I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

sabato 1 marzo 2014

Philomena ( 2013 )

Irlanda 1952: Philomena, adolescente, è incinta , è stata ripudiata dalla sua famiglia e viene accolta in un convento di suore che la fanno partorire, le danno da lavorare ( con orari disumani da schiave  ) e le permettono di vedere il figlio un'ora al giorno. Finchè un brutto giorno, lo danno in adozione, anzi per meglio dire lo cedono dietro pagamento di un corrispettivo in denaro, in poche parole lo vendono, a una ricca famiglia assieme a un'altra bambina.
Una terribile consuetudine ad opera di queste suore sedicenti timorate di Dio.
Nel 2002, quindi ben 50 anni dopo, Philomena ancora non si è rassegnata alla perdita del figlio e sta cercando in tutti i modi di trovarlo. E' aiutata nella ricerca da Martin, giornalista appena silurato dalla BBC per ragioni politiche , che cerca una storia forte da raccontare in un articolo per il suo direttore di giornale.
Le loro ricerche li porteranno in America e alla scoperta di un figlio mai conosciuto nonostante i depistaggi del convento che aveva accolto Philomena nei suoi anni dell'adolescenza.
E invece di un semplice articolo, Martin racconterà tutto in un libro. Un bestseller.
Philomena di Stephen Frears è tratto da un'incredibile storia vera raccontata da Martin Sixsmith nel libro " The lost child of Philomena Lee" a testimonianza che la realtà supera sempre la più fervida delle immaginazioni.
Partendo da una storia raccontata già in modo furente e indignato da Peter McMullan nel bellissimo Magdalene, uno di quei classici film che ti inducono lacrime di commozione e di rabbia una volta arrivati ai titoli di coda e anche ben oltre, Frears adotta un'altra prospettiva : quella del contrasto tra il fermamente ateo Martin e la credente convinta, nonostante tutto, Philomena Lee.
La pellicola si nutre soprattutto dei loro diversi modi di essere, della loro diversa estrazione sociale , della loro diversa identità culturale ( Martin scrive libri sulla storia russa, Philomena legge romanzetti rosa d'appendice ) ma soprattutto sul diverso grado di indignazione che hanno ponendosi alla ricerca del figlio perduto di lei.
Martin è furente con l'istituzione religiosa responsabile di brutture e depistaggi, Philomena è interessata solo a conoscere un figlio che non ha mai conosciuto fisicamente.
E quando appura l'impossibilità di farlo, è assalita dalla vera e propria brama di parlare con chi è stato a contatto con lui, per sapere veramente chi era il suo Anthony, per non farlo diventare semplicemente il Michael di qualche altra, come dice lei in un importante passaggio del film.
Tornato nella sua natia Inghilterra Frears  ritorna a dare il meglio di sè in un film dalla struttura narrativa semplice ma ricco di sfumature , di quelle increspature d'animo che nella sua carriera , perlomeno nei patri confini, è sempre riuscito a catturare con pragmatica maestria.
La sua regia non si concede mai voli pindarici ma la sua esperienza da narratore provetto permette di godersi appieno i duetti di una coppia di attori veramente affiatata: la Dench disegna un personaggio memorabile, uno sguardo luccicante su una vita piena di oscurità, una donna che pur limitata culturalmente riesce a dare un significato credibile al perdono cristiano ben più degli uomini di culto che incontra che teoricamente sono molto meglio attrezzati di lei a farlo, Coogan che il film lo ha cosceneggiato e prodotto è il suo brillantissimo antagonista , una voce del buon senso che ha le reazioni che avrebbe l'uomo comune di fronte a quello che è successo a Philomena.
Martin è la voce dell'indignazione, della voglia di urlare il proprio feroce dissenso in faccia a queste suore che nella loro vita hanno distrutto tante vite sotto l'egida della carità cristiana.
E non dimentichiamo che stiamo parlando della cattolicissima Irlanda.
Lei invece , dall'alto di un fede incrollabile mai venuta meno, è stata capace di perdonare.
Cristianamente.
Candidato a 4 premi Oscar da outsider ( Miglior film, miglior attrice protagonista, migliore sceneggiatura non originale, miglior commento musicale) Philomena è un film piccolo, intimista, struggente ma importante .
E' la rappresentazione visiva di una di quelle storie larger than life, la storia di un amore per un figlio perduto troppo presto e ritrovato troppo tardi.
Ma ciò basta per il cuore di una madre che non ha mai dimenticato i bellissimi momenti regalati dallo sguardo e dal sorriso di quel tenerissimo bambino.

( VOTO : 7,5 / 10 )

Philomena (2013) on IMDb

14 commenti:

  1. Pensa che proprio da cristiano, non m'ha strutto proprio per niente 'sta furbacchiata che inventa , rispetto al libro, un sacco di fasi strappalacrime di grande effetto.. eppoi, a me almeno, 'ste prese di coscienza scoppio ritardatissimo me mandano in bestia assai.. (pure quelle del figlio). Diciamo che il conventucolo di suore sadiche l'avrei visto bello scenario per uno di quei splatteroni che ti gusti con patatine e gelato.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma manco questo ti è piaciuto? c'hai proprio il cuore di pietra....

      Elimina
  2. oddio, pure a te è piaciuta 'sta robetta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ho letto la tua recensione ...cattivissimo te...a me è piaciuto e credo che non sia defilippiano, ma molto misurato...

      Elimina
  3. A me ha convinto un pò meno, però mi è "piaciucchiato"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è un capolavoro me l'ho trovato solido e intenso nei punti giusti...

      Elimina
  4. E' un bel film, non si può dire il contrario. Paradossalmente, il suo limite sta proprio nella sua 'perfezione': tutto fila liscio, tutto torna, ma è una pellicola che ti sembra di aver già visto ancora prima di entrare in sala. E' un film che ti restituisce esattamente quello che ti aspetti. A Venezia Bertolucci, interrogato sul motivo per cui 'Philomena' era rimasto fuori dai premi, rispose senza esitazioni: "Volevamo premiare film che potessero stupirci, pur con le loro imperfezioni, e Philomena non era proprio uno di questi..." Mi trovo assolutamente d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, sai già quello che ti aspetti ma è meno furente di un Magdalene tanto per fare un esempio. E' riconciliato , forse un po' perfettino, vero ma ha è intenso nei momenti giusti...

      Elimina
  5. Film molto british e per questo molto adorabile! Judi Dench fenomenale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Dench è attrice coi controfiocchi...

      Elimina
  6. Non sarà il filmone dell'anno, ma si lascia guardare e riscatta una prima parte un pò lenta con una seconda decisamente più incisiva. Una buona sorpresa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credevo che era un melodramma un po' lacrimevole e leccato e invece sotto questo punto di vista mi ha sorpreso in positivo....

      Elimina
  7. peccato che non vediamo soffrire le pene dell'inferno, per la suora cattiva, ma il film merita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la suora cattiva è veramente luciferina....

      Elimina