I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 30 maggio 2013

Nothing personal ( 2009 )

Interno olandese. Una donna dai capelli ramati sta accoccolata in un angolo di un appartamento vuoto, senza mobili in cui il colore dominate è il verde acqua e dopo aver fissato per un pò un punto indefinito nel vuoto si leva una fede nuziale dal dito.
Non sappiamo nulla di lei ,del suo passato, sappiamo solo che zaino in spalla lascia l'Olandae , dopo averla raggiunta,  comincia a viaggiare con l'autostop nella verde Irlanda dormendo all'aperto sotto una tenda da campeggio, cibandosi di avanzi e facendo anche incontri poco piacevoli. I ruvidi e poetici scenari naturali del Connemara la circondano, la accompagnano, quasi la tengono per mano e la guidano fino a una solitaria casa situata su una lingua di terra in mezzo a due bracci di mare. 
Dall'alto un'immagine da cartolina.
E'abitata ma non c'è nessuno, perchè non fermarsi allora? Conosce in un momento successivo il padrone di casa con cui all'inizio ha solo una relazione di mutuo scambio: cibo per lavoro, niente nomi, niente contatti di nessun tipo. Ma la loro relazione è destinata a progredire a piccoli passi fino a che dovranno venire meno alle loro intenzioni.
La pellicola d'esordio della Antoniak è un film fatto più di silenzi che di parole, più di elementi naturali che umani. La cinepresa si posa incantata su scenari naturali di impressionante bellezza ma tutto questo non si trasforma nel solito film/cartolina.
Nothing personal è il classico racconto delle due solitudini che si infrangono l'una sull'altra, un rapporto ispido dominato dalla paura dell'altro perchè in fondo stando da soli non si hanno sorprese. La vita dei due è catturata negli attimi della routine quotidiana, nel rituale dei pasti (soprattutto la colazione), nel lavoro di raccogliere le alghe o pescare le aragoste, addirittura un furtiva sortita al pub del paese a ridere, ballare al suono della musica folk irlandese e a bere birra.
Sembrerebbe una di quelle storie d'amore che finisce con il "..e tutti vissero felici e contenti" ma non è così. La Antoniak è brava a disseminare il film di false piste, di passi avanti in una reciproca conoscenza alternati a fasi di regressione (lei ha scoperto come si chiama, lo chiama per nome e lui si arrabbia perchè lui , anche se sa come si chiama lei l'ha continuata sempre a chiamare "You"-tu-).
Il film è fatto di sguardi, di piccoli gesti di enorme significato come le mani di lei che vanno quasi a cercare conforto nelle mani di lui, oppure lei che in una scena in cui lui non è a letto si spoglia e si rigira tra le lenzuola come per lasciare il suo odore e regalarlo a lui.
Forse i due non stanno cercando neanche amore, stanno cercando semplicemente empatia, calore umano, compagnia che non sia quella della musica lirica o dei rumori della natura. Del resto è nella natura dell'animale uomo la tendenza a vivere in compagnia, organizzarsi in nuclei regolati da gerarchia.
Per riassumere in poche parole il film della Antoniak non è un film d'amore ma di sentimenti.
E forse sta qui il significato (che si vuole caricare di universalità) del rifiuto di darsi nomi.
Anche se poi la natura dell'uomo porta ad altri, prevedibili, sviluppi.
Nothing personal è un film che sembra fatto apposta per chi soffre del mal d'Irlanda, ideale per animi romantici ma non ruffiano, ambientato in un posto da sogno valorizzato da una fotografia di grandissima qualità (di Daniel Bouquet) e recitato con grande partecipazione dall'attore feticcio di Neil Jordan (quel Stephen Rea per cui il tempo sembra essersi fermato da un pò a questa parte)e da una vera visione, Lotte Verbeek, attrice olandese bellissima con occhi che raccontano d'Irlanda (tra l'azzurro del cielo e il verde delle colline) e capelli ramati che la fanno sembrare più una sirena evocata in un libro delle fiabe che una donna reale.

( VOTO : 7,5 / 10 ) 

Nothing Personal (2009) on IMDb

14 commenti:

  1. Bella recensione e gran bel film, complimenti! Poi la scena in cui lei che abbraccia il corpo di lui avvolto tra le lenzuola resta impressa a lungo.
    Della Antoniak ho apprezzato molto anche il successivo Code Blue, dramma psicologico a tinte erotiche ancora più gelido e radicale, l'hai visto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai cambiato nome? domanda stupida...grazie! Code blue non l'ho visto ma mi stai invogliando a recuperarlo...

      Elimina
  2. Risposte
    1. segna segna ! secondo me poi la Lotte è il tuo tipo!

      Elimina
  3. Bellissimo film, bellissimi paesaggi irlandesi, bellissima recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! mi stai facendo arrossire!

      Elimina
  4. Potrebbe piacermi molto, intanto lo segno...e la lista si allunga a dismisura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia oramai letteralmente trabocca!

      Elimina
  5. Se c'è di mezzo l'Irlanda raccontata a questo modo, non posso certo esimermi. Lo recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il Connemara è veramente cinegenico: ci sono stato ed è qualcosa di favoloso...merita anche solo per il paesaggio fotografato benissimo!

      Elimina
  6. una bella sorpresa, l'ho visto un anno fa (http://markx7.blogspot.it/2012/06/nothing-personal-urszula-antoniak.html)

    nel film c'è una frase bellissimo "I talenti sanno quando fermarsi", la dice Stephen Rea

    RispondiElimina
  7. Ok, lo devo recuperare. Per forza!!! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la tua lista credo che si stia allungando a dismisura!

      Elimina