I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 31 marzo 2014

L'ultima ruota del carro ( 2013 )

La storia di Ernesto Fioretti attraverso l'Italia che dagli anni '60 arriva ad oggi attraverso tutte le tappe intermedie. Tifoso della Roma, trascorsi scolastici  mediocri tanto che il padre lo prende subito a lavorare con sè, la sua vita scorre nel lavoro ,  nel rispetto della sua grande storia d'amore per Angela e il passaggio marginale attraverso tutti i piccoli e grandi avvenimenti della storia italiana da fine anni '70 ad oggi. Il rapimento di Moro con il ritrovamento del suo corpo in via Fani, una breve carriera come funzionario nel Partito Socialista, l'ascesa berlusconiana fino al mancato ricongiungimento col nuovo miracolo italiano con un biglietto vincente della lotteria finito in discarica. Un po' come l'Italia.
Basato sulla storia e sulle memoria di Ernesto Fioretti, autista suo e di altri attori e registi nel jet set romano, Veronesi sforna la sua personale versione di amarcord all'amatriciana.
La vita di Fioretti non è assolutamente straordinaria ma riflette in modo esemplare gli alti e i bassi di un Paese la cui storia è filtrata attraverso vicissitudini di ogni tipo che di rimbalzo fanno sentire la loro influenza sulla vita del protagonista.
Il problema del film è che se funziona abbastanza come bozzetto di una vita normale, anche buffa se vogliamo e quindi a tratti divertente, non funziona assolutamente come specchio della storia italiana dalla fine degli anni 60 a oggi.
I raccordi con la storia ufficiale sono grossolani e artificiosi, il personaggio di Giacinto impersonato da Ricky Memphis , pur abbastanza riuscito come simbolo di arrivismo selvaggio e senza scrupoli, il classico italiano, archetipo e prototipo del furbetto del quartierino, appare e scompare troppe volte nel film, acquistando quasi la valenza di un diavolo tentatore che ogni volta porta Ernesto sulla cattiva strada e lui ogni volta ci casca. Un po' troppo scioccamente.
L'ultima ruota del carro soffre del male endemico della commedia italiana odierna che cerca di raggiungere i fasti del passato pur non avendone la statura: è cinema ombelicale, prigioniero del suo provincialismo ( e infatti abbondano le macchiette regionali, si veda il personaggio di Rubini che nei momenti più concitati tira fuori il suo dialetto pugliese), ci sono alcune scene che fanno ridere e altre che sono mestamente patetiche anche oltre le intenzioni registiche ( vedi il racconto della malattia di Ernesto che da melodramma si trasforma presto in barzelletta) e soprattutto è veramente troppo grossolano nel restituire allo spettatore quello sfondo storico necessario ad inquadrare al meglio la vita di Ernesto Fioretti, vittima delle visioni "illuminate" di un amico un po' troppo sensibile ai miracoli economici italiani ma capace di sfruttarli fino in fondo, anche a costo di pagarne le conseguenze.
In fondo la storia di Ernesto è un'incompiuta per mancanza di coraggio, lui è destinato a essere quell'ultima ruota del carro come sempre gli ha detto un padre pragmatico e manesco, che lo strappò troppo presto alla sua vita da ragazzino.
Se Veronesi riesce nel bozzetto , quello in cui fallisce è nella visione generale di un film ambizioso ma irrisolto, con una chiusura faticosa e un andamento rapsodico non sempre convincente.
Pur avendo un Elio Germano nel motore, il Dustin Hoffman di Cinecittà che , pur esagerando dimostra la sua bravura  nonostante le orride parrucche sotto le quali viene nascosto.
Veronesi ha questa specie di Ferrari nel motore eppure lo tratta come un'utilitaria al servizio della solita commedia all'italiana, provinciale e un po' ottusa.
Forse anche lui è un po' un' ultima ruota del carro....

( VOTO : 5 / 10 ) 

  The Fifth Wheel (2012) on IMDb

8 commenti:

  1. concordo. in particolare la storia della malattia è condotta veramente male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è patetica oltre le intenzioni e poi i raccordi con la Storia del nostro Paese sono veramente grossolani...

      Elimina
  2. Sono d'accordo su quasi tutta la linea, e nonostante la tua amarezza generale rimane un gran complimento il tuo, quello che fai in chiusura. Veronesi potrebbe fare di più. Per me questo è uno dei suoi migliori film, ma una cosa non gli perdono: Eva dei Cesaroni NO. Te prego, No. Poi accanto a Germano la bruci come carta sul fuoco, in un attimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu dici che è un complimento? eh eh non era nelle mie intenzioni...volevo solo sottolineare la mediocrità del Veronesi regista.,.,

      Elimina
  3. Ne ho parlato anch'io... A me era piaciuto. Germano impeccabile come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh per stavolta siamo dalla parte opposta della barrricata...

      Elimina
  4. pare proprio che continuerò a perdermelo...
    anche perché ho una gran paura a vedere un film con la mastronardi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine non è lei il male assoluto del film...

      Elimina