I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

domenica 20 aprile 2014

LE LETTURE CON CUI SONO CRESCIUTO



Ed eccoci arrivati a una nuova puntata di uno degli infiniti o quasi format creati dal Cannibale alias Marco Goi. Diamo a Cesare quello che è di Marco, per piacere. Come, dite che nun se fà?
Se fa se fa....
Questo format mi interessava parecchio perché fin da piccolo sono stato un lettore compulsivo . Ho imparato a leggere e scrivere da quando avevo quattro anni e da allora non ho più smesso...ehe he he
Oggi però le mie letture sono convogliate per altri lidi, leggo pochissimi libri di narrativa, quasi nessuno, in favore di saggi di vario genere ( ma fondamentalmente di cinema e di veterinaria, quindi inerenti alla mia professione) e molto del mio tempo è carpito anche da altre letture di vario genere, sempre più o meno inerenti l'attualità o l'aggiornamento professionale.
Può darsi che sia una sorta di compensazione con tutti i libri che ho letteralmente divorato fin da quando ero piccolo, instradato da un padre che è stato anche lui lettore compulsivo.
Allora cominciamo coi ricordi, perché tanto con la scusa di partecipare anche io ai vari format creati da Marco, vado a rivangare ricordi ormai sepolti da tempo.
In questa tornata metterò solo libri nella prossima tornata, se deciderò di farla ,metterò tutto il resto tra riviste e fumetti .

1) 20 mila leghe sotto i mari 
Più che un libro una leggenda per me che avevo 6-7 anni quando lo lessi per la prima volta. La prima di una lunga serie. C'era un tempo in cui la maestra a scuola dava dei premi agli alunni particolarmente volenterosi e si faceva " sponsorizzare" dalla tabaccaia del piccolo paese in cui andavo a scuola. Oltre a essere tabaccheria era anche naturalmente cartolibreria. L'unica del paese. Si faceva delle piccole gare o dei quiz e i premi erano gentilmente forniti dalla signora Aminta ( il suo nome di battesimo) che era felicissima di consegnarli ai vincitori.
Ma c'era un piccolo problemino: essendo sempre stato uno schifoso secchione a scuola anche senza volerlo la maggior parte dei premi la vincevo io e dopo un po' ( vari libri penne e giocattoli istruttivi dopo) la maestra decise che non era più il caso.
Uno dei libri che presi fu un'edizione illustrata di 20 mila leghe sotto i mari, un libro bellissimo che ho ancora con me e che ho fatto leggere anche ai miei figli in una sorta di passaggio generazionale.Devo dire che loro si appassionano con altro al momento.
Quel libro lo divorai in un pomeriggio e in una mattina e poi lo rilessi anche altre volte.
Quanto mi piaceva! e quanto mi piaceva Jules Verne, ho letto molti suoi libri....

2) Il giallo dei ragazzi : gli Hardy Boys e Nancy Drew
Beh qui siamo prima della fine delle elementari: c'era una piccola biblioteca scolastica che straboccava di questa serie di gialli per ragazzi e io ne ero consumatore abituale, erano come una droga per me.
Erano brevi , massimo 150 pagine, formato piccolo, adattissimi ai ragazzini della mia età perchè la violenza era praticamente assente ed era tutta questione di cervello e un po' di azione, senza spargimenti di sangue.
A me piacevano soprattutto gli Hardy boys, forse perchè un po' mi identificavo in loro, ma anche Nancy Drew non mi dispiaceva. Non gradivo molto quelli della serie I tre investigatori, Rossana o anche i libri dei Pimlico boys.
Per me il giallo dei ragazzi erano gli Hardy boys....chissà perchè non ne hanno mai fatto alcuna riduzione cinematografica, invece di Nancy Drew mi pare che l'abbiano fatta.

