I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 29 luglio 2013

Con gli occhi dell'assassino ( 2010 )

Julia e Sara sono due gemelle affette da un problema degenerativo al nervo ottico che ne sta pregiudicando la vista e che le porterà alla cecità in poco tempo.Quando Sara viene trovata impiccata la polizia cataloga il fatto come suicidio mentre Sara comincia ad indagare sull'ultimo mese di vita della sorella perchè non crede alla tesi ufficiale.Conosce i vicini di casa di Sara, le amiche del centro in cui va a curarsi, addirittura viene a conoscenza di un misterioso fidanzato sulle cui tracce cerca di mettersi. Ma anche la sua vista sta vacillando e il marito improvvisamente muore.Per lei è solo l'inizio di un incubo perchè il nemico è molto più vicino di quanto lei stessa osi immaginare.
Quando non si occupa in prima persona di regie e sceneggiature Guillermo Del Toro ama tanto fare il talent scout e scopriamo dal suo nome bene in evidenza ( anzi direi che più in evidenza di così si muore) sulla locandina che ha messo il suo zampino anche in questa opera seconda di Guillem Morales che con El habitante incierto aveva dato una lettura originale e stimolante al cinema di genere, il tutto da una prospettiva piuttosto sbilenca, mostrando un talento visivo fuori dall'ordinario e una notevole capacità di utilizzare pochi ambienti per creare ansia e suspense.
Che poi sono gli stessi ingredienti con cui è condito questo Con gli occhi dell'assassino ( titolo da codice penale inserito al posto del ben meno spoileroso Los ojos de Julia) incursione nel thriller horror non priva di difetti ma che ha anche qualche buona freccia al suo arco.
Hitchcock aleggia in modo fin troppo evidente su tutto il film ( vedi i riferimenti al complesso di Edipo, il tema del doppio, dell'invisibilità, la sequenza coi flash che ricorda tanto La finestra sul cortile ) ma il tutto è riletto attraverso  il filtro caleidoscopico del giallo all'italiana anni '70,un pizzico di De Palma  a last but not least un po' di new wave spagnola , quella inaugurata proprio dal Del Toro e continuata da film di successo come The Orphanage.
Impossible poi non ricordare due capisaldi del thriller " cieco" come Gli occhi della notte , con una deliziosa Audrey Hepburn e soprattutto Terrore cieco con una superba Mia Farrow nella parte della mattatrice.
Con gli occhi dell'assassino è un melting pot ricco di spezie che nella parte centrale sbanda per eccesso di generosità, introducendo personaggi usa e getta che complicano inutilmente la storia, già intricata di suo, non aggiungendo nulla.
Superato però lo scoglio di una parte centrale farraginosa ( che aumenta un po' troppo il minutaggio del film che arriva a sfiorare le due ore) l'ultima parte presenta tutti gli ingredienti al posto giusto, compresi un paio di colpi di scena ben assestati.
Interessante la prospettiva di visione adottata da Morales: lo spettatore condivide gli stessi problemi di Julia e anche lui non vede il volto dell'assassino, fin quando la protagonista porta le bende.
La visionarietà di Morales permette inoltre di riscattare quelle debolezze , soprattutto di scrittura con qualche personaggio secondario inutile o scentrato, che appesantiscono la pellicola soprattutto nella succitata parte centrale.
Un degno esponente di cinema di genere quindi che strizza l'occhio al pubblico senza cercare di arruffianarselo in tutti i modi.
E' evidente che anche la Spagna ci abbia superato in tromba su un terreno che una volta era a nostro totale appanaggio.
Che tristezