I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 9 aprile 2014

Il mio quattrozampe e io - Settechilidigatto

Eccoci arrivati al terzo appuntamento con la rubrica Il mio quattrozampe e io.
Ospite di oggi è la miticissima ( mitica non basta) poison, mastermind del blog viaggiando ( meno), un blog che , come dice la sua autrice a furia di viaggiare meno si è seduto al cinema. E ne parla in modo inconfondibile. Se non avete mai letto come analizza i film poison, beh vi siete persi veramente qualcosa che non dovevate assolutamente perdere.
Ma veniamo alla nostra piccola chiacchierata e cominciamo con la solita domanda.
1) Presentati e presenta il tuo fedele Settechilidigatto.
Sono una "signora di mezza età" ma va bene anche zitella mediamente acida e , considerato che c'è almeno un trittico di gatti abusivi che mi gira per casa, probabilmente destinata a diventare una gattara a tempo pieno quando andrò in pensione. Per il momento invece mi mantengo facendo la segretaria modello. Te lo devo dire che il capo è d'aa Lazzzio o lasciamo perdere ?( uh che brutta cosa, il poverino quest'anno sarà parecchio infelice e frustrato).
Settechilidigatto è un (bellissimo) gattone europeo regalatomi dal mio ex moroso , ed è un gatto brianzolo, essendo nato a Monza. E' arrivato nel 2001, dopo che il gatto che avevo prima ( che si chiamava Micio) era morto investito da un auto.
E per evitare che succedesse di nuovo, all'inizio cercavo di non farlo uscire di casa. Cosa che, se abiti in una casa in mezzo ai prati, è praticamente una mission impossible.
2) Ma Settechilidigatto ( e non sai quanto lo vorrei far incontrare con il mio duechiliemezzodicane ha un nome ufficiale?
Ehm...si. Pisellino.E smettetela subito tutti di ridere.
3) Che rapporto hai con gli animali in genere?
Gli animali mi piacciono molto. Se escludiamo insetti , aracnidi e miriapodi. E pipistrelli.
Accarezzo ogni animale che incontro. In Brasile ho accarezzato i coati che incontravo sul sentiero delle cascate di Iguazu, salvo scoprire che cerano dei cartelli grossi così che vietavano di farlo in quanto ritenuti pericolosi.Una delle cose più belle che ho fatto durante il viaggio in Australia è stata prendere in braccio un koala, un'esperienza fantastica. Sembra di tenere in braccio un bambino. Fantastico.
Amo i gufi ( e il mio ultimo tatuaggio lo dimostra) e trovo fantastici i pinguini , ma mi rendo conto che deve essere un po' complicato tenerne uno in casa.
Il mio primo animale da compagnia , non avendo mai preso i pidocchi, è stato una gallina americana che si chiamava Cinesina. La portavo con me in bicicletta, nel cestino della Graziella e mi divertivo molto. Lei non saprei, ma non si è mai lamentata.
Avevamo anche due galline ovaiole, ma con quelle non ci giocavo.
All'epoca avevo 5/6 anni e dalla cittadina vicina a Torino dove vivevamo , traslocammo nel ridente paesino in cui vivo ancora oggi ( Poisonville).Da una casetta con giardino a un alloggio in condominio.
Con le due ovaiole e la Cinesina chiuse in cantina. Era una cantina enorme, con il pavimento in terra battuta e sopra c'era la banca del paese. Che se fosse stato un film altro che I soliti ignoti...
Comunque , dopo qualche settimana dal trasloco, arrivarono dall'Emilia la nonna Maria e la zia Cesira. Chi mi legge da un po' probabilmente la zia Cesira se la ricorda: una specie di strega buona che sembrava la sorella gemella di Little Steven, Non propriamente un bel donnino.
Insomma arrivano "le nonne" e una sera per cena c'è il pollo. E il giorno dopo delle due ovaiole e della Cinesina non c'è più traccia.
Ecco svelato il motivo per cui la poison non mangia pollo. La stessa scena l'ho rivissuta al cinema , durante la visione di Blancanieves, dove la perfida Encarna cucina il pollo della povera Carmen.
Non ho mai posseduto un cane, nonostante mi piacciano tantissimo, perché ho vissuto sempre in condominio e, adorando i cani di grossa taglia, ho pensato che in un alloggio sarebbe stato troppo sacrificato.
Mentre il gatto, si sa, in casa dà meno problemi. E , soprattutto , puoi lasciarlo solo senza che ti distrugga la casa per dispetto.
Il primo gatto si chiamava Baffino , era un soriano simpatico.Quando mio papà lo portò a casa era un cucciolo e un giorno cadde dal balcone del primo piano. Non si era fatto nulla ( se è vera la storia che più cadono dall'alto più hanno tempo per girarsi e trovare la posizione migliore) ma non ha ripetuto più il gesto. Anche perchè poi traslocammo nuovamente , in un altro condominio,al piano rialzato , così il gatto il balcone lo usava per entrare e uscire di casa. Lo facevo pure io, ma questa è un'altra storia.
