I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 22 aprile 2015

La mia vita senza cinema

Son tornato!
Prima che partano le salve a suon di " e sti caz.." ehm ci siamo capiti, volevo dirvi quanto ho apprezzato i vostri messaggi a cui cercherò di rispondere, lentamente , come mio costume.
In questi tre anni di attività quotidiana è la terza volta che sono costretto a fermarmi per cause di forza maggiore e devo dire che ogni volta la sensazione di vuoto che ho la mattina è sempre peggiore.
E questo depone a favore della durata del blog, perché è evidente che ancora sono supportato da sufficiente passione per fare il piccolo sacrificio mattutino di alzarsi un po' prima, mettersi davanti alla tastiera e organizzare le mie quattro parole in croce per parlare di film appena visti.
Questa settimana ho avuto modo di riflettere sia sul mio modo di essere un blogger, assolutamente sui generis, a cui sfugge probabilmente anche la grammatica di base per potersi definire tale.
Mancare la routine della mattina presto fatta di scrittura e giro per i vari blog che conosco, oltre che l'immancabile pellegrinaggio per i vari social, mi ha fatto vivere una brutta sensazione di inutilità, il vuoto di cui parlavo prima, il mio blog sempre pimpante e aggiornato tutti i giorni che vagava per la blogosfera come un'astronave abbandonata alla deriva spaziale, cristallizzato nel suo ultimo momento di vita virtuale.
La domenica è stato il giorno peggiore.
Di solito uso la domenica per riposare letteralmente le stanche membra dopo la settimana lavorativa ( e chi dice che fare il veterinario è un lavoro leggero gli farei provare un po' del delirio , bellissimo e che mi auguro accada tutti i giorni, da cui vengo assalito normalmente) e per recuperare visioni oltre che per scrivere dei posts che normalmente mi prendono più tempo del solito tipo le famose playlist con cui vi ho flagellato per numerose domeniche.
Questa domenica qui l'ho vissuta sulle ali del nervosismo come se avessi intrapreso una nuova dieta superipocalorica che mi ha dosato anche l'aria che respiro.
Brutta giornata meteorologicamente parlando, di quelle in cui stare a casa,  con scarsa voglia di combinare alcunché e la noia che ha regnato sovranamente.
Un giorno in cui la mancanza del blog ha fatto sentire, amplificata a un milione di decibel, il suo vocione.
In questa settimana non ce l'ho fatta neanche a vedere film, come se vedere film e scriverne per me fosse una cosa sola.
Mi ha fatto ritornare a una decina di anni fa quando non so bene per quale motivo decisi di prendermi un anno sabbatico dal cinema ( che poi durò un anno e mezzo) e da buon maniaco compulsivo cominciai a vedere solo serie televisive, dalle classiche a quelle più moderne.
Un rifiuto totale della narrazione stringata di un film in favore di serialità verticale e orizzontale come se avessi bisogno di storie dal respiro più ampio.
Il respiro che mi verrebbe a mancare ora se decidessi di non vedere più film.
Sono stato una settimana senza, anche per cause concomitanti, e ora sono come un tossico in crisi di astinenza, non riesco a immaginare la mia vita senza cinema.
Devo ricominciare il solito ritmo di visioni.
Ma una domanda mi frulla per la testa: che cosa sarebbe la mia vita senza cinema?
Perché non provare anche voi a rispondere a questa domanda?
Ci sentiamo domani: visto che molti si sono lamentati della mancanza di racconti inerenti la mia professione domani vi racconterò un tranquillo venerdì 17 da paura nell'ambulatorio del bradipo.

28 commenti:

  1. Caro Bradipo...è una domanda da un milione di dollari questa! ;-)
    Intanto ti dico che capisco quella sensazione, perché anche a me è capitato di allontanarmi per un po' dal blog e dal cinema. Ma devo dire che, come in ogni rapporto, a volte una pausa aiuta. Per capire quanto il cinema sia necessario, a me personalmente, è bastato trascurarlo un po', di proposito. Come se gli dicessi "adesso basta, mi hai rotto i coglioni e voglio stare da sola!!!". =)
    E alla fine capisci che la tua vita senza cinema è un po' come tenere le finestre sempre chiuse. Resisti un po', ma dopo inizia a mancarti l'aria e devi precipitarti a spalancare tutto. Comunque, anche per me "vedere e scrivere" ormai sono una cosa sola. E se ci penso, la mia vita senza cinema vorrebbe dire un pc spento...
    A presto Bradipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e lo so che è una domanda da un milione...bella l'immagine di tenere le finestre chiuse, rende parecchio l'idea...

