I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 29 maggio 2013

Mask- Dietro la maschera ( 1985 )

Roy "Rocky " Dennis è un sedicenne malato di leontiasi, una malattia che provoca un abnorme crescita delle ossa del volto a causa di un disordine del metabolismo del calcio con il risultato di deformarlo in maniera orribile. Ma Rocky non si abbatte: è uno studente brillante , ha una madre a cui bada che sembra molto meno cresciuta di lui per via di problemucci di droga, la sua famiglia è una masnada di bikers che lo difende in tutto e per tutto. Ma la malattia gli provoca anche dei feroci mal di testa e i medici dicono che gli rimane poco da vivere...
Mask- Dietro la maschera è relegato tra le opere minori di Peter Bogdanovich ma è il classico piccolo grande film da cui non si riesce a stare a distanza sufficiente.
La storia ( vera) di Rocky Dennis è una di quelle storie che ti strappano il cuore dal petto, che ti estorce a forza le lacrime dai canali lacrimali eppure non lo fa in maniera disonesta e ruffiana.
Bogdanovich racconta la storia di un ragazzo normale, anzi anche più brillante della media, che supera , o almeno cerca di farlo con l'ironia e l'arguzia che lo animano, il problema della diversità.
Lui è sicuramente diverso fisicamente ma una volta superato lo scoglio della sua "particolarità" si rivela in tutta la sua bellezza interiore.
Perchè Rocky è bello e tutti quelli che arrivano a conoscerlo un po' più in profondità se ne rendono conto subito.
E tutti quanti vorrebbero che un giorno o l'altro lui si potesse imbarcare per quel viaggio in Europa in motocicletta che sogna da tanto tempo.
Mask-Dietro la maschera è anche un intenso ritratto di una donna anche lei un po' particolare, un personaggio a cui Cher dona carne e sangue dimostrando la sua bravura da attrice, una madre che non ha la vocazione di esserlo ma che ama incondizionatamente suo figlio al di là dei suoi problemi sentimentali e di droga che la affliggono.
Il film di Bogdanovich è quindi anche la descrizione qua e là poetica del rapporto ispido tra una madre e un figlio un po' diversi dalla media, al centro di una famiglia allargata di bikers , un po' brutti a vederli ma decisamente buoni e di compagnia. La stessa famiglia orgogliosa del diploma di Rocky e che approva rumorosamente il giorno che glielo consegnano.
Per me è difficile giudicare questo film: all'epoca mi commosse profondamente e magari pensavo che essendo poco più che un ragazzo era normale che mi una storia del genere mi colpisse così al cuore.
Però col passare degli anni l'ho rivisto più e più volte e l'effetto è sempre stato lo stesso: quando vedo questo film mi metto sempre a piangere come un vitello e non è decisamente un bello spettacolo.
Ma sinceramente non mi importa molto nascondere il piccolo effetto collaterale che questa pellicola mi provoca.
Molti sommariamente hanno bollato questo film come una sorta di Elephant man versione light: la tematica di base è  la stessa ma se Lynch si richiamava seriosamente all'espressionismo cinematografico nel narrare la storia di un freak dolorosamente consapevole di esserlo, Bogdanovich usa toni molto più lievi cercando di esorcizzare un destino che per Rocky è ormai scritto.
Mask - Dietro la maschera è la storia di un "Elephant" boy che è molto rock'n'roll come la musica di Bob Seger che percorre trasversalmente tutto il film.
E questa è la sua storia: magari romanzata, magari solo ispirata alla vita del vero Rocky Dennis ma non importa.
Meglio chiudere con le sue parole, una piccola poesia lasciata alla madre:
"“Queste cose sono belle: 
un gelato e una torta, una corsa sull’Harley, le scimmie che giocano sugli alberi, la pioggia sulla lingua e il sole che splende sul mio viso. 
Queste cose invece non sono belle: 
i buchi nei calzini, la polvere nei capelli, niente soldi nelle mie tasche e il sole che splende sul mio viso".

Rocky Dennis è morto due mesi prima del suo diciassettesimo compleanno.

( VOTO : 9 / 10 )  Mask (1985) on IMDb

28 commenti:

  1. film mitico!
    lo vidi la prima volta da ragazzino in tv e fu una vera e propria pezza. bellissima la scena dove mostra i colori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so quante volte l'ho rivisto....

      Elimina
  2. ma allora in fondo sei un tenerone! ahahah :D
    anche a me questo film è piaciuto parecchio, però il voto è esagerato persino per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma io sono tenerissimo! non si vede dai miei gusti cinematografici?

      Elimina
  3. Risposte
    1. ogni volta che lo rivedo penso la stessa cosa... e piango!

      Elimina
  4. Risposte
    1. e la sua bellezza non è diminuita col passare degli anni ( miei e suoi)

      Elimina
  5. Non l'ho visto, e ho molta paura...ma lo vedrò!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo devi assolutamente vedere...io me lo sono rivisto domenica e mi è venuta finalmente l'ispirazione per scriverne...

      Elimina
  6. Risposte
    1. allora anche tu sei un tenerone! D

      Elimina
    2. ah ah lo sospettavo! proprio come me : metallo, horror e lacrime copiose !

      Elimina
  7. Bogdanovich andrebbe ripreso, rivisto, rivalutato, anche nei suoi titoli minori. per non parlare dei suoi libri sul cinema, bellissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è uno dei pochi critici americani a fare il salto per diventare regista...e i suoi film anche i meno noti e belli contengono sempre svariati motivi di interesse...

      Elimina
  8. L' ho rivisto non moltissimo tempo fa proprio in tv, mi è sempre piaciuto molto, non arrivo alle lacrime, ma poco ci manca!

    http://lovedlens.blogspot.it
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo ammetto:io sono uno dalla lacrima facile sono riuscito a piangere come una fontana anche alla scena del diploma in cui Rocky presenta al preside la "sua famiglia"...scena che in sè non avrebbe nulla di lacrimogeno...eppure.
      Benvenuta! vengo a trovarti!

      Elimina
  9. Visto alcuni anni fa, un film davvero indimenticabile, commovente, meraviglioso. Anch'io ho pianto, impossibile non farlo!

    RispondiElimina
  10. lacrime copiose esondate senza vergogna!

    RispondiElimina
  11. Ottimo film, anche se io l'ho considerato un fratellino minore di Elephant man!

    RispondiElimina
  12. E a proposito, io ti ci vedo, come tenerone! ;)

    RispondiElimina
  13. ah ah ah allora vedi bene! i miei figli dicono che sono un papone buffo!

    RispondiElimina
  14. Pensa che io mi sono commossa leggendo la tua recensione.
    Splendido film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ooooh ! grazie Lucia mi hai fatto un complimento bellissimo! apprezzo moltissimo!

      Elimina
  15. uuuuuuuuh ma lo sai che questo mi manca? Lo cercherò, voglio vederlo :D

    RispondiElimina
  16. Dai, alla fine ogni presunto metallaro è un tenerone XD
    A me piacque, ma il voto mi sembra molto esagerato. Mi ha spinto a interessarmi sulla malattia e sul personaggio, ma certi punti li ho trovati eccessivamente 'leggeri' e poco approfonditi.

    RispondiElimina