Per farlo tornare a casa bastava andare sul balcone e agitare un pacchetto di Dixies e lui nel giro di due minuti arrivava.
Ma un giorno non è più arrivato.
Non avendolo mai trovato spiaccicato per strada resto dell'idea che qualcuno l'abbia preso. Al posto del coniglio pasquale. Perchè non che i gatti li mangino solo in Veneto, che si sappia.
Nel 1997 traslochiamo nuovamente.
Finalmente una casa col giardino e io a mio padre " Prendiamo un cane!".
Combinazione volle che in quel periodo un'amica di mia madre aveva una cucciolata di pastori tedeschi.E noi ne prendemmo uno.
Se non che, madre, fanatica dell'ordine e dei suoi fiori nel giardino, che un cucciolo di pastore tedesco, tu mi insegni, si divertiva a distruggere,sviluppò un vero e proprio disagio nei confronti dell'animale e , siccome la scelta era tra l'avere una madre sana di mente senza cane o una madre disturbata con cane, il cucciolotto dopo una settimana tornò da dove era venuto.
Un po' di tempo dopo mio padre arrivò a casa con uno splendido gattino bianco e rosso, un po' carogna, ma tanto carino. Lo chiamammo Micio.
Nella primavera del 2001 io e il mio ultimo ex moroso andammo a Madrid.
Quando tornai a casa entrai in garage e , ancora prima di vedere i miei genitori, non so per quale motivo ma pensai tra me e me " Micio è morto".Infatti quanto entrai in casa trovai mio padre in lacrime. Il gatto era finito sotto una macchina il giorno dopo la mia partenza.
Così ex moroso decise di regalarmi un gatto. Andammo a sceglierlo assieme, a Monza.C'era questa cucciolata di gattini, tutti bianchi e neri. Inutile dire che li avrei presi tutti ma non potevo.
Era un sabato. la sua prima notte la passò a casa dell'ex, che il giorno dopo venne a trovarmi con questo micino in una scatola di scarpe. Quando mia madre lo vide arrivare dalla finestra con questa scatola coi fori in mano iniziò a dire" no, eh? Un altro gatto non lo voglio!!!"
E invece ...ex moroso non c'è più , mio padre se n'è andato nel 2007, mia madre un paio di anni fa e Settechilidigatto è ancora con me , a tenermi compagnia.
4) Come descriveresti il tuo rapporto con Settechilidigatto?
Siamo entrambi parecchio indipendenti, quindi la nostra è una convivenza pacifica. Quando era più giovane capitava che stesse via per giorni interi.Spesso tornava a casa ferito. Adesso , che inizia ad avere una certa età, è diventato molto più casalingo e affettuoso. Ultimamente ha preso l'abitudine di svegliarmi mettendomi le zampe in faccia. Ma con le unghie , 'sto fetente!
A volte capita che , mentre siamo sul divano, la sera , si metta improvvisamente a fissare un punto nel vuoto,come se stesse vedendo qualcosa: sai che mi fa paura? ( non ti preoccupare poison, è abbastanza comune negli animali di una certa età, è un segno di invecchiamento cerebrale che può essere corretto , almeno parzialmente con degli integratori alimentari a base di fosfolipidi).
5) In passato ti ho definito una Crudelia DeMon divertente e divertita e mi hai detto che questa cosa ti è piaciuta molto: invece tu come ti definiresti?
Definirmi è sempre stata una cosa che mi ha messo in difficoltà, mi reputo una persona normale, razionale e pragmatica, che cerca di non prendere mai le cose troppo sul serio. Non nel senso che sono superficiale, anche se forse potrebbe sembrare, ma trovo che fare una tragedia di ogni cosa non aiuta né a risolverla né a migliorarla, ed è per questo che non sopporto le persone che si piangono addosso perché il mondo sembra avercela ( sempre e solo ) con loro. Non è così , ma lamentarsi non serve a nulla , se non a rompere le scatole al prossimo.
6) Quanto ha condizionato la tua vita la presenza del tuo amico quattrozampe?
Sai che non lo so ? Direi poco. Se escludiamo il fatto che spesso gli faccio lunghi discorsi, il che non depone a favore del mio equilibrio mentale, credo che la presenza del gatto non condizioni particolarmente la mia vita.
Cioè , non è che mi capita di dire " stasera non vengo al cinema perché non voglio lasciare il gatto da solo", ecco.
Sono una brutta persona?
7) Se un giorno, tra cento anni, Settechilidigatto non ci fosse più , ti schieri col partito del " mai più un animale perchè dopo si soffre troppo", oppure cercheresti di prendere un altro gatto in casa?
Non ci ho ancora pensato. Affronterà il problema quando sarà il momento.
8) Una curiosità: a maggio ho appreso che farai un bel viaggetto in Vietnam.Come ti organizzi con il tuo amico Settechilidigatto?

