I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 30 aprile 2014

Alive and Kicking

Abbiamo letto tutti i messaggi che ci sono arrivati e cercheremo di rispondere appena possibile, uno a uno.
Per il momento non possiamo far altro che ringraziare, ci siamo sentiti molto confortati dalla vicinanza di voi tutti, per noi è stato veramente importante, non sapete quanto è stato importante.
La situazione ? bisogna aspettare.
Ci siamo sentiti ripetere questa frase decine di volte da decine di medici diversi.
Lucrezia dopo il primo intervento di sabato sera ne ha subito un altro ieri per svuotare quelle maledette sacche di pus.
Cinque ore in tutto di sala operatoria: un calvario.
Noi due fuori di quella porticina della rianimazione ad aspettare, stringendoci anche un po' per sentirci ancora più vicini.
Il telefono a squillare in continuazione , ogni squillo è un incitamento ad essere forti, a convogliare tutte le energie positive sulla nostra piccola.
Quella parete ormai la conosciamo millimetro per millimetro, abbiamo imparato anche tutte le divise degli infermieri dei vari reparti che vengono a suonare al campanello di quella specie di porto di mare, gli infermieri del reparto rianimazione con le loro giacchine blu e la scritta con caratteri vagamente spaziali, sembrano un po' come i corpi speciali di un esercito, un esercito di angeli pronto a vegliare sul nostro, di angelo.
Non invidio il loro lavoro, respirano il male e la sofferenza altrui  a tutte le ore e non è facile non portarsi il lavoro a casa in un contesto come questo.

Lucrezia è con noi, in coma farmacologico o sedata che dir si voglia, ma sente la nostra presenza, ci fa capire che in qualche modo ci percepisce. Stringe la manina sulla nostra.
Ci dicono che è molto reattiva che ha cercato anche di alzarsi e andarsene: la nostra piccola.
Sembra ancora più alta in quel letto d'ospedale, quasi non le basta più in lunghezza, i capelli lunghi le ricadono sulle spalle a malapena nascoste da una specie di lenzuolino termico.
E 'con noi e deve ritornare da noi senza quei tubi attaccati addosso e senza quei cerotti che ha ovunque.



Nei prossimi giorni probabilmente dovrà subire un altro intervento, stavolta meno invasivo per svuotare i suoi seni frontali e mascellari pieni di un pus bastardo che sta lì fermo, senza andare avanti né indietro.

Uno scherzo rispetto a quello che ha fatto, anzi sopportato fino ad ora.
Ma è sempre troppo per una bambina che non ha mai fatto del male a nessuno, talmente buona da arrivare quasi all'ingenuità.
Rivogliamo indietro il suo sguardo, il suo sorriso, non ce li possono strappare via così brutalmente, in questo modo infido e traditore.
Noi ormai abbiamo terminato le lacrime: vogliamo solo sorrisi e non vogliamo sentire più parlare di fili sottili a cui sono appese vite di bambini.


Vi ringraziamo ancora tutti quanti: quando la situazione si sarà un attimo stabilizzata, quando un raggio di sole entrerà nelle nostre giornate ,ci premureremo di rispondere a uno a uno ai vostri messaggi.
Leggerli ci ha toccato veramente nel profondo.


E per questo non troveremo mai le parole per ringraziarvi.


A presto!

18 commenti:

  1. Forza e coraggio amico! Siamo con voi!

    RispondiElimina
  2. Mi unisco solo ora agli auguri, al sostegno silenzioso, alle pacche sulle spalle. In bocca al lupo per tutto.
    Forza Lucrezia, facciamo il tifo per te!
    Chiara, una lettrice silenziosa

    RispondiElimina
  3. Bacia Lucrezia (nome bellissimo tra l'altro) da parte di tutti noi e dille che è una guerriera! Un abbraccio anche a te, tua moglie e tuo figlio...

    RispondiElimina
  4. Ancora una volta, siamo tutti con voi. E con Lucrezia.

    RispondiElimina
  5. Emi, mi informo ogni giorno tramite Franco... prego sempre che mi dia belle notizie.
    Fatevi forza tutti, io vi mando un grandissimo abbraccio!

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Un abbraccio ancora più forte, e un bacio grande alla piccola guerriera!

    RispondiElimina
  7. Appena finisce 'sta storia Lucrezia me la porto a Pianella e ci sfasciamo di arrosticini... ;) un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rilancio con un giro di lasagne e tortellini dalle mie parti!

      Elimina
  8. Ecco un nuovo giorno apportatore di nuove speranze. Nel buio s'accende una piccola luce: il desiderio di serenità. Lucrezia, lo sai che non sei sola nella sofferenza? Io ti sono vicina per donarti il calore di una preghiera tutta per te. Ciao tesoro. Serena giornata a tutti voi anche se non leggerete!

    RispondiElimina
  9. non mollate ragazzi e un abbraccio alla piccola

    RispondiElimina
  10. Forza Bradipo. Siamo con voi, un bacio enorme alla piccola grande guerriera.

    RispondiElimina
  11. Sei davvero carino a tenerci informati, sono certa che tutti attendevano tue notizie quanto me. Lucrezia ha un nome bellissimo e un super papà, e a quanto pare anche una gran forza. Tenete duro! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Vi abbraccio forte, tenete duro.

    RispondiElimina
  13. Quella bambina sta dimostrando una forza inimmaginabile! Spero nella maniera più assoluta che tutto possa concludersi nella migliore delle maniere!

    RispondiElimina
  14. Ho letto soltanto oggi tutta la storia...Un grande abbraccio e un in bocca al lupo ancora più grande a tutti voi e a Lucrezia!!!

    RispondiElimina
  15. Bradipo, vogliamo che la bambina si riprenda e regali il suo sorriso e la sua presenza a te e a tua moglie, coraggio, non ti angustiare, vedrai che tutto andrà per il meglio, un grande abbraccio da parte mia a te e alla tua bambina sperando di riaverti ancora qui...con lei ovviamente :)

    RispondiElimina