I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 28 ottobre 2013

The Cloth ( 2013 )

Jason, un giovane non esattamente religioso, anzi che non crede a nulla, viene reclutato da padre Diekmen per far parte di un'organizzazione clericale segreta che si occupa del numero sempre crescente di casi di possessione demoniaca. Belzebù in persona è arrivato in Terra e mette in pericolo l'esistenza stessa dell'umanità. Toccherà a Jason  e agli appartenenti all'organizzazione del titolo ( The Cloth = Il clero ) il gravoso compito di fermarlo.
Questo film l'ho recuperato un po' di tempo fa e non mi ricordo perchè l'ho fatto visto che è in possesso di una valutazione su imdb.com che ha dello scoraggiante ( 2,8).
Forse l'ho recuperato perchè come un allocco ho visto il nome di Danny Trejo sparato a caratteri cubitali sulla locandina e sono stato preso in giro. Vorrei aprire una parentesi su quest'uomo, uno che ha ottenuto il successo tardi e che pare non se lo voglia far sfuggire monetizzando al massimo la sua attività che risulta copiosa oltre l'inverosimile. Questo The Cloth è uscito nel 2013 e il buon Danny oramai prossimo al traguardo delle settanta primavere è schedulato in circa 40 titoli posteriori a questo tra film che sta girando, che ha terminato, che sono in fase di post produzione e un paio di titoli in cui è annunciata la sua presenza.Avrà tempo per espletare le sue necessità fisioloogiche?
E veniamo alla sua partecipazione in questo film: praticamente un paio di pose in tutto, cinque minuti scarsi di pellicola su 90 , il suo è il nome più noto assieme a quello di Eric Roberts, anche lui in scena per non più di cinque minuti.
Danny Trejo recita, si fa per dire, nella parte di padre Connelly che vediamo all'inizio del film impegnato in un esorcismo: ora con tutto il bene che ci voglio a Danny Trejo, la sua non è una faccia da prete, nè mai potrà esserlo. Quel viso butterato, quel codino lungo , quel fisico massiccio non possono appartenere a un prete di nessun credo religioso.
Così come non è da prete il fisico di uno dei due protagonisti del film, tale Lassiter Holmes, un armadio semovente di quasi due metri, una carriera da giocatore di football e da avvocato , poi riposte nel cassetto per fare l'attore, con risultati che definire pessimi è un eufemismo.E' una specie di Stephen Seagal dei poveri, senza codino e senza conoscenze di arti marziali.
Anzi in confronto a lui  Seagal sembra un attorone degno di correre per gli Oscar.
L'altro protagonista è tale Kyle Willett che sembra un clone mal riuscito dell'Alex Pettyfer di Sono il numero quattro ( quindi non un modello inarrivabile) anche lui ridicolo nella sua inspiegabile mise da cavaliere templaro con tanto di enorme croce sul petto.
Per accorgersi del livello del film basta guardare la prima sequenza, quella dell'esorcismo: sembra fatto tutto a norma, anche se tutto appare tristemente derivativo, i due preti ripetono le loro formule tra inglese e latino e poi quando vedono che la posseduta sembra avere la meglio su di loro lo Stephen Seagal dei poveri tira fuori una specie di pistolone laser, qualcosa avanzato sul set di un film di fantascienza di serie B, e polverizza seduta stante la signorina indemoniata.
Insomma gli è piaciuto vincere facile.
Ora io guardo anche con comprensione questi film spazzatura , trovo sempre il modo di divertirmi ma questa pellicola fa parte di quel trash involontario che non fa nemmeno ridere, mette solo tristezza.
Un'agonia fatta di trovate estemporanee, effetti speciali molto rustici, recitazione da oratorio e snodi narrativi altamente improbabili ( ma sarebbe meglio chiamarli col loro nome e cognome: buchi di sceneggiatura che col passare dei minuti diventano voragini) che rendono The Cloth un blob indigeribile anche per i palati meno esigenti.
E pare che sia costato ben 4 milioni di dollari.
Una delle visioni peggiori dell'anno. Fino ad ora la peggiore.

( VOTO : 2 / 10 ) 

  The Cloth (2013) on IMDb

10 commenti:

  1. Sei il mio eroe!
    Dopo aver visto The Cloth" un mesetto fa mi è mancato il coraggio e la forza di recensirlo, ma tu, impavido paladino, non ti sei lasciato abbattere ed hai affrontato la titanica impresa con stoico e coraggioso masochismo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh addirittura! quando si tratta di demolire non mi tiro mai indietro...:)

      Elimina
  2. proprio da non perdere, insomma :)

    RispondiElimina
  3. Oddio, lo fai a pezzi e io voglio vederlo. Cioè, una cosa così brutta non posso perdermela :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa è brutta per essere brutta,neanche divertente come poteva essere Sharknado...

      Elimina
  4. Adesso che sto superando la mia esorcismifobia devo recuperare queste chicche assolutamenteXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è un insulto ai film di esorcismi!!!

      Elimina
  5. Siamo due allocchi allora, perché lo guarderei solo per Danny. Anzi, a maggior ragione, l'hai stroncato così tanto che ho già voglia di vederlo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Danny è in scena per non più di 5 minuti e 'sto film è brutto brutto brutto...

      Elimina