      Elimina
  2. Oh, bentornato!
    Che sei uno dei miei appuntamenti mattutini, e iniziavi a mancarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie poison, la cosa è del tutto reciproca, anche voi mi mancavate abbestia...

      Elimina
  3. Bentornato!
    Il tuo è un domandone. Devo ammettere che anche io passo dei brevi periodi di allergia al racconto per immagini. Poi però torno sempre al mio grande amore.
    La mia vita senza cinema però non riesco proprio a immaginarla. Trovo la sola idea del tutto inconcepibile. Sarà che è anche il mio lavoro di tutti i giorni, e quindi diventa ancora più complicato pensare di farne a meno. Ma anche come mezzo di intrattenimento e basta, se venisse a mancare, renderebbe le mie giornate molto vuote.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, sarebbe il vuoto nelle nostre giornate,,,,

      Elimina
  4. Bentornato!
    ecco io non ho un blog e sono in crisi d'astinenza da cinema per cause di forza maggiore da circa due anni (nel senso di sala, ma anche di pochissime visioni nuove), e la sensazione "mi manca l'aria" è pesantina, ma cerco di recuperare qualche volta appena posso con visioni casalinghe.
    Diciamo che per me l'astinenza da cinema è sopportabile, quella da libri invece non la reggo, ma lì è più facile oviare, facendo la pendolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sempre di astinenza si tratta...sia cinema che libri!

      Elimina
  5. Ti do anche io il bentornato!
    La mia vita senza Cinema?
    Sarebbe triste, estremamente vuota.
    Ma ne parleremo questa estate a Pescara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne parleremo sicuramente davanti a un pugno di arrosticini o a una bella bistecca...

      Elimina
  6. magari il cinema è come la caverna di Platone?

    e buon atterraggio...

    RispondiElimina
  7. Bentornato, Bradipo!
    E ti capisco: senza film è sempre dura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono arrivato alla constatazione che non ce la faccio a stare senza...

      Elimina
  8. L'immagine del blog come un'astronave abbandonata è fantastica :) bentornato. Io sono uno spettatore cinematografico meno assiduo, ma almeno tre pellicole a settimana me le sparo e quando non sono thriller ormai non le recensisco, anche perché ogni tanto le numerose recensioni mi fanno restare senza più parole :D però senza cinema credo potrei resistere al massimo un paio di settimane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh io nel fine settimana esagero, diciamo che arrivo a fare anche il pieno per la settimana successiva...

      Elimina
  9. Da bambino abitavo di fianco l'ingresso del cinema Italia: la sala più grande del mio paese dove lavorava mio zio. Ci sono cresciuto con il cinema: non potrei farne a meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo! e direi che mi pare normale che non ne possa fare a meno...

      Elimina
  10. No, no no, assolutamente, non potrei vivere senza visionare come minimo dai due ai tre film al giorno...impazzirei ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ormai non ce la faccio più a vederne due tre al giorno ma solo per ragioni di tempo, nel fine settimana non mi faccio mancare nulla...

      Elimina
  11. Ci campo anche senza cinema.. faccio il superiore.. ma quando capita poi, rimango calamitato, sala o tv che sia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non ce credo che ce campi senza cinema....

      Elimina
  12. Beh...premetto che il cinema, la musica, qualche buon libro e ci aggiungo pure lo sport sono i miei passatempi preferiti !! Però voglio sottolineare nuovamente ( Visto che sono uno degli ultimi arrivati in questo blog) che non mi ritengo assolutamente un critico o un esperto, questo per evitare brutte figure prima di tutto :) Detto questo come tutte le mie passioni MI AIUTANO A VIVERE MEGLIO , non voglio "circumnavigare" tanto o fare tanti giri di parole. Forse perché tendo ad immedesimarmi, forse perché nei miei sogni di un represso 40enne avrei voluto fare l'attore, (Mia moglie dice che lo sono benissimo anche nella vita ;) forse perché sono pronto a scommettere che qualcosa si può imparare anche da un film. Tanti motivi insomma per amare il cinema...un mio difetto?? Difficilmente se un film non decolla entro 30/45 min riesco a portarlo a termine? Un pregio? Credo lo stesso che abbiate un po tutti voi...i film preferiti li conosco a memoria !!! Un debole per Carlo Verdone.... Aooo!!

    RispondiElimina
  13. Io vado di dosi abbondanti di cinema da solo 5 anni, eppure, come te, non riesco a farne a meno per più di 24 ore. Che sia un film o una serie tv qualcosa devo vedere senò sclero. Perciò ti capisco benissimo!
    Lavoro e vita privata permettendo, perchè farcene mancare? È il nostro vizio, dopotutto.

    RispondiElimina