I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 28 febbraio 2014

Nebraska ( 2013 )

Woody, incamminato sulla strada della demenza senile dopo una vita di eccessi alcolici, è convinto di aver vinto un milione di dollari a una lotteria che in realtà è solo una mossa pubblicitaria. Si mette in testa di partire dal Montana per arrivare al Nebraska, sua terra di origine per ritirare la vincita. E il figlio David,desideroso solo di accondiscendere l'ultimo sogno di un vecchio a cui è rimasto forse poco da vivere, decide di accompagnarlo in auto facendo visita al fratello del padre  e fermandosi ad Hawthorne, loro paese natale, a 200 miglia da Lincoln, città in cui devono ritirare il premio. David scoprirà tante cose sul passato del padre, tanti vecchi amici e "nemici", tanti avvoltoi che gli staranno intorno perchè convinti che veramente Woody ha vinto quei soldi, ma soprattutto padre e figlio si arricchiranno entrambi di un rapporto che probabilmente non avevano mai avuto.
Ormai Alexander Payne ci ha preso gusto : ha deciso che il road movie è il suo genere.
Genere cinematografico però declinato alla sua maniera, sbilenca, laterale, i suoi sono film di viaggio fisico ma soprattutto esistenziale e Nebraska ne è ottimo esempio dopo A proposito di Schimidt, Sideways e Paradiso Amaro.
La storia del vecchio Woody ( un grandissimo Bruce Dern che si è portato a casa il premio per miglior attore protagonista a Cannes ed è candidato anche all'Oscar) è anche un perfido excursus nell'ipocrisia di rapporti familiari di facciata, un viaggio in un passato complesso e irrisolto in cui vengono fuori i suoi problemi di alcolismo e tutta una serie di cosucce sepolte in un passato rivangato anche non volendo.
E David è lì, premuroso, comprensivo eppure sorpreso dallo scoprire diversi lati del padre che non aveva mai conosciuto prima, si trova nelle condizioni di chi scopre, nascosto in soffitta, sepolto dalla polvere degli anni che sono trascorsi, un vecchio album di fotografie di famiglia di cui ignorava l'esistenza e si mette avidamente a sfogliarlo.
La fame di conoscere il passato del padre e della sua famiglia e di rimbalzo qualcosa sulla sua infanzia trascorsa in quel di Hawthorne, piccolo paesello del Nebraska in cui il tempo sembra si sia fermato è la molla che spinge David nell'accompagnare le scelte di un padre un po' assente ma deciso a ritirare quel premio, come se fosse l'ultima cosa da fare nella sua vita.
Hawthorne, Nebraska :tutto immutato e tutto immutabile, una popolazione fatta dai ragazzi di cinquanta anni prima ora diventati vecchi e senza alcun ricambio generazionale.
E anche quelli che sono giovani dal punto di vista strettamente anagrafico ( i cugini di David ) sono irrimediabilmente vecchi dentro, resi decrepiti da un luogo senza prospettive se non quella di vegetare sotto il portico della loro casa a trangugiare lattine di birra economica, riunirsi davanti alla tv a vedere la partita, o trascorrere tristerrime serate al pub cantando il karaoke, un divertimento da pensionati parecchio in là con gli anni.
Payne ha poi il gusto beffardo di disegnare personaggi al limite del grottesco, forse anche oltre ( vedi i succitati cugini di David, due manzi che definire limitati mentalmente è già un gran complimento) e di orchestrare una sarabanda di rapporti familiari in cui il veleno viene sparso a piene mani.
Paradigmatico il personaggio della moglie di Woody, madre di David, che li raggiunge a Hawthorne assieme all'altro figlio, e che si toglie energicamente dei sassolini nella scarpa , in realtà dei veri e propri macigni in barba a qualsiasi rispetto e correttezza politica e religiosa ( da collasso la scena al cimitero in cui commenta le gesta terrene di molti trapassati che conosceva).
Tra L'ultimo spettacolo e Una storia vera , Nebraska è un viaggio alla ricerca di se stessi e di una dimensione mai avuta prima.
Il tutto filtrato da un'aura nostalgica che qua e là regala dei tocchi di vera e propria poesia.
Payne si dimostra ancora una volta a suo agio nel road movie a bassa velocità , canta ancora una volta l'America che non sta mai in prima pagina, quella delle profonda provincia in cui si capita sempre per sbaglio e non per reale volontà.
Il Nebraska più che un dettaglio geografico diventa quasi un approdo mitologico per anime perdute, lo sfondo ideale per una ballata folk suonata con poche , ma decise pennellate di plettro su una chitarra acustica che intona una melodia malinconica.
Bruce Springsteen cantava il  Nebraska, ora anche Payne lo canta in un bianco e nero morbido e avvolgente, struggente allo sguardo.
Il Nebraska è ovunque e in nessun luogo.
O forse tutti noi abbiamo un pezzetto di Nebraska nel cuore.
Tutto sta a ritrovarlo....

