I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 6 marzo 2014

Captain Phillips - Attacco in mare aperto ( 2013 )

La storia vera del capitano Richard Phillips e della sua nave porta container , la Maersk Alabama, che viene attaccata da un piccolo manipolo di pirati al largo delle cose somale. E' anche la storia del confronto tra lui e Muse, il capo dei pirati che vuole estorcere agli americani vari milioni di dollari per ridare indietro il capitano.
Naturalmente non finirà così perchè unità della Marina americana riusciranno a liberare il capitano e a uccidere quasi tutti i pirati.
Leggo di questo film che ha avuto 6 candidature all'Oscar....
Ditemelo che è una battuta e pure una di quelle riuscite male...hanno candidato anche Barkhad Abdi, il capo dei pirati, due parole in inglese messe in croce, denti alla Ronaldinho , un continuo digrignare di denti e una sudorazione impressionante?
E allora ridiamoci su...
Ammetto che Greengrass mi aveva fatto girare la testa ( in senso metaforico più che reale ) ai tempi di Bloody Sunday e anche di United 93 seppure in maniera minore. Poi la saga di Bourne, riletta alla sua maniera, con molta cinepresa a spalla e riprese a prova del più potente degli antiemetici e poi Green Zone in cui il suo cinema prestava il fianco a cospicue dosi di retorica militarista.
Per quanto mi riguarda un passo falso perchè seppure la sua regia nervosa appariva adatta al contesto, erano i contenuti che cominciavano a destare sospetti.
Con Captain Phillips - Attacco in mare aperto i difetti endemici del suo cinema , la retorica e un modo di gestire la cinepresa che può non piacere a tutti, vengono ancora di più allo scoperto.
Andando a stringere racconta la storia di un affettuoso padre di famiglia che viene strappato dalla sua vita e che si trova a duellare con un manipolo di fessi che vuole assaltare la sua nave.
Perchè alla fine si riduce tutto a questo: il bravo americano contro il cattivo somalo che ha anche l'aggravante di essere discretamente imbecille.
L'attacco in mare aperto è quello che il film perpetra ai danni di uno spettatore sballonzolato tra le onde da movimenti di macchina convulsi pur se confinati nello spazio stretto di una scialuppa di salvataggio ( a proposito non esistono più le scialuppe di una volta, ora sono dei suppostoni arancioni, praticamente dei cabinati con diversi posti a sedere dentro e sono addirittura poltroncine) e alla fine atterrato definitivamente da una seconda parte in cui viene fuori tutta l'organizzazione del cazzutissimo esercito americano che non si può far prendere per i fondelli dal primo pirata somalo arrivato.
Non si può negare che Greengrass si impegni con il suo senso dello spettacolo per rendere avvincente una storia che di per sè non è il massimo della suspense.
Troppo evidente il divario esistente tra i Seals americani e le loro tecnologie avanzatissime e questi quattro sfigati somali che cercano di tirare su qualche soldo da portare al locale signore della guerra.
Ottimo successo al box office americano con oltre 100 milioni di dollari incassati a fronte di un costo di 55 milioni ( ma dove sono stati spesi tutti questi soldi?) e forte di un più che positivo riscontro da parte della critica ufficiale e non, Captain Phillips - Attacco in mare aperto vuole raccontare uno di quegli episodi a loro modo storici ( la Maersk Alabama è la prima nave battente bandiera americana attaccata dai pirati da duecento anni a questa parte) per una nazione che di storia non ne può vantare molta.
Scontato l'interesse dell'opinione pubblica americana tenuta sulle spine per qualche giorno ma anche la totale ignoranza di questo episodio da parte di noi europei attratti più che altro dalla confezione del prodotto, dal suo contestualizzare una situazione incancrenita che si sta trascinando negli oceani di mezzo mondo e dal suo descrivere un pianeta a diverse velocità.
Il vero Muse è stato arrestato e condannato a più di 30 anni di carcere ma a vedere la vita che faceva prima di diventare pirata non sembra neanche che gli sia andata così male a differenza dei suoi amici.
Sarò un cuore di pietra ma di queste storie di bravi americani nel mondo ne ho un po' le tasche piene e se poi anche la confezione mi attrae pochissimo, la frittata è fatta....
Si, lo so , sono una brutta persona.....

( VOTO : 4 / 10 )

 Captain Phillips (2013) on IMDb

22 commenti:

  1. appena comincio a leggere il titolo inizio a sbadigliare, figuriamoci vederlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti gli zebedei me li ha fatti alla julienne...

      Elimina
  2. non sei tu una brutta persona.
    è questo che è un brutto film.
    un bruttissimo film.
    nammmmmerda ahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ..mi conforti parecchio :D

      Elimina
  3. Hanks basta a farmi passare la voglia di vedere qualunque film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addirittura leggendo recensioni di questo film, uno che il critico lo fa di professione aveva predetto che con questo ruolo Hanks si portava a casa l'Oscar facile facile...e invece non è stato manco candidato uah uah uah!!!

      Elimina
  4. Sono l'unico a cui è piaciuto un po...ok comincio a preoccuparmi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nico, se puoi consolarti pure io non l'ho trovato un film terribile...

      Elimina
    2. Nico è perchè dovresti preoccuparti? sai quante volte mi dovrei preoccupare io? hai pure poison che ti dà manforte...

      Elimina
    3. Beh su questo blog ho visto che in tutto siamo in 4 a cui non è dispiaciuto, non mi preoccupo più :P

      Elimina
  5. Non l'ho visto, e manco lo vedo. Se tu sei una brutta persona io allora cosa sono?
    Un mostro! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ! mi sono sentito una brutta persona perchè ho beccato praticamente tutte recensioni positive e mi stavo chiedendo se avessi visto un altro film o semplicemente se ero solo un cattivissimo me...

      Elimina
    2. scusassero tanto per il congiuntivp che non mi è scappato...invece di ero leggasi fossi....forse...

      Elimina
  6. Anche per me un film brutto, noioso e decisamente inutile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un fracassamento di due ore e 10 abbondanti...

      Elimina
  7. Quindi è brutto come dicono e come mi aspettavo... benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in rete però trovi anche un sacco di recensioni positive ...a me si è fermato di traverso nell'esofago...

      Elimina
  8. un'americanata ben fatto, a me non è dispiaciuto, tolta la tara dell'americanata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, io non sono riuscito a fare la tara all'americanata...

      Elimina
  9. A me è piaciuto, invece. E sono riuscito a sopportare Tom Hanks per tutto il film. Secondo me il finale coi cecchini che se ne vanno via dopo una "normale" giornata lavorativa e Phillips che non riesce a parlare mi ha colpito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me Hanks è bollito e anche da un pezzo...qui non mi è piaciuto , come tutto il film , del resto...

      Elimina
  10. il film è passabile e nulla più, ma Hanks è bravo, non capsico questo accanimento contro di lui, ultimamente in rete è una moda prendere di mira un attore, un attore che, come il caso di Hanks ha fatto ottimi film e ottime perfromance, insieme a film sbagliati e performance sbagliate non lo nego, ma sembra che si tende solo a ricordare quelle sbagliate e mai quelle azzeccate, è così con lui e con molti altri, boh, sarò io che sono particolare ,ma sta cosa non la condivido

    RispondiElimina