3 ) L'opera omnia di Arthur Conan Doyle
Non solo Sherlock Holmes ma soprattutto Sherlock Holmes: ho letto tutti i romanzi e i racconti in cui è protagonista Sherlock Holmes ma anche gli altri romanzi di Conan Doyle.
Sherlock era il mio mito, il suo cervello analitico, il suo savoir faire, la sua classe, da piccolo avrei voluto essere come lui. Non mi sono mai piaciuti i film con Basil Rathbone e ritengo un po' troppo apocrife le  ultime versioni in cui c'è Robert Downey a interpretare Mister Settepercento. Adoro il film La vita privata di Sherlock Holmes e anche la serie televisiva Le avventure di Sherlock Holmes realizzata tra il 1984 e il 1994.
Ancora non ho visto lo Sherlock di Benedict Cumberbatch per cui non lo posso giudicare.
Ho ancora i libri di Conan Doyle, chissà un giorno potrei anche riprenderli...

4) L'opera omnia di Agatha Christie
Ecco un'altra lettura che mi ha accompagnato per lungo tempo. Non credo di averli letti proprio tutti ma mi avvicino parecchio, Credo di aver letto tutti quelli di Hercule Poirot che per me era ed è tuttora un mito. E sarà che ho ammirato molto anche la versione che ne ha dato fino a pochissimo tempo fa il bravissimo David Suchet. Credo che sia una visualizzazione perfetta dell'investigatore belga e anche quel modo di camminare, lievemente caricaturale, rende benissimo l'idea di come era descritto nei libri della Christie.
I gialli della Christie erano una lettura rilassante e stimolante alla stessa maniera anche se raramente sono riuscito ad indovinare l'assassino di primo acchitto.

5) Il fantasma di Canterville
Terza media forse, tra di noi è scoppiata la mania di Dorian Gray, lo abbiamo letto tutti in classe e ne parliamo, perlomeno quelli interessati. Nell'edizione che ho io però c'è anche questo racconto di Oscar Wilde, peraltro famosissimo come ho scoperto anni e anni dopo, di cui mi sono letteralmente innamorato: Storia di fantasmi umoristica con parecchie notazioni acide sugli americani ma anche sui milord inglesi. Oscar Wilde ne aveva per tutti.
Me ne innamorai talmente che dopo averlo letto in italiano lo lessi anche in inglese e in lingua originale se possibile guadagna ancora di più. Anche di questo ricordo , nella nebbia di memorie lontanissime, una bella trasposizione televisiva

6) L'esorcista 
E qui parliamo di letture proibite
Oddio a dir la verità la prima lettura proibita che affrontai fu Porci con le ali di Rocco a Antonia ma non mi piaceva e lo abbandonai dopo poche pagine. Invece questo libro di WIlliam Peter Blatty lo rubavo quando mio padre non c'era e lo leggevo e poi lo prendevo anche di notte per leggerlo.
E non era un'idea così splendida leggerlo prima di addormentarmi, perché poi il sonno non arrivava più.
Non mi vergogno a dirlo: questo libro faceva venire una strizza che non ho mai più provato. E' vero, ero piccolo avrò avuto 13-14 anni e probabilmente non era una lettura adatta alle mie giovani pupille ma credo che mi ha regalato più notti insonni di qualsiasi altra cosa nella mia vita...

7) La cruna dell'ago
Ken Follett piaceva da morire a mio padre e mi consigliava di leggerlo, forse era il suo autore preferito assieme a Wilbur Smith ( che avevo l'orgoglio di avergli fatto conoscere io, gli regalai Il destino del leone e poi quasi mi fece commuovere quando in libreria cercò gli altri romanzi di Smith) e ad Harold Robbins, passione che non ho mai condiviso, non sono mai riuscito a finire un suo libro.
Quasi mi vergogno ad ammetterlo ma la pagina che ho letto un casino di volte di quel libro è quella in cui Faber , la spia nazista, seduce la moglie del soldato inglese.
Non contava praticamente nulla ai fini del racconto ma aveva il potere di smuovere i miei ormoni ballerini da quatordicenne molto pià della foto di una donna nuda....ahhh il potere evocativo della pagina scritta....

