I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 17 maggio 2013

Killing Bono ( 2011 )

La storia del giovane Neil McCormick e della sua lotta per avere un successo musicale pari o anche superiore a quello del suo amico Paul David Hewson ( non vi dice niente il nome: e se vi dicessi Bono Vox ?ecco è lui!). Dal primo concerto in una scuola di Dublino a metà anni '70 è un festival di occasioni perdute per il povero Neil che volontariamente affossa anche le ambizioni del fratello Ivan, che avrebbe potuto e dovuto essere il quinto U 2 , si mette nei guai per debiti con un boss della mala dublinese ( i soldi servono loro per trasferirsi a Londra a cercare un contratto discografico per sfondare definitivamente) e continua a rifiutare le occasioni che il destino gli propone, compreso un concerto di apertura che l'amico Paul, ormai celebre, gli ha proposto in nome della vecchia amicizia.Ma lui preferisce suonare di fronte a 500 fans del suo gruppo un po' scalcinato,gli Shook up!, piuttosto che farlo di fronte a 50 mila fans degli U 2 ( che poi a quel concerto saranno 80 mila).
 La storia di un perdente, insomma,  che dopo l'ennesima porta sbattuta in faccia  si mette in testa di uccidere il suo rivale inconsapevole.
Ma non è capace di fare neanche quello.
Pur avendo un titolo abbastanza trucido, non c'è nulla di macabro in questo film di Nick Hamm tratto dall'autobiografia scritta dallo stesso Neil McCormick e intitolata Killing Bono: I was Bono's Doppelganger.
E' un film divertente e divertito che descrive come il libero arbitrio sia una gran fregatura.
Neil ha un talento particolare nel fare scelte sbagliate, vuoi per stupido orgoglio, vuoi perchè crede veramente in quello che fa e nello scegliere sempre la porta sbagliata nelle continue sliding doors che il destino beffardamente continua a proporgli nell'ambito di un bastardo disegno divino, affossa anche il fratello Ivan, un bastimento carico di sogni anche lui, ma inconsapevolmente condizionato da tutto quello che Neil sciaguratamente decide per entrambi.
Non è solo una questione di porte sbattute in faccia a Neil: è come se lui si divertisse a prendere a facciate quella porta chiusa facendosi malissimo.
Tutto è incernierato in maniera abbastanza comica se non fosse che c'è poco di comico mettendosi nei panni di Ivan e trovarsi a vivere di rimpianti semplicemente perchè vittima delle ambizioni di un fratello che egoisticamente arriva a condizionargli la vita presente e futura.
Killing Bono vale anche come bella ricostruzione d'epoca di una Londra non più tanto swinging nel cui sottobosco si muovono loschi affaristi che cercano di fare soldi con la fatica degli altri.
La storia di questo periodo è scandito dai continui cambi di costumi , dagli stili musicali mutevoli ( consigliabile prestare orecchio alla colonna sonora veramente valida)  atti a rincorrere le mode del momento ma soprattutto dalle copertine dei dischi degli U 2 che ogni volta ricordano a Neil un viaggio per lui terminato appena dopo la partenza , mentre per il suo amico Paul ( Bono Vox) ancora non è terminato.
Non avrei mai pensato di dire che Ben Barnes è bravo, ma funziona egregiamente  nella parte di un esagitato Neil e si distingue pure uno stralunato Robert Sheehan nella parte di Ivan.
Killing Bono se non altro sarebbe da vedere per la curiosità di scoprire da dove e come  sono nati gli U 2, di come prima avessero un altro nome, quindi per i fans del supergruppo è consigliatissimo.
Altro motivo per vederlo è che questo film è stato l'ultimo della carriera di Pete Postlethwaite venuto a mancare appena dopo averlo finito di girare.
E la sua ultima performance nella parte di un gayo amico dei fratelli McCormick che cerca di introdurli nei canali giusti delle notti londinesi ( giusti almeno secondo il suo punto di vista un po' alternativo) vale da sola il cosiddetto prezzo del biglietto.
Ah, da bravo musicista che ha fallito l'appuntamento con il successo Neil McCormick ora è un apprezzato scrittore e critico musicale.
Ha trovato anche lui la sua strada per il successo.


( VOTO : 7 + / 10 )  Killing Bono (2011) on IMDb

14 commenti:

  1. film caruccio, ma che non lascia il segno.
    un po' come la musica degli iutchiù :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come..non ti piacciono gli iucciù? strano avrei detto che Bono vox fosse il tuo idolo!

      Elimina
  2. Lo recupero, pure questo. Giuro. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è caruccio come dice il Cannibale...degnissimo di una visione!

      Elimina
  3. A me gli U2 piacciono quindi me lo segno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non li ho mai ascoltati ( vabbè tranne quelle più famose che è impossibile evitare in questo pianeta) ma il film è divertente!

      Elimina
  4. Anche se gli U2 non sono certo tra i miei preferiti, cercherò di recuperarlo. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per 100 minuti in relax è veramente ideale!

      Elimina
  5. caruccio, ma niente di trascendentale.

    RispondiElimina
  6. Non mi sono mai messo davvero in caccia per recuperarlo, dato che avevo letto in giro che si trattava di qualcosa di dimenticabile, ma se dici che vale almeno una visione lo recupero!

    RispondiElimina
  7. secondo me ti potrebbe piacere anche per via di una colonna sonora accattivante con un rock sanguigno e senza tanti fronzoli...

    RispondiElimina
  8. A me è piaciuto, mi piace Robert e gli U2 e quindi era naturale che mi piacesse! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche secondo me è carino e non sono certo un fan degli U2!

      Elimina