I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 7 aprile 2014

Nymphomaniac Volume 1 ( 2013 )

Seligman, uomo di mezza età, di buona cultura e scapolo , mentre torna a casa in un uggioso pomeriggio invernale trova in un vicolo, stesa per terra in stato di semincoscienza , una donna che afferma di chiamarsi Joe. La soccorre ma al suo rifiuto di farsi vedere da un medico se la porta in casa per darle un tè caldo e dei vestiti puliti. E lei ricambia raccontando la sua storia di dipendenza dal sesso, dei vari step che la cotraddistinguono , della storia d'amore con Jerome.
Il tutto condito con divagazioni filosofiche, matematiche, mistiche e dettagli sulla tecnica della pesca alla mosca.

La recensione che vi state apprestando a leggere non è quella voluta dall'autore, anzi è stata tagliata in più parti.

Ahhhhh!!! ci avete creduto , eh?

La recensione che state leggendo è priva di censure e consigliata a un pubblico adulto.

Venire accolti nel film con un paio di minuti di schermo nero e il pensiero che comunque si sta per vedere la prima parte , mutilata, di un film originariamente unico però diviso in due uscite per motivi commerciali ...beh devo dire che non predispone molto bene.
Un po' ci pensano i Rammstein a mettermi di buon umore, sono sempre un bel sentire , un po' come accomodarsi in un salotto dove ti stanno aspettando dei vecchi amici  casinisti e molto fuori di testa.
Un po' come Lars Von Trier. del resto uno che ammette chiaramente di non stare bene, di avere tutte le fobie di questo mondo e di un altro paio di mondi ancora, uno che si è aggiunto una Von fasulla nel cognome, ha sicuramente qualche problema di personalità, con il suo ego che balla la lambada con le prime racchie che gli capitano a tiro.
Però il nostro Lars è fubbbo, fubbbissimo e ha un fiuto da segugio di Sant'Uberto ( si dice che sia il cane con il naso migliore per ritrovare le tracce) per quanto riguarda il marketing.
Lui o chi per lui.
A scanso di equivoci io amo follemente Lars Von Trier , le sue fobie e quella che ritengo la sua genialità, il suo modo di fare cinema. Penso che sia un regista sempre e comunque oltre e che ad ogni uscita puntualmente rimarchi la distanza tra lui e il resto del panorama cinematografico.
Come ho già detto più volte è uno dei pochi registi di cui si parlerà tra 50-100 anni quando verrà studiato il cinema di questo periodo, in realtà non così fecondo di autori imprescindibili.
Lars von Trier per me lo è da quando vidi al cinema Le onde del destino, un ricordo indelebile che mi ha fatto recuperare tutta la sua opera antecedente a quello e non mi ha fatto perdere praticamente nulla delle sue opere successive.
Nymphmaniac Volume 1 ( ma presumo che anche il Volume 2 sia su questa lunghezza d'onda) ricorda parecchio Le onde del destino: entrambi divisi in capitoli, entrambi film sull'amore e sulle sue declinazioni anche le più sgradevoli  e poi i personaggi di Bess e Joe non sono poi così distanti.
Cercano amore , di dare e riceverlo, ma si scontrano con l'impossibilità di soddisfare questo loro desiderio. Se Bess lo fa per il marito paralizzato e per un senso di colpa mai sopito, Joe lo fa fondamentalmente per se stessa e cerca di compensare questa impossibilità ad amare ( e ad essere amata) con la quantità, con la stimolazione compulsiva dei propri istinti sessuali.
Nymphomaniac Volume 1 ( per adesso solo questo posso giudicare) non è un film pornografico nonostante qualche volta scivoli nella rappresentazione molto esplicita del sesso, non è un film per guardoni assatanati che non riuscirebbero mai a uscire vivi da un film porno che duri cinque ore .
E' un film sull'ossessione principale della vita di Von Trier: l'amore e le patologie ad esso inerenti.
La ninfomania del resto è problema clinico che lui affronta prendendolo un po' alla larga.
Più scrivo e più mi accorgo che sto ciurlando nel manico: non ho la più pallida idea di cosa pensare e scrivere di un film monco , censurato a sangue e la cui seconda puntata la vedrò, forse tra 20 giorni.
Però mi ha attirato con una misteriosa forza centripeta che non è legata alle grazie della giovane Stacy Martin che si concede generosamente alla macchina da presa , mi ha attirato con le sue invenzioni grafiche che ravvivano un film fondamentalmente da camera ( da letto), con il suo sproloquiare di argomenti che erano sepolti in me da quando andavo al Liceo ( i numeri di Fibonacci , ma pensa te....) e con un finale , provvisorio che si ferma a quel Cantus Firmus , potente ed evocativo ma che viene troncato proprio sul più bello.
Eppure non posso fare a meno di ammettere che per tutta la visione spesso la mente è volata via in associazioni sempre più ardite.
Del resto questo ultimo tango a Copenaghen si predispone molto bene.
E continuo a pensare che Lars Von Trier sia un gran burlone a cui piace giocare con i propri spettatori., ma soprattutto uno che sa magheggiare alla grande con  il marketing.
Di questo film si parla dapperutto, dalle canoniche a sotto i caschi del parrucchiere e quindi questo è già un grandissimo successo.
La prima cosa che ho pensato quando Joe comincia a parlare della verginità come una zavorra di cui liberarsi è che il nostro Larsuccio si è voluto fare beffe di tutto quel cinema americano indie , quello legato alla formazione e all'idealizzazione del primo incontro d'amore. Lui lo risolve in un'officina, in modo squallido, tre botte da una parte e cinque dall'altra , in pochi secondi, altro che le menate sentimental/indie superchiacchierate e superpippose.
La gara  sul treno: a parte che un treno come quello sarebbe il sogno di molti maschietti e a parte che Sophie Kennedy Clark sembra una copia sputata di Kirsten Dunst, la mente mi è tornata indietro a un vecchio film di Aldo Lado, L'ultimo treno della notte , in cui succedevano cose ben più tristi. Però l'aria anni '70 è la stessa.
Altra cosa che mi ballava da una parte all'altra facendo un tango con uno dei miei unici due neuroni rimasti è questa domanda: e se Von Trier ci avesse presi tutti per il culo e in realtà questo fosse il remake non dichiarato di Gola profonda ( solo che Mea Vulva, Mea Maxima Vulva Joe , il clitoride ce l'ha nel posto giusto)?
Credo che alla fine di questo Nymphomaniac Volume 1 si parlerà per le motivazioni sbagliate ma anche questo è dovuto alla campagna virale di marketing che ha creato delle attese spasmodiche non giustificate.
Ecco allora che il cinema in cui vai a vederlo si trasforma in una congrega di vecchi porconi vestiti con cappellone a larghe tese, occhialoni scuri a mascherare la maggior parte del volto e uno spolverino coloro grigio topo.
E anche quando prendi posto in sala vedi davanti a te tutte quelle teste isolate che ti fanno ripensare ai cinemini porno di una volta, quelli in cui se volevi entrare era meglio fare qualche vaccinazione, spettatori in solitario insomma e un gran via vai presso i bagni che però prima erano posti contigui alla sala e ci si accedeva facilmente, oggi per arrivarci devi fare quasi una cicloturistica non competitiva.
Eppure si procede senza troppi intoppi,nonostante un argomento da far tremare le vene nei polsi, pur con un andatura sinusoidale tra momenti alti ( a me per esempio quei dieci minuti in cui è in scena Uma Thurman mi sono sembrati la parte migliore ) e altri un po' meno alti ma secondo me funzionali allo scopo del film che vuole colpire intenzionalmente sotto la cintura .
Si veda ad esempio la sequenza in cui lei, col padre morente nel letto d'ospedale, sente il  bisogno impellente di farsi dare una ripassatina da un 'operaio, un risvolto di sceneggiatura che sembra estratto di peso da un film porno: " Lei lavora qui , tutto solo in queste brutte segrete nel sotterraneo dell'ospedale?" " Si, signora , proprio qui" " Ah che bello ! Allora scopiamo" nella tradizione gloriosa della Jenna Jameson di turno, una che la Joe del film se la mette nel taschino con tutti i record che ha battuto.
E già che ci stavamo il buon Lars ci poteva risparmiare la visione orrida del culone ignudo e peloso di Slater che è immerso nelle proprie deiezioni, vari baffetti di merda di cui avremmo volentieri fatto a meno.
Per concludere perchè qui parlo parlo e non sto dicendo niente:  giudicare Nymphomaniac Volume 1 è pratica ai limiti dell'onanismo cerebrale perchè è un film monco, senza finale e per giunta anche censurato.
Il problema grosso è che a causa di una campagna di marketing superaggressiva e fondata su qualcosa che in realtà nel film non c'è ( non è un film oltre i limiti della pornografia), questa pellicola arriverà anche, ma forse soprattutto, alle persone sbagliate, gente che non ha la minima idea di chi cazzo sia Lars Von Trier ma che sa benissimo che cosa sia una ninfomane.
Che cosa si è disposti a fare per un pugnetto di euri in più....

( S.V./ 10 ) 

Nymphomaniac: Vol. I (2013) on IMDb

26 commenti:

  1. per me amore a prima vista. concordo su tutto il resto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. innamorato no, ma mi ha attirato fortemente, aspetto la seconda parte...

      Elimina
  2. anche se nella recensione hai cercato di trattenerti, so che non vedi l'ora di vedere il volume 2...
    quindi quel furbone di lars, o chi per lui, ha centrato l'obiettivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e hai proprio ragione...non vedo l'ora di mettere le mani sulla seconda parte...

      Elimina
  3. Mah, sinceramente, come dici tu, Trier è furbo. Ma furbo e basta. E questo film ne è l'ennesima prova, dato che sinceramente a mio parere fa provocazione inutile su un campo sterile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io lo adoro ma devo ammettere che è uno fubbissimo e che si sa vendere molto bene...e comunque questo film è molto più provocante dal versante marketing che da quello cinematografico...

      Elimina
  4. Io conosco Von Trier da parecchio, eppure questo non ha evitato la delusione, seppur diversa da come me l'aspettavo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fino ad ora Von Trier non mi ha mai deluso, mi ha lasciato spesso interdetto a una prima visione ma poi mi ha sempre conquistato...

      Elimina
  5. Eppure sento molti "vontrieiani" convinti che si lamentano molto di questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un Von Trier a 24 carati...prendere o lasciare!

      Elimina
  6. Per me Von Trier non è un burlone o un furbo, è solo un nulla, come le sue pellicole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah e ci sei andato leggero: no, io la penso all'opposto di te, secondo me è uno dei pochi autori rimasti nel panorama cinematografico moderno...

      Elimina
    2. ah allora siam messi davvero male XD

      Elimina
    3. eh eh direi proprio di si...soprattutto io ;)

      Elimina
  7. a breve dovrei vederlo anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aspetto il tuo parere , allora! :)

      Elimina
  8. Ho letto la recensione ma con una mano sugli occhi, io devo ancora tentare la visione. Ma, da quel che ho letto, credo che il mio punto di vista sarà molto vicino la tuo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah potevi leggere....metto sempre segnaletica lampeggiante se spoilero....

      Elimina
  9. "non è un film oltre i limiti della pornografia" è come dire "questa mela non è che sappia anche di kiwi" oppure "questa Roma non è che arrivi oltre che seconda" (alla penultima giornata a dieci punti dalla Juve..). Consiglio Ti ricordi di me? come leggero disintossicante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intendevo solo dire che è qualcosa di molto diverso da quello che hanno voluto farci credere, Trier in primis che all'euretto in più di incasso ci guarda , eccome...

      Elimina
  10. Infatti il mio, di euretto, se lo scorda... ;)

    RispondiElimina
  11. il mio invece lo vede, lo vede....

    RispondiElimina
  12. Una delle recensioni più interessanti che abbia letto. Perché non si capisce il tuo chiaro sentimento, ma si capisce che Lars ha fatto centro pure stavolta. Vedere vedere, poi ti dico! ;-)

    RispondiElimina
  13. infatti ancora non so come pensarla e aspetto il capitolo 2 per saperlo...per adesso più che vedere il film ne sono stato letteralmente investito....

    RispondiElimina
  14. dire o scrivere che lars sia il mio regista preferito è poco,poi si ingelosisce nanni moretti,ma è davvero qualcosa di più. Fossi credente direi dio. Mi ha radicalmente cambiato la vita con il suo onde del destino ,e poi con le altre pellicole. Per cpaire che tipo sia , uno dovrebbe vedere le cinque variazioni. Complesso,contradittorio,eppure non un vuoto provocatore come tante e tanti mortacci loro credono: ma un Grandissimo Autore. Sul mio blog ho messo la recensione della mia morosa,questo non l'ho visto. Andar al cine da solo,a Monza, a vederlo...mah Preferisco il dvd a casa,senza gente cretina che sbuffa perchè voglio il porno ^_^

    RispondiElimina
  15. con me sfondi una porta aperta, anche io credo che sia uno dei pochissimi autori del cinema di oggi ..come al solito di primo acchitto mi lascia sempre interdetto e poi devo elaborare quello che ho visto...qui ho 20 giorni per farlo perchè per dare un giudizio devi vedere anche la seconda parte...

    RispondiElimina