8) Il padrino
Altra lettura partita come qualcosa di ormonale perché nelle prime pagine è descritto un furioso amplesso di Sonny Corleone durante il suo matrimonio e la fortunata non è certo la neo- moglie. Poi ho proseguito nella lettura e il libro mi ha letteralmente catturato pagina dopo pagina. Un libro bellissimo che ha avuto una trasposizione cinematografica all'altezza, se non superiore, uno dei pochissimi casi in cui il cinema non fa rimpiangere la pagina scritta.
Ho provato con altri libri di Mario Puzo ma la magia non è più ritornata....

9) Avere o essere ?
Siamo già ai tempi del liceo e questo libro ci è stato assegnato come lettura obbligatoria. E non ricordo nella
mia vita di aver letto un libro che mi abbia frantumato le palle più di questo. Mi ha ridotto a portatore sano di nocciolato testicolare. Non ce la facevo a leggerlo, Fromm mi annoiava a morte eppure lo dovevo leggere per motivi scolastici. E allora ho cominciato a trattarlo non come un libro di narrativa, che fino a prova contraria doveva essere un piacere leggere, ma come una vera e propria materia di studio. Programmavo ciò che dovevo studiare e in mezzo ci mettevo un'oretta di Avere o essere? , lì seduto sulla mia sediolina marrone e bianca davanti al mio scrittoio.
Passerò per ignorante senza possibilità di redenzione ma a me son piaciuti anche Il fu Mattia Pascal e La coscienza di Zeno....il libro di Fromm non l'ho mai digerito invece.....

10) It
E qui siamo già ai primi anni dell'Università. In realtà dovrei mettere un po' tutte le prime opere di Stephen King, fin da quando si firmava con lo pseudonimo di Richard Bachman. It per me è il suo capolavoro, anche se sono vari anni che ho abbandonato King e non so a che livello sia arrivato ultimamente.
Oltre 1000 pagine che divorai in un paio di settimane, sacrificando anche le ore di studio che dovevo dedicare alle materie universitarie. All'epoca invece della pennichella postprandiale leggevo, leggevo e leggevo.
E It era una compagnia micidiale, una storia di amicizia e di memorie che mi ha affascinato sin da subito , fin dalla prima apparizione di Pennywise....





E con questo credo di aver terminato anche con la lista di oggi.
Spero che vi sia piaciuta, cimentatevi anche voi nel fare queste liste, sono terapeutiche e fanno sentire meglio. E poi fanno sentire meglio Marco che le ha inventate.....

21 commenti:

  1. Una carrellata di letture davvero interessanti! Ma come ignorante? Il fu Mattia Pascal e La coscienza di Zeno saranno anche nella mia lista...^_^
    Buona Pasqua Bradipo e sempre Daje Magica!!! =)

    RispondiElimina
  2. no, intendevo ignorante perchè non mi era piaciuto Fromm e invece al contrario di quasi tutti i miei compagni di scuola mi erano piaciuti anche Il fu Mattia Pascal e La coscienza di Zeno...Buona Pasqua a te e a tutti i bipedi e quadrupedi della tua famiglia, un Daje Roma gigantesco ( ieri m'hanno fatto piagne 'n ' artra vorta quando festeggiavano con De Sanctis al centro e tutti gli altri in cerchio....) , 'sti ragazzi a ogni partita ce strappano er core a mozzichi!!!!

    RispondiElimina
  3. Per me il "capolavoro" di King - che pure io ho abbandonato da tempo - è "l'ombra dello scorpione"...
    e 20000 leghe sotto i mari è stata anche una delle mie prime letture... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero L'ombra dello scorpione è bellissimo ma sono legato a IT da un affetto particolare , sarà anche il periodo in cui l'ho letto che influisce...eh eh eh 20 leghe sotto i mari è un classico della nostra generazione....

