I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 17 luglio 2013

Pacific Rim ( 2013 )

Il mondo è sotto attacco. Gigantesche creature che sorgono dal mare, i Kaiju, stanno mettendo a ferro e fuoco le terre emerse e hanno scatenato una guerra totale. L'uomo risponde con dei giganteschi robot, , gli Jaeger, guidati ognuno da due piloti in connessione interneurale ma nelle battaglie ne vengono persi più di quanto si riesca a costruirne. Si prova a costruire allora delle gigantesche muraglie per arginare la potenza dei Kaiju ma servono a ben poco.Si deve distruggere il sito da dove provengono i mostri e per questo vengono richiamati alla battaglia gli ultimi Jaeger rimasti, tra cui uno particolarmente obsoleto che sarà guidato da Raleigh che ha perso cinque anni prima il fratello durante una lotta con un Kaiju all'interno del loro robot, e da Mako, che non ha alcuna esperienza. Naturalmente la battaglia sarà totale e definitiva.
Urca! Da dove comincio?
Cominciamo ringraziando prostrati a faccia in terra Guillermo del Toro per averci regalato il film che stavamo sognando a occhi aperti da quando seguivamo il ragazzo che correva laggiù perchè il suo nome era Jeeg e nel petto gli batteva un cuore d'acciaio?
Oppure per aver portato alla stazione della mia memoria una fila interminabile di vagoni di ricordi legati all'oratorio, a quella minuscola sala cinematografica dietro la chiesa in cui dopo la messa domenicale delle 9 e 30 feci la conoscenza con il professor Honda e parecchi film del suo Godzilla?
Volendo, posso ringrazire il grande Benicio anche perchè , portando i bradipini al cinema , mi ha reso partecipe di una sorta di passaggio generazionale del mio immaginario di quando avevo la loro età e la mia giornata era popolata di robot di tutte le risme e se è vero che i figli si sono esaltati per queste mazzate tra robot giganti, il padre non è stato da meno, anzi forse era quello più entusiasta di tutti.
Perchè siamo entrati al cinema , ci siamo muniti di occhialoni con sovrapprezzo per vedere robot massicci e inkazzati che prendevano a mazzate giganteschi mostri marini e Guillermo del Toro ci ha dato tutto quello che volevamo e anche in gran quantità.
Battaglie interminabili girate come il dio del cinema comanda, Kaiju presi a colpi di petroliera, mostri veramente alti come palazzi e Del Toro piazza la cinepresa là in mezzo, tu stai comodamente seduto in sala con i tuoi occhialoni ben calcati sul naso eppure ti sembra di stare là al centro della battaglia, quasi ti viene da schivare i detriti che sembrano venirti addosso o gli schizzi d'acqua che si alzano per ogni dove ( a proposito non sono un grande fan della tecnologia 3 D, ma qui ha un senso, fa acquisire a tutto un contorno ancora più preciso e ti fa gustare le risse tra Jaeger e Kaiju come meglio non si potrebbe).
Ma non siamo di fronte a un episodio di Transformers della premiata ( si fa per dire )  ditta  Maicolbei e company.
Anzi io di film coi Transformers ne ho sopportato a malapena uno, il primo, per gli altri avrei volentieri organizzato un rogo pubblico in piazza per bruciarli in mondovisione.
Perchè Pacific Rim si e i robottoni di Maicolbei no?
La risposta è semplice: perchè dietro Pacific Rim c'è un regista vero, mentre dietro i Transformers c'è solo un impiegatuccio degli studios, ahinoi miliardario, che , dopo aver timbrato il cartellino, continua a sfregiare l'arte cinematografica per puro amore di pecunia.
Del Toro invece è uno di noi, ci porta a spasso per il suo immaginario personale che coincide magicamente col nostro, ci regala il film che volevano vedere da quando eravamo bambini ( anche se non lo sapevamo), ci regala un sogno a occhi aperti.
E solo per questo dovremmo essergli grati all'infinito.
Pacific Rim dietro e oltre la confezione da blockbuster nasconde passione e gli si perdona un gruppetto di personaggi pericolosamente vicini allo stereotipo e magari quel filino, anche qui si fa per dire, di retorica che lo percorre trasversalmente (con l'apoteosi toccata durante  il discorso alla Indipendence Day di Stacker).
E gli si perdona quasi tutto proprio perchè alla fine noi siamo venuti al cinema per vedere robot giganti fare a mazzate contro mostri marini: e siamo stati abbondantemente serviti in questo.
In più ci sono alcune punte di esaltazione massime allorchè un Kaiju viene preso a colpi di petroliera oppure quando , in tempi di armi supermoderne, lo Jaeger tira fuori un bello spadone con cui affettare il nemico ( una specie di San Giorgio contro il drago, con tutto il cinema a mormorare la sua approvazione).
Dopo due ore e dieci di massacro audiovisivo esci con la pupilla che rotea, una gocciolina che fa capolino alla base del naso, la testa che gira leggermente ma è una sensazione bellissima.
E se qualcuno vi parla di tre imbecilli ( uno grande e altri due piccoli) che nell'atrio della multisala stavano mimando all'unisono il modo di muoversi degli Jaeger...beh eravamo noi.
Voto al film da parte dei bradipini: 10+.


