I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 18 aprile 2014

The Machine ( 2013 )

In un futuro molto vicino nel bel mezzo di una guerra fredda tra la Cine e l'Occidente, il Ministro della Difesa britannico segue da vicino le ricerche per approntare una serie di robot che abbiano caratteristiche il più umane possibili. Si parte da militari che hanno riportato gravi lesioni al cervello e si ricostruisce la parte mancante fabbricandola in laboratorio.Il problema è che queste ricostruzioni in laboratorio dopo qualche tempo perdono l'uso della parola. Il tutto viene controllato dal massimo esperto nel campo , Vincent Mc Carthy che in realtà distrae fondi dalla ricerca militare per riuscire a studiare nuove cure per sua figlia che ha una malattia generica incurabile. Si fa aiutare da Ava che però rimane accidentalmente ferita a causa di un bug in un militare ricostruito che fa una strage nel laboratorio . Viene  ricostruita parzialmente e le vengono testate le sue caratteristiche da umana  ma Vincent non sa che il Ministro della Difesa in realtà ha approntato una specie di Corpo Speciale formato da cyborgs per vincere un'ipotetica guerra se mai dovesse scoppiare.
Ma le macchine si ribellano...forse tutto il lavoro di Vincent è servito a qualcosa....
L'incipit di The Machine è parecchio intrigante, promette parecchio anche visivamente pur non essendo una produzione milionaria.
E intriga parecchio anche come tematiche: a parte il clima di guerra fredda che viene ricostruito tra Occidente e Cina in modo piuttosto sommario, suscita l'interesse la tematica sempre affascinante dell'Intelligenza Artificiale e di quando ( o anche quanto) da un organismo ricreato in laboratorio si riesca a ottenere caratteristiche umane dal punto di vista intellettivo e non solo fisico.
Anche perchè questi cyborgs, chiamiamoli col loro nome, sono in tutto e per tutto simili agli umani.
Il tema della ricreazione perfetta dell'uomo ha affascinato gli scienziati e anche il cinema praticamente dagli albori: parliamo di film come Il Golem, Metropolis ,Frankenstein e scivolando sempre più nel presente direi Il mondo dei robot ma soprattutto Blade Runner ( credo il testo filmico di riferimento in materia )fino ad arrivare al recentissimo Her in cui addirittura viene sorpassato il concetto fisico di robot in favore di un'intelligenza artificiale che è fatto solo di voce e fantasia.
The Machine è forte di queste suggestioni e ha una prima parte che le puntella per benino con un uso giudizioso degli effetti speciali ( anche perché il budget, diciamolo, è quello che è ) che però riescono perlomeno a dare un'impronta visiva personale al film.
Poi Caradog W. James, regista a me francamente sconosciuto, qui al suo secondo film dopo qualche cortometraggio, la butta in vacca con una seconda parte action in cui il cyborg creato da Ava organizza una ribellione di "macchine" e quindi si va con sparatorie interminabili e duelli a mani nude in cui il nostro robottone , pur se di fattezze femminili, ha una forza nella braccia come quella di un Bravo Simac e stende tutti.
Ora anche se all'inizio sembrava l'ennesima riedizione del mito di Frankenstein ma tutto sommato il film funzionava perché la relazione tra il Creatore e la Macchina era tenuta abbastanza sottotraccia, nella seconda parte esce tutto allo scoperto ( e anche il finale che mi guardo bene dal rivelare è molto esplicativo in questo senso) e viene data una svolta facile , anche banale a una storia che prometteva molto meglio.
Quello che resta è un film che ha dalla sua un look piuttosto accattivante e personale nonostante non sia stato realizzato con un budget da megaproduzione milionaria hollywoodiana , un pugnetto di riflessioni sul ruolo della tecnologia e dove possa portare il suo progresso, sulle aberrazioni insite in essa e sull'uso buono o cattivo che se ne possa fare.
Se infatti McCarthy la usa per fini " buoni" , c'è la sua nemesi, il Ministro della Difesa che se ne frega dell'uso civile perché vuole solo delle armi letali per vincere un'eventuale guerra contro la Cina.
Peccato che la seconda parte non sia all'altezza della prima e che banalizzi, forse anche per scopi commerciali quanto introdotto brillantemente nella prima metà del film....

( VOTO : 5,5 / 10 ) 

The Machine (2013) on IMDb

12 commenti:

  1. Risposte
    1. devo dire che si cerca di fare qualcosa di diverso ma solo con la prima parte , la seconda no, ma non è brutto brutto, è più un'occasione sprecata...

      Elimina
  2. Concordo con la tua recensione. Con tutti i difetti di questo film comunque resta qualcosa che non lo fa archiviare nel cassonetto cinematografico. io sono stata all'anteprima di transcendence e ti assicuro che nonostante il budget il film soffre degli stessi difetti ed è molto meno affascinante.
    Al momento su tutto vince Äkta människor, non ci sta storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. transcendence non mi ispira moltissimo ma uno sguardo glielo darò sicuramente...Akta manniskor vince su tutta la linea....

      Elimina
  3. Ok, io con questo non ci provo nemmeno, ma visto che lo avevo già adocchiato, grazie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è evitabile ma non è così brutto...

      Elimina
  4. Risposte
    1. c'è di molto peggio in giro tra gli schi -fies---

      Elimina
  5. Me lo sono procurato, presto lo guarderò... mi intrigava

    RispondiElimina
  6. per me è un'occasione sprecata, non è brutto ma poteva essere decisamente meglio...

    RispondiElimina
  7. questo film è già pronto e impacchettato, ora devo programmare la visione e me lo guardo :)

    RispondiElimina
  8. sono curioso di sapere che cosa ne pensi...

    RispondiElimina