Ho la fortuna di avere un vicino di casa a cui lascio le chiavi  e giornalmente viene a riempire le ciotole.Il problema è che non sono sicura che sia effettivamente Settechili a mangiare o i famosi gatti abusivi di cui parlavo prima,che , da quando ho installato la gattaiola, entrano ed escono come fosse casa loro. Una sera sono tornata a casa e ho trovato la gatta accoccolata sulla sedia , il gatto comodamente adagiato sul divano mentre di Settechili non c'era traccia. Ma ti pare normale?
9) Come si comporta dal veterinario? E' una specie di gatto di Satana che si diverte un mondo a lasciare segni di Zorro su chiunque gli capiti a tiro?
Ehm.Veterinario? Se dico che non ne vede uno dal 2006 mi denunci all'Ordine? però ricordo che si comportava bene. Per quanto riguarda segni di Zorro in compenso nel settembre del 2012 si è accanito contro di me e ho ancora un paio di cicatrici sul braccio.
10) Uno dei miei cavalli di battaglia, la domanda marzullesca: se la tua vita fosse un film? e se fosse una canzone?
Questa è davvero difficile.Se la mia vita fosse un film temo che sarebbe uno di quei mattoni che la gente non vorrebbe mai andare a vedere ritenendolo una specie di corazzata Potemkin, ovvero una cagata pazzesca.Se fosse una canzone sarebbe Amore che viene amore che vai di Fabrizio De André o Charlotte Sometimes dei Cure.
Insomma tutta roba allegra.
11) Quale è il tuo sogno nel cassetto?
Che i cassetti si riordinassero da soli, che in quello della mia lingerie c'è sempre un casino che non si capisce.
Non sono propriamente una casalinga perfetta.
12) Ok siamo giunti al termine: titoli di coda a questa intervista.
Dove è il bagno?

E con questo abbiamo finito la chiacchierata con poison.
Vi ricordo che fate sempre in tempo a mettervi in lista per parlare del vostro quattrozampe, basta commentare questo post o gli altri appartenenti alla serie.
Per le puntate precedenti:

Aria di novità per il blog...
Il mio quattrozampe e io - Bianca
Il mio quattrozampe e io - Persia, Milo e Nina

Per la prossima settimana in lista c'è Moz con una divagazione sul tema che ha voluto intitolare Quattrozampe in padella. Vedremo.
Alla prossima!











52 commenti:

  1. Sempre molto divertenti ed interessanti le intervista ai blogger con animali. Io non ne ho, ma data la mia pigrizia sceglierei anch'io un gatto, magari quelli senza peli che somigliano a E.T. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma.. senza peli per qualche forma di allergia? :)
      Se non si tratta di un gatto a pelo lungo non ha bisogno di molta... "manutenzione"
      Io il mio lo spazzolo spesso solo perché quando è in giardino non perde occasione di sdraiarsi nella terra. L'ho già detto che ho un gatto deficiente? :)