( VOTO : 8 + / 10 ) 


Pacific Rim (2013) on IMDb

30 commenti:

  1. Ehm... Benicio? Sicuro sicuro? :)
    Comunque ne state parlando tutti bene, sta a vedere che lo vedo pure io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ! che lapis! correggo subito! grazie per la segnalazione! sono curioso di sapere che cosa ne pensi...a me sembra roba da maschietti!

      Elimina
    2. Prego, figurati!
      Anche a ne sembra roba per maschietti, effettivamente. Ma.... hai visto mai? :)

      Elimina
    3. che ne sai ... può darsi anche che ti diverti!

      Elimina
  2. Risposte
    1. il bacarospo si esalterà come è successo col mio bradipino...nun se reggeva più per l'esaltazione...

      Elimina
  3. mah... non so mica se mi hai convinto ad andare. anche se ci potrei portare un mio amichetto tredicenne che potrebbe apprezzare molto. piuttosto mi chiedevo ma perché hai messo come immagine di sfondo les revenants? parliamone... poteva essere qualcosa di meraviglioso ma poi si è sgonfiato sul finale in modo inaccettabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'amichetto tredicenne ti sarà grato a vita se lo porti...su The revenants..io la trovo una figata pazzesca...non sono d'accordo che si sgonfia sul finale anche perchè più aperta di così si muore...

      Elimina
  4. Io sono un po' più freddino di te ma alla fin fine la pensiamo alla stessa maniera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh sono stato assalito da vagonate di ricordi che non mi hanno permesso di giudicare alla giusta distanza...

      Elimina
  5. Lo vedrò oggi. Hype a mille milioni. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non vedo l'ora di leggere quello che scriverai!

      Elimina
  6. Film molto carino, ok io sono meno entusiasta per il fatto che questo filone mi piace, ma non lo amo.
    In quanto al paragone coi trasformers bhe si i film di Bay ne escono con le ossa rotte, però di Bay sento parlare molto bene di Pain & Gain che infatti non è un megablockbuster, una black comedy noir anche parecchio violenta a quanto dicono, quindi per quel film son ben disposto.

    PS: In questo film ho apprezzato molto il personaggio di Idris Elba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. su Pain & Gain non so dirti ma sicuramente uno sguardo glielo darò...al prossimo Transformers sicuramente no...mi è bastato e avanzato il secondo....

      Elimina
    2. il secondo non l'ho visto e non ci tengo a vederlo, il primo è osceno, ma ho trovato decente il terzo, il quarto se lo vedrò è x la presenza di Mark Whalberg, attore che apprezzo sempre di più, infatti ce anche in Pain & Gain che andrò a vedere in settimana, poi posterò la rece nel mio blog ;-)

      Elimina
    3. ho letto la sinossi e probabilmente a Pain & Gain una chance gliela darò...

      Elimina
  7. Piaciuto un botto pure a me! A sorpresa questo sembra il film che sta mettendo d'accordo tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti non credevo che ottenesse un consenso così plebiscitario!

      Elimina
    2. Beh, in America è un flop...

      Elimina
    3. anche qui da noi non è stato un successone...

      Elimina
  8. E' piaciuto anche a me: un blockbuster con l'anima... anche se trovo assomigli un po' troppo a 'Starship Troopers'. Comunque un onesto filmone di puro intrattenimento. Ci vogliono anche questi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, ci vogliono pure questi,...sai, Starship troopers lo vidi al cinema e per me fu una bellissima sorpresa, non mi aspettavo nulla e invece mi divertì non poco...

      Elimina
  9. sono andato con la testa di 12 anni.

    perfetto:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ! è perfetto per i dodicenni di oggi ma anche per quelli di allora:)

      Elimina
  10. Grande. Mi sono divertito come un matto.
    E sull'onda dell'entusiasmo mi sono riguardato tutto Evangelion.
    In preparazione degli eventi di settembre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi son perso qualcosa? che deve succedere a settembre?

      Elimina
  11. Rebuild of Evangelion al cinema!

    Il 4 settembre maratona con Eva 1.0 e 2.0.

    E il 25 Evangelion 3.0: You Can (Not) Redo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ...avevo poi provveduto a documentarmi ...:)

      Elimina
  12. Visto finalmente anch'io... e piaciuto assai! ^^
    Concordo con te su tutto, anche (naturalmente) su "Transformers"...

    PS: Ti ho linkato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'sto film è una figata, altro che i transformers!...ricambio il link e benvenuto!

      Elimina