I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 10 aprile 2015

Lord of tears ( 2013 )

James è un insegnante in una scuola scozzese che per anni è stato lontano dalla madre.
Ha notizie di lei solo quando è sul letto di morte e riceve l'eredità, tra cui una enorme , elegante magione nelle campagne scozzesi che però la madre gli consiglia di evitare e di vendere subito.
James è perseguitato da visioni forse legate a un trauma della sua infanzia e si va a stabilire nell'enorme tenuta proprio per scoprire l'origine di tutto.
Là alla casa conosce la bella americana Eve Turner , che abita nelle vicinanze e comincia una sorta di affettuosa amicizia.
Ma le visioni, in particolari quelle con protagonista  un uomo gufo, si fanno sempre più pressanti e James non riesce a trovare una soluzione al suo disagio.
Sotto la casa ci sono delle catacombe e James un giorno scopre qualcosa di molto interessante...
Come si dice?
Mai giudicare un libro dalla copertina?
Beh estendendo il tutto al campo cinematografico direi che è la stessa cosa col manifesto del film.
Perché non bisogna mai giudicare un film dalla sua locandina, sia nel bene che nel male.
Ecco se fosse stato per il manifesto  sicuramente non avrei mai preso in considerazione questo film del regista scozzese Lawrie Brewster qui praticamente al suo debutto.
Una locandina di rara bruttezza che nulla lasciava presagire della qualità del film.
Che è una produzione fatta al risparmio e lo si evince nell'uso degli effetti speciali, praticamente quasi del tutto assenti o per essere gentili utilizzati con estrema parsimonia nei punti chiave del film, ma anche nella lettura dei credits in cui ci si accorge di una certa familiarità tra i vari componenti della troupe e una certa ricorrenza sempre degli stessi nomi.
Lo stesso Brewster in questo film si occupa di montaggio e produzione ma in altri film si è occupato della fotografia.
Lord of tears è il film che non ti aspetti: in tempi di imperante mockumentary e found footage e dimostra che si possono fare film in totale economia senza per questo rinunciare allo stile e alla confezione.
Il film di Brewster è una ghost story che non fa dell'originalità il suo punto di forza ma è una produzione che riesce a intrattenere e perché no? anche ad avvincere pur nella prevedibilità di alcuni snodi narrativi.
Uno spettatore smaliziato capisce subito il film dove vada a parare ( leggasi la figura di Eve ) ma il tutto è confezionato con cura  per renderlo un film piacevolmente fuori del tempo.
Direi addirittura anacronistico ma il termine deve essere preso in un'accezione totalmente positiva,almeno per stavolta.
Per fare un paio di raffronti potrei accostarlo a un paio di produzioni come The Woman in Black, il film della rinascita della nuova Hammer Productions ( e in un certo senso Lord of tears somiglia molto a un film Hammer) e 1921 : il mistero di Rookford, non a caso due pellicole ambientate nel passato.
Il genere è lo stesso, i capitali impiegati sicuramente minori ma il risultato non è poi così lontano.
Brewster ha buona mano nel costruire un'atmosfera malsana e irrespirabile ed è aiutato da una casa che più spettrale non si può  dotata come è di una piscina pervasa dalla luce, ambienti polverosi da vecchia villa vittoriana e da catacombe nere come la pece che la rendono un mondo multiforme, a vari strati  attraverso cui si possa passare da un ipotetico inferno ad un ancora più ipotetico paradiso che , vista la situazione , appare come una chimera irraggiungibile.
E poi riesce a far apparire inquietante ( ma devo dire che la voce sepolcrale di David Schofield, l'unico nome di un certo rilievo nel cast artistico) persino un tizio conciato come una specie di spaventapasseri che sembra preso da un film horror degli anni '20.
Azzeccata la scelta del protagonista , Euan Douglas, classico normotipo che farebbe tappezzeria ovunque, che riesce a colorare con arguzia un personaggio un po' fuori dal tempo come tutto il film.
Lord of tears è un film che va assaporato lentamente, ci mette un po' di tempo a carburare e a far presagire tutto l'orrore che lo pervade , però poi alla fine arriva.
Tranquilli che arriva e non vi pentirete di averlo visto.

PERCHE' SI : buona la regia del semiesordiente Brewster , ottima l'atmosfera che si respira e l'ambientazione, azzeccata la scelta del protagonista.
PERCHE' NO : ci mette un po' a carburare, il plot non è il massimo dell'originalità, gli effetti speciali sono utilizzati con parsimonia forse eccessiva.

LA SEQUENZA : il lungo ballo di Eve con James che sta lì ,fermo, a guardarla.

DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :
A me la Scozia piacerebbe anche sbattuta in faccia.
E' meglio diffidare di un'eredità un po' troppo importante.
Diffidare anche delle locandine brutterrime come il manifesto di questo film.
Quando un tipo fisicamente meno che mediocre affascina una stangona bellissima , beh allora c'è sempre qualcosa sotto. Tipo un portafoglio ben fornito.

( VOTO : 7 / 10 )

 Lord of Tears (2013) on IMDb

15 commenti:

  1. Questo mi manca, però la locandina è una figata ;-) se riesco gli do un occhiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me la locandina è una figata :D me lo segno...

      Elimina
    2. per me la locandina è brutterrima ma il film è una figata :)

      Elimina
  2. Un horror ambientato in Scozia? Imperdibile in pratica.
    Sulla locandina hai ragione, è proprio brutta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah sulla locandina la pensiamo alla stessa maniera...il film merita...

      Elimina
  3. la locandina è magnifica!
    metto in lista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, dai...la locandina non si può vedere...

      Elimina
  4. Ok, la locandina fa schifo ma quel gufo che si vede nell'altro fermo immagine mi terrorizza. Segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah questo post si è trasformato in un referendum sulla locandina...

      Elimina
  5. Perso di brutto. Grazie per il remaind ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati , di nulla, fa sempre piacere segnalare bei film...

      Elimina
  6. Altro film che mi ispira abbomba ma che non so quanto riuscirò a vedere T.T

    RispondiElimina
  7. Another poster :) http://stuffmonsterslike.com/wp-content/uploads/2013/11/tumblr_mkgckl1Eys1rk6ugoo1_500.jpg

    RispondiElimina
  8. Non ci credo, hai visto anche questo...

    Oh, stesso voto identico e per un film come questo non era affatto scontato visto che a qualcuno può fare veramente schifo. ;)

    RispondiElimina