      Elimina
    2. No no, un tempo (università) ho abitato anche con due splendidi gatti norvegesi ma non erano i miei, davvero stupendi :) No mi piace proprio esteticamente, l'ho cercato su internet si chiama: Sphynx :)

      Elimina
    3. Diciamo che fra tutti i gatti questo sarebbe probabilmente la mia ultima scelta, nonostante pare siano di carattere molto socievole. Lo sai che - credo sia l'unica razza - sudano? E che probabilmente, tornando al discorso legato alla pigrizia sono molto più "impegnativi" di un gatto col pelo? :)

      Elimina
    4. Allora è un gatto-cane :D quindi passerei all'eccesso opposto Il maine cool (sulla carta è facile a dirsi, poi nel caso di acquisto credo sia più complicato trovarli, dico per entrambe le razze :)

      Elimina
    5. Una mia amica ne ha due, Rodolfo e Valentino. Sono splendidi. Enormi.
      Io trovo bellissimo (a parte settechilidigatto) lo Scottish Fold.

      Elimina
    6. Bellissimo somiglia molto al Gatto con gli stivali nella nuova versione :) A questo punto propongo a Bradipo la rubrica: Che animale ti piacerebbe avere?! :D

      Elimina
    7. Io ho già risposto: un pinguino! :)

      Elimina
    8. che bello questo confronto! Lo Sphynx è veramente bruttarello come gatto e poi da veterinario ti dico che è un gatto che potenzialmente può avere molti problemi, l'assenza di pelo lo è per esempio....sul fatto che sudano non è propriamente così ma è vero che hanno una forte attività delle ghiandole sebacee cutanee che in assenza di pelo serve a proteggerli dal freddo, dal caldo e dal sole.,..tutte cose che farebbe il mantello...se ce lo avessero:) io sono più un tipo da siberiano, norvegese o anche Maine Coon, gatto veramente bellissimo...

      Elimina
  2. Avevo perso l'intervista numero due mannaggia!
    Ora vado a leggerla..
    Interessante e molto ironica l'intervista con la nostra Poison..
    Simpaticissimo"Pisellino"..adoro i gatti bianchi e neri...
    Gran bella rubrica Vet caro, brava Poison!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella, sei sempre troppo carina! :)

      Elimina
    2. grazie Nella...il merito è tutto degli intervistati! :) e non mancare alle prossime puntate, per un po' di tempo si prosegue....

      Elimina
  3. Sul tema "mici investiti" avrei da aprire un libro... la maledizione di vivere in campagna e vicini alle strade, ne so qualcosa!
    Settechilidigatto è un bestiolo adorabile, dev'essere bellissimo da tenere in casa... e non sai quanto ti invidio per la "gattaiola" che ti regala così tante sorprese pelosotte in casa *__* Mi trovassi dei gatti "a random" sulle sedie farei salti di gioia (i miei un po' meno!) XD
    Comunque sappi che l'intervista ti ha resa meno Crudelia e più aMMora! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la gattaiola regala dei bei momenti.
      Io non oso pensare cosa succeda in casa mia quando io non ci sono. Ovvero per buona parte del tempo! :)

      (ma io sono tanto aMMorevole... ma non lo do a vedere!) ^_^

      Elimina
    2. ma poison vorrebbe sembrare tanto Crudelia,,,,ma non lo è , è aMMorevolissima!

      Elimina
    3. Ma non potrei mai sembrare Crudelia, non mi piacciono nemmeno le pellicce!!!! ;P

      Elimina
  4. Bellissimo settechilidigatto, gran bel gattone. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Settechilidigatto vien voglia di tritarlo di coccole...

      Elimina
  5. Immaginare Baffino mi fa tanto pensare a te, Poison, come a una di quelle adorabili bambine disegnate da Burton. Spero tu non ti offenda, anche perché è un complimento il mio! ^_^ Non sei una persona orrenda, e sappi che anche io nutro un grande "machedupalle" per quelli che si lamentano sempre e si piangono addosso. Un'altra grande intervista, evviva Bradipo e la sua rubrichina pelosa! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina, offendermi? Ma scherziamo? Anzi! I disegni di Tim Burton sono splendidi!!!! :)

      Elimina
    2. adesso poison la faccio offendere io: a casa mia Baffino è il soprannome di D'Alema, quindi quando ho letto Baffino ho pensato subito a lui.....ah ah ah non ti offendi vero poisonuccia? Grazie Valentina, sono contento che questa rubrica piaccia....

