I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

sabato 6 luglio 2013

Il mio piede sinistro ( 1989 )

La storia vera di Christy Brown affetto da paralisi cerebrale che non gli permette di muoversi , nè di parlare. Nonostante questo è trattato con grande affetto dalla sua numerosissima famiglia, di modeste condizioni economiche ma con un cuore grande così. Un bel giorno Christy ruba un gessetto alla sorella e con il suo piede sinistro scrive la parola " MAMMA".Non è un minorato mentale come tutti credevano fino a quel momento, ha solo un modo diverso di esprimersi.Comunica col mondo che lo circonda solo attraverso il suo piede sinistro. Grazie all'aiuto di una dottoressa e a delle terapie riuscirà anche a parlare e intanto verrà fuori il suo straordinario talento di pittore,scrittore e poeta.
Vidi questo film poco dopo la sua uscita e all'epoca non sapevo minimamente chi fosse Daniel Day Lewis o Jim Sheridan ( qui alla sua opera prima) regista che regalato un paio di  film per me molto importanti in quel periodo, dalla bellissima tragedia rurale de Il campo, purtroppo una pellicola che non ha avuto le fortune che probabilmente meritava, al celeberrimo Nel nome del padre, forse il suo più bello.
Ignoravo anche chi fosse Christy Brown per cui non avevo idea di che cosa mi stessi apprestando a vedere.
Eppure quel film allora come ora , rivisto a distanza di tanti anni, mi ha colpito sempre nel profondo.
Credo che non ci sia condanna più grave di quella di non riuscire a comunicare col mondo che ci circonda, una cosa esplorata prima del film di Sheridan da capisaldi della mia filmografia come Anna dei miracoli e ..E Johnny prese il fucile e poi dopo anche da Lo scafandro e la farfalla.
Sentirsi lì in mezzo agli altri , capire quello che dicono gli altri eppure non riuscire a farsi sentire, a far comprendere le proprie esigenze, il proprio anelito di libertà.
Quando arriva la possibilità di comunicare , poi arriva tutto. E la vita di Christy Brown, segnata dalla povertà ma comunque sempre dalla dignità , è la storia di un ragazzino che nella sua sfortuna è stato fortunato perchè mai escluso dagli altri componenti della famiglia, anzi protetto e coccolato più degli altri.
Sheridan avrebbe potuto impostare la storia di Christy Brown sul pietismo usando come maglio perforante la retorica della lacrima facile e invece ne sta ben lontano.
Il mio piede sinistro è la storia di un'evasione dal proprio corpo, più o meno una prigione .
In realtà c'è ben poco da raccontare riguardo Il mio piede sinistro , spaccato di vita irlandese a cavallo della Seconda Guerra Mondiale a volte realistico , a volte incline al fiabesco.
E questo perchè il tutto viene oscurato dall'incredibile performance di Daniel Day Lewis. Vederlo recitarlo in maniera così fisica, eppure da fermo, è qualcosa che fa veramente soffrire. E gli si perdona anche qualche eccesso di gigionismo sfrenato ( tipo la scena del ristorante in cui confessa alla sua dottoressa di amarla e lei gli confessa che a breve sposerà un altro) perchè da solo riempie tutta la scena e lascia traccia di sè anche quando in scena non c'è.
Ed è parimenti bravo l'allora tredicenne  Hugh O' Connor, nella parte di Christy Brown da bambino, che è veramente commovente in una prova di alta acrobazia recitativa in cui sarebbe stato facile scivolare in modo irrimediabile nella caricatura e nel ridicolo , seppur involontario.
Sheridan non lesina neanche particolari sgradevoli su Christy Brown, la sua irascibilità o il suo amore un po' troppo spassionato per il whisky e forse per questo riesce a organizzare un dramma morale solido e credibile che sfugge i dettami dell'agiografia.
Con questo film è nata una stella.Anzi due.
Oscar a Daniel Day Lewis e all'eccellente Brenda Fricker nella parte della madre.

( VOTO : 8 / 10 )


My Left Foot (1989) on IMDb

6 commenti:

  1. Un cult di quegli anni che non ricordo quasi per niente, dato che lo vidi in tv ai tempi e lo rimossi un pezzetto alla volta.
    Dovrei recuperarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un vero cult che io ho recuperato poco tempo fa e che ancora non risente del peso degli anni con un Day Lewis stratosferico...

      Elimina
  2. l'avevo visto al cinema, ed era (è) davvero un gran film.
    Daniel Day Lewis in una delle migliori interpretazioni, ma non vale, le sue sono tutte migliori:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero :)...le sue interpretazioni sono tutte migliori...

      Elimina
  3. ciao, film veramente stupendo. Molto bella pure la recensione :)

    RispondiElimina