( VOTO : 8 / 10 )

 Nebraska (2013) on IMDb

20 commenti:

  1. Ce l'ho lì, eh. Presto lo guarderò anch'io, mi state invogliando tutti con le vostre belle recensioni!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il film che predispone bene...guardalo!!!

      Elimina
  2. film carino, ma non indimenticabile.
    il confronto con una storia vera lo perde nettamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me è piaciuto molto...il confronto con Lynch lo perde ma quello è un capolavoro e questo perde di stretta misura....

      Elimina
  3. Bellissimo. June Squibb è esilarante (la scena del cimitero, tra tutte) e il finale, questa staffetta generazionale, è splendido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la scena del cimitero mi ha fatto veramente collassare, lei è bravissima!!

      Elimina
  4. Gran bel film, solido e tosto. Ma anche dolce e malinconico.
    Il miglior Payne, per quanto mi riguarda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente Payne ha trovato la quadra riguardo al suo stile di fare road movies....ora forse gli conviene cambiare genere perchè un altro film come Nebraska difficilmente riuscirà a farlo...

      Elimina
  5. Mi è piaciuto davvero molto. Splendida fotografia, e storia coinvolgente e malinconica.
    Dopo WOWS questo è il mio preferito tra i film candidati all'Oscar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dò pienamente ragione...ma va a finire che 12 anni schiavo metta d'accordo tutti...

      Elimina
  6. A me ha colpito soprattutto la cinica ironia, promosso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di ironia amara ce n'è a bizzeffe!!! Promossissimo!!

      Elimina
  7. No vabbè...ma io devo vederlo! Non ce la faccio più con queste recensioni che solo a leggerle ti sembra di amare già il film. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo devi vedere e sicuramente ti piacerà!!!

      Elimina
  8. Anche la Poison aveva citato L'ultimo spettacolo, dovrò proprio vedermelo!
    Film lento e per questo da apprezzare, e ricco di un umorismo tutto suo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultimo spettacolo è un riferimento troppo evidente per essere ignorato ...recuperalo che è un capolavoro....

      Elimina
  9. Uno dei titoli più belli della stagione, uno sguardo amaro e malinconico su un pezzo d'America che non si vede mai: quella dei grandi stati del nord, immensi, desertici, spopolati, terribilmente ottusi e conservatori. Oltre che una bella riflessione sui rapporti familiari e la difficoltà di essere padri. Bruce Dern immenso, ma anche Will Forte (il figlio) è davvero bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me è uno dei titoli più belli della stagione, per gli Oscar secondo me il migliore è Scorsese ma non mi dispiacerebbe che vincesse questo film. E gli attori sono tutti straordinari....

      Elimina
  10. Bruce Dern è bravissimo, testardo e di poche parole, mai una di troppo

    RispondiElimina
  11. è vero . è bravissimo ed ha un personaggio fantastico!

    RispondiElimina