      Elimina
    3. ah ah ah ah!
      bradipo, per far offendere me ci vuole un sacco di tempo a disposizione, credimi.
      E poi insomma, D'Alema non sarà il massimo della simpatia, lo ammetto, ma c'è senz'altro di peggio in circolazione! :)

      Elimina
    4. ah ah meno male che non mi ha fatto pensare a Razzi o a Scilipoti.:)

      Elimina
    5. ecco, in quel caso forse avresti rischiato!!! :)

      Elimina
    6. ieri ho sentito un' intervista a Razzi in cui diceva che apprezzava la cucina casareccio abruzzese ( citazione testuale) e poi un'altra serie di frasi con congiuntivi e concordanze da paura...analfabetismo puro e questo è senatore e lo paghiamo pure 20mila euri al mese...a 'sto punto meglio eleggere Dudù ...se Caligola fece senatore un suo cavallo perchè non lo possiamo fare con Dudù?

      Elimina
  6. Ma come si fa a non voler triturare di pizzichi questa palla di pelo?? *___*

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah ah! L'importante è prenderlo quando è tranquillo, altrimenti lo fai a tuo rischio e pericolo!!!!
      (ha una forza del morso impressionante, e quando ti ha preso non ti molla. Sembra un rottweiler, più che un gatto!)

      Elimina
    2. ehi, Moz! Il prossimo in lista sei tu :) a breve ti contatto per organizzarci...perchè parleremo di Quattrozampe, vero ?

      Elimina
  7. Ma settechilidigatto è davvero stupendo! E potrebbe avere la sua anima gemella nel gatto di mia sorella, che si avvicina alla stessa cifra mi sa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa, anche secondo me è un gran bel gatto, ma non lo dico - solo - perchè è il mio gatto, eh? :)
      Però non va molto d'accordo con gli altri gatti, che io avevo anche tentato di farlo socializzare con la gatta abusiva, ma niente...

      Elimina
    2. il gatto maschio vuole poca gente nel suo territorio , è fatto per essere il ras del quartiere, l'unico ras del quartiere...

      Elimina
  8. Risposte
    1. La gattara che è in me è tutta orgogliona! :)

      Elimina
    2. anche io sono tanto orgoglione :)

      Elimina
  9. Bello il gatto, bella l'intervista...

    RispondiElimina
  10. nooooo, l'hai chiamato davvero pisellino?
    povero, sarà un un gatto traumatizzato e schernito da tutti i suoi amichetti mici. :)
    decisamente meglio baffino, come il gatto della weird girl di frankenweenie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh.
      a mia discolpa posso dire che non lo chiamo mai per nome?
      (comunque NON è traumatizzato) :P

      Elimina
    2. Cannibal mi ha capito al volo! ^_^

      Elimina
    3. devo dire che i gatti non è che siano molto "dotati"....

      Elimina
  11. Adoro i gatti, e adoro la Poison. Questo racconto l'ho letto con grande piacere! Non conoscevo ancora questa rubrica, ora vado a leggere le altre interviste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che ti piacciano anche le altre...se vuoi , poi, ti puoi iscrivere....alle interviste...

      Elimina
  12. PATATONE! Ma dimmi, Poison, è così ciccioloso di suo o l'hai sterilizzato? (Bradipo, se è una leggenda metropolitana correggimi, ma è vero che gli sterilizzati si inciccioniscono?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari, la seconda che hai detto. Però d'estate diventa un figurino, eh? :)

      Elimina
  13. bella intervista complimenti a tutti e due è un piacere conoscervi meglio

    maste il gattaro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maste, grazie. Anche a nome del gatto, ovviamente! :)

      Elimina
    2. grazie Maste...ma tu sei iscritto? se vuoi le iscrizioni sono sempre aperte....

      Elimina
  14. No, Mari, non è una leggenda metropolitana purtroppo. I gatti sterilizzati tendono ad ingrassare semplicemente perchè l'asportazione di ovaie e testicoli gli fa ridurre il metabolismo basale di circa il 30 %. E' come se la tua automobile consumasse il 30 % in meno e capisci bene che siccome il più delle volte il gatto mangia sempre la stessa quantità di cibo anche dopo che ha fatto l'intervento allora ingrassano...

    RispondiElimina