I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

domenica 11 ottobre 2015

Sicario ( 2015 )

Kate è una giovane agente dell'FBI afflitta da una dose incoercibile di idealismo nel lavoro che fa. Una perquisizione in una casa di narcotrafficanti che le fa scoprire decine di corpi murati nelle pareti la scuote profondamente e lo fa ancora di più il fatto che venga arruolata in una sorta di task force con poteri praticamente illimitati che combatte il narcotraffico con mezzi leciti ma soprattutto illeciti.
Nei sanguinari blitz oltreconfine Kate è costretta a guardare e a interrogarsi sulla moralità di quello che sta facendo o meglio che gli altri stanno facendo attorno a lei.
E' questa la polizia in cui si era arruolata?
E' leone oppure agnello?
Chi mi conosce sa che non apprezzo più di tanto il cinema hollywoodiano attento soprattutto al profitto cercando di non pestare i calli di nessuno e non sono particolarmente appassionato di lieti fine, materia in cui gli uomini al soldo degli Studios sono professori emeriti.
Mi piace moltissimo invece chi viene chiamato a lavorare da loro e cerca di non uscirne appiattito, asfaltato come spesso succede in nome del dio dollaro.
Oltre a questo il canadese Denis Villeneuve, oltre a confermare il suo modo di fare cinema, nei suoi due film americani , Prisoners e Sicario ,  per l'appunto, ha dimostrato di non lasciarsi impressionare più di tanto dalla codifica dei generi in cui si è immerso ,flettendoli a proprio piacimento e al suo modo in fondo neanche tanto sottile di criticare profondamente la civiltà americana fatta di giustizia fai -da-te e di esportazione illegale di democrazia e di legalità ( presunta), cosa in cui gli yankees storicamente hanno sempre "brillato" da mezzo secolo a questa parte.
E la cosa che mi vien da pensare è che il punto di vista di Denis Villneuve sia quello di un canadese che guarda il vicino americano con quell'aria di sufficienza che si ha quando si guarda un essere inferiore.
Sicario è un poliziesco sotto mentite spoglie che presto assume le fattezze di un film di guerra combattuto in scenari urbani che sembrano a un passo dall'apocalisse e paesaggi simil lunari che sembrano aver appena oltrepassato l'apocalisse di cui sopra.
E' uno strano ibrido cinematografico che a tratti ricorda Traffic di Soderbergh ma che stilisticamente è molto più vicino a Zero Dark Thirty della Bigelow.
Gli USA combattono una guerra sporca e non gli interessa macchiare le proprie mani di sangue innocente, di effetti collaterali, calpestano senza problemi leggi e procedure, si fanno beffe del diritto internazionale.
La task force di cui Kate si trova a far parte è formata da uomini perennemente in missione che se ne strafottono di leggi e normative.
E se questi uomini non si pongono alcun dilemma morale ( vedi il personaggio di Del Toro che è animato da puro senso di vendetta, se non si vendica non sa più chi è ) , questi stessi dilemmi morali sono dei macigni insostenibili sulla coscienza di Kate, forse troppo giovane , sicuramente troppo idealista  e probabilmente senza quell'occhio della tigre che serve in questo tipo di lavoro.
Se moralmente l'assunto di alcuni personaggi chiave del film è assolutamente esecrabile e non condivisibile d'altra parte abbiamo una sorta di massa indifferenziata di narcotrafficanti, ammanicati con la polizia messicana e che non danno alla vita un valore altissimo, diciamola così anche se suona come un pietoso eufemismo.
Ecco quindi che Sicario diventa una lotta all'ultimo sangue in cui si distinguono i buoni dai cattivi ma i cosiddetti buoni si distinguono dagli altri solo perché portano una casacca diversa e sono stipendiati da uno Stato confinante, perché i metodi sono all'incirca gli stessi.
Per i protagonisti di Sicario il confine tra USA e Messico è solo un dettaglio geografico.
Così come riempirsi vicendevolmente di piombo caldo.
E Kate non riesce a far parte di questo mondo.



PERCHE' SI : sequenze di altissimo cinema, critica feroce al sistema americano, Del Toro magnifico ma anche una Blunt inaspettata.
PERCHE' NO : difficile trovare difetti: forse Villeneuve a volte si fa trasportare dal voler consegnare a tutti i costi un messaggio al pubblico.


LA SEQUENZA :l'assalto al tunnel dei narcos.



DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE:

Villeneuve è oramai regista a cinque stelle.
Devo procurarmi assolutamente il suo Enemy che mi è colpevolmente sfuggito.
Non mi aspettavo una Blunt così fragile e cazzuta ( ma non abbastanza) allo stesso tempo.
Del Toro con la sua sola presenza illumina la scena. Che carisma che ha quest'uomo.


( VOTO : 8 / 10 )


 Sicario (2015) on IMDb

20 commenti:

  1. film immenso, che mi ha fatto scoprire un grande regista, urge recupero di tutti i suoi film precedenti. Blunt e del Toro da applausi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Villeneuve è veramente un grandissimo regista...recupera la sua opera ....

      Elimina
  2. Gran film, sfiora il capolavoro. E' la dimostrazione di quanto, anche alle prese con un film di genere, la mano del regista sia fondamentale. Il confronto, ad esempio, con Black Mass (altro film di genere) è davvero impietoso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. totalmente d'accordo con te...qui c'è un regista di là c'è un calligrafo...

      Elimina
  3. Visto ieri, concordo su tutto, mentre lo guardavo pensavo, dai che Villeneuve finalmente ha fatto il film che mi aspettavo da lui, la scena dei SUV.. Che meraviglia! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  4. di Denis Villeneuve ce n'è uno e basta.
    un suo film minore per tanti altri sarebbe il capolavoro della vita.
    che il dio del Cinema lo conservi a lungo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante e da condividere, che il dio del Cinema ce lo conservi a lunghissimo...

      Elimina
  5. Del Toro veramente incredibile. Il film mi è piaciuto molto, anche se ho notato che nell'ultima parte hai citato Enemy, ebbene preferisco il film interpretato da Gyllenhaal (ovviamente mi riferisco solo ai film di Villeneuve), devi assolutamente recuperarlo quanto prima perché io l'ho trovato fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao e benvenuto sul blog! lo devo recuperare Enemy, poi ti dirò, Del Toro ha un carisma e un magnetismo che pochi hanno...

      Elimina
  6. Film davvero potentissimo.
    La sequenza del tunnel è Cinema puro.
    Villeneuve ha veramente spaccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e lo ha fatto da dentro Hollywood , quindi merita ancora di più....

      Elimina
  7. Se gli dai 8 allora non è da perdere! Inoltre mi ispira un casino ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non te lo devi assolutamente perdere...

      Elimina
  8. La pensiamo allo stesso identico modo, anche nel voto.
    Molto interessante, non c'avevo pensato, il fatto che Villeneuve sia canadese, hai ragione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me lo fa notare anche in Prisoners...

      Elimina
  9. Io ho tergiversato troppo e alla fine al multisala della mia città l'hanno levato... fuck... spero lo ripropongano in stile "ultimo spettacolo a prezzo ridotto", altrimenti sarò costretto a mangiarmi le palle fino all'uscita in dvd...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. n on te lo devi assolutamente perdere...

      Elimina
  10. Chissà quando potrò recuperarlo, al cinema non ho fatto in tempo e l'hanno tolto ma questo lo voglio vedere assolutamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uscirà prestissimo in dvd.....credo vista la sua apparizione abbastanza fugace nelle sale...

      Elimina