alla facciata.
E' tutto superficiale, sacrificato all'altare dell'esaltazione dell'individualismo americano in una gara ad idealizzare la figura di Zamperini , a fargli assumere quasi valenza cristologica ( la scena della trave).
E' troppo, cara signora Pitt, troppo e tutto insieme.
Unbroken è il classico polpettone hollywoodiano indigesto che ti rimane di traverso nell'esofago .
Talmente esaltato nel descrivere le gesta atletiche di Zamperini che si dimentica di dire che lui a quelle Olimpiadi  in finale è arrivato ottavo.
Ma decisamente primo nella sopportazione del dolore, eroe americano incrollabile.
Parafrasando quanto detto da altri ...e  basta co' sti biopic che avete rotto , voglio solo mostri giganti!

PERCHE' SI : confezione eccellente, fotografia di grande pregio
PERCHE' NO : regia piatta senza personalità, troppa retorica e troppo patriottismo, polpettone di quasi due ore e venti che ti rimane di traverso nell'esofago

( VOTO : 3 / 10 )

 Unbroken (2014) on IMDb

19 commenti:

  1. mi rivedo Furyo che è meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è meglissimo....non l'ho scritto ma mentre lo vedevo l'ho ribattezzato Furyo, cavallo del west....

      Elimina
  2. Cattivissimo! Meno della metà della media su imdb xD Un po' mi ispirava, più che altro perché odio la Jolie, ma volevo vedere come se la cava DIETRO la cinepresa. Però, come ho già ribadito più volte, i biopic mi risultano parecchio indigesti, quindi non so se lo guarderò, alla fine :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cattiveria del tutto meritata...polpettone pesantissimo...

      Elimina
    2. Sì, sì, ma infatti sicuramente hai ragione :)

      Elimina
  3. Se non altro qui la retorica e il patriottismo sono già più comprensibili rispetto ad American Sniper, visto che Zamperini è un personaggio di ben altro livello rispetto al ridicolo Chris Kyle e la Seconda Guerra Mondiale è ben altro conflitto rispetto alla guerra inventata in Iraq.
    Per il resto si tratta di due pellicole più anonime che classiche in cui Eastwood e la Jolie avrebbero potuto fare a cambio alla regia o essere sostituiti da un robot e nessuno se ne sarebbe accorto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Oggi hai l'onore (si fa per dire) di essere citato su Pensieri Cannibali. ;)

      http://www.pensiericannibali.com/2015/02/i-origins-e-starry-eyes-due-film-al.html

      Elimina
    2. la Jolie cerca di imitare a destra e manca ma non ne ha neanche la capacità, sulla statura eroistica delle due figure effettivamente c'è da discutere...e grazie per l'onore!!!

      Elimina
  4. Ammazza, Peppa sta facendo una campagna contro American Sniper che è quasi politica!
    Ormai difende addirittura la retorica della Jolie!
    Kyle deve proprio avergli fatto un torto, a sbancare al botteghino e far parlare di se così tanto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah lo faranno parlare anche alla Notte degli Oscar....live on red carpet!!!

      Elimina
  5. Un film che proprio non mi ispira - nulla né a favore né contro la Jolie, è proprio la pellicola in sé che già dal trailer mi sa noiosa. Mi sa che a questo punto, Oscar o non Oscar, me la salto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più o meno me l'aspettavo ma mi sono "sacrificato " lo stesso...

      Elimina
  6. Ok, sono pronto psicologicamente a questa tortura medievale! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh mi pare appropriato definirlo tortura medievale....

      Elimina
  7. La noia regna sovrana!
    E un po' dispiace perchè Zamperini ha il suo perchè, ma davvero, la Jolie ha esagerato in tutto questa volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zamperini meritava un film molto migliore...

      Elimina