I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 7 marzo 2014

Lone Survivor ( 2013 )

Marcus Lutrell e il suo team di Navy Seals comandato dal tenente Murphy, sono mandati in missione per catturare uno dei leader talebani più sanguinari,Ahmad Shahd. Lo individuano ma sono tagliati fuori dal resto dell'esercito e vengono scoperti allorchè casualmente si imbattono in alcuni pastori che ne denunciano la presenza ai talebani. Ingaggiano un confronto a fuoco impari che dura moltissimo tempo in cui i quattro venderanno cara la pelle. Soccorso dalla gente di un villaggio in aperto contrasto con i talebani, Lutrell, unico sopravvissuto sarà liberato dai suoi commilitoni che spazzeranno via i talebani  che intanto avevano attaccato il villaggio in cui si era rifugiato il soldato americano.
Dopo Captain Phillips - Attacco in mare aperto di ieri ecco una nuova puntata di America contro Resto del mondo.
Ma stavolta gli yankees vincono, almeno dal punto di vista cinematografico.
In Lone Survivor al posto di quattro sfigati somali pirati per caso, ci sono orde di talebani tutti con il loro bel barbone, il loro copricapo e soprattutto tutti armati fino ai denti.
Da Peter Berg dopo quella tamarrata galattica di Battleship , ai limiti dell'inguardabile, era lecito aspettarsi qualcosa di similmente cafone e super retorico, quindi mi sono apprestato alla visione di Lone Survivor con tutte le riserve del caso.
E invece, miracolo dei miracoli, nonostante non ami particolarmente i war movies , la retorica militarista e il solito pippone su quanto sia cazzuto l'esercito americano, questo film non mi è dispiaciuto per niente.
Un po' come era successo con Special Forces - Liberate l'ostaggio, produzione francese che mi aveva solluccherato non poco pur dotato di ingredienti non di mio particolare gradimento.
Anzi sembra proprio che Lone Survivor sia un po' come la versione full optional di Special Forces - Liberate l'ostaggio, il classico film in cui la macchina da produzione americana dimostra tutta la sua opulenza e la sua capacità tecnica schiacciando senza pietà le velleità artistiche del cinema al di qua dell'Oceano.
Certo, tutta questione di budget, ma anche un senso dello spettacolo tipicamente a stelle e strisce al servizio di una regia nervosa e di un montaggio asfissiante che fanno la differenza.
Se poi Berg ha la bella idea di non creare delle icone eroiche ma semplicemente dei ragazzi che prendono la loro missione in Afghanistan come semplice lavoro e non come quella lotta per i supremi ideali di libertà che crea una retorica tronfia e fastidiosa, allora il film parte col piede giusto.
I talebani sono infidi e soprattutto hanno una superiorità schiacciante in termini di numeri , i quattro della missione sembrano destinati a morte certa e proprio questo crea quell'empatia per quattro giovani mandati a morire che in altre pellicole sembra mancare.
C'è la rappresentazione di un mondo afghano in cui non esistono solo i talebani e i soldati dell'esercito americano, esistono anche afghani che non sono talebani e che hanno un loro preciso codice d'onore.
E questo va ad onore della macchina schiacciasassi hollywoodiana che in genere è abituata ad asfaltare tutto , appiattendo fatti e personaggi.
Berg riesce a fare un buon lavoro con i personaggi, non solo cowboys senza macchia e senza paura , mostrando il loro quotidiano ( non particolarmente eccitante) e il loro approcciare davanti alla concreta possibilità di morte imminente , mettendo in primo piano anche le loro paure e tecnicamente  riesce a confezionare un prodotto mostruoso sotto il profilo del realismo , con un montaggio e un sonoro impressionanti.
 Lone Survivor ( un titolo che è uno spoiler gigantesco) è un bel war movie che non cambierà la vita di  nessuno ma permette due ore di intrattenimento onesto seguendo una di quelle storie vere che piacciono tanto agli americani.
Che quando si tratta di celebrare se stessi e la propria giovanissima storia andando a scovare aneddoti sconosciuti al di fuori dei loro confini, sono sempre in prima fila.
Ma stavolta la retorica militarista e nazionalista è tenuta più a bada del solito.
E questo va a tutto vantaggio di noi spettatori....

( VOTO : 7 / 10 )

Lone Survivor (2013) on IMDb

17 commenti:

  1. fammi indovinare: ne rimane solo uno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non ti si può nascondere niente!!!

      Elimina
  2. Ero pronta a randellarlo come si deve anche io, ed invece mi è piaciuto...(recensione a breve...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io partivo discretamente prevenuto ....

      Elimina
  3. allora me lo vedo con piacere... spero solo non deluda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai tranquillo ti piacerà sicuro...

      Elimina
  4. non pieno di retorica come altre americanate del genere, però comunque sempre troppo retorico per miei gusti. i titoli di coda in tal senso bastano e avanzano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me vedere le fotografie dei veri protagonisti non dispiace, diciamo che è un tipo di retorica che riesco a tollerare...

      Elimina
  5. Devo dire la verità a me i polpettoni di guerra con la banda degli onesti , l'inno nazionale , la bandiera piegata, l'eroe che si salva sempre, il ritorno a casa, non dispiace ..quindi guarderò senza alcun dubbio questo film..
    Grazie e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a dir la verità a me non piacciono tantissimo i war movies ma questo ha quel qualcosa in più che me lo ha fatto apprezzare...un saluto!

      Elimina
  6. Decisamente un ottimo prodotto, apprezzato anche dalle mie parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e anche tu come me non è che apprezzi tantissimo il genere...

      Elimina
  7. Ne ho sentito parlare così bene che ho deciso di vederlo. Tu confermi più o meno quello che ho sentito in giro. Aspetto fiducioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un buon prodotto che è andato oltre i miei preconcetti...

      Elimina
    2. Visto, ne parlerò domani ;)

      Elimina
  8. Dunque avevo ragione a pensare che ti sarebbe piaciuto, e che si può tranquillamente accostare a Special forces in versione migliorata! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una versione full optional di Special Forces...mi è piaciuto...

      Elimina