      Elimina
  4. Meglio Stand by me però... e comunque lo sapevo che eri cresciuto, minimo, con L'esorcista.. ahah..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che te volevi aspetta'...era il minimo che fossi cresciuto con L'esorcista....

      Elimina
  5. Anche per me Essere o Avere da adolescente è stata un'odissea (che mi pare di non aver mai concluso) e L'Esorcista (a 13 anni) una continua notte dal sonno disturbato... Regan- La Cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco il termie odissea per descrivere il processo di lettura del libro di Fromm mi pare termine azzeccatissimo...vedo che non sono il solo che ho passato notti insonni con L'esorcista...

      Elimina
  6. Pure io avevo letto "L'esorcista" a 13 anni, anche se ho sempre preferito il film XD comunque "It" io l'adoro, così come adoro "Ventimila leghe sotto i mari".
    Gli Hard boys però non lo avevo mai sentiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho letto prima il libro e poi ho visto la trasposizione di Friedkin che considero molto buona anche se il libro mi ha provocato molti più spaventi...Eh eh sei troppo giovane per gli Hardy Boys è una roba anni '70, perlomeno in Italia, in America vanno avanti da prima della Seconda Guerra Mondiale...

      Elimina
  7. il mio prossimo format spero che lo compri endemol. e me lo paghi pure :)

    di questi libri non ne ho letto nessuno, ma di alcuni in compenso ho visto il film.
    nancy drew comunque non è una roba troppo per ragazzine? ahah

    e poi eri un secchione?
    botte a te! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ero un secchione schifosissimo e pure presuntuoso...le mie pagelle erano di tutti 10 in ogni materia...però intanto facevo casino per due ....Nancy Drew era infatti da signorine...io preferivo gli Hardy Boys...vendere il format alla endemol potrebbe essere una buona idea...la svolta per te....:)

      Elimina
  8. Bradipo mio caro , in questo momento le letture che mi sono più consone si riferiscono a lprontuario farmaceutico, con una leggera evasione nei momenti migliori per Cronin ....
    Perdonami vet mio...
    Baci pasquali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non li leggere i bugiardini dei farmaci...se si chiamano bugliardini come ti ho detto un motivo c'è....su ,su , Nella, su con la vita!!!!

      Elimina
  9. Interessanti letture di formazione: giornate di liste per tutti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche tu oggi ti sei dato a una bella lista....

      Elimina
  10. Il Marchio di Fuoco è il titolo di uno degli episodi più belli di Diabolik :p

    L'Esorcista l'ho letto un paio di anni fa, dopo molto tempo... davvero ben scritto, davvero bello.

    IT un cult della mia preadolescenza, anche se odio King che infarcisce tutto con troppe cose (Tartarughe, ecc)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. It e L'esorcista sono capisaldi assoluti della mia giovinezza...sono fichissimi!!!

      Elimina
  11. di King (che non abbandono mai, almeno finché scriverà cose come 22/11/63) lessi L'ombra dello scorpione in cinque giorni. per il resto, condivido ovviamente Verne (tutto, lo adoravo), i Gialli per Ragazzi (ma mi piacevano di più quelli che piacevano meno a te), tutta Agatha Christie. Conan Doyle no, mai appassionato

    RispondiElimina
  12. anche tu conosci I gialli per ragazzi! Mitico!!! vedo che le nostre letture erano molto simili da quanto dici, aspetto la tua lista....

    RispondiElimina
  13. Per capire quanto sia vasto il mondo della letteratura basta vedere che due come noi che hanno centinaia di letture dietro abbiano in comune solo un libro tra questi, It (splendido, come tutti o quasi i miei King dell'adolescenza).
    Vedo che ami da morire il giallo, bene o male è presente dapertutto, o direttamente o nelle sfumature. Ma sai che ora su due piedi non sono sicuro di sapere se ero a conoscenza de L'Esorcista? Per me era sceneggiatura originale...
    Belli tutti gli aneddoti, questi post a questo servono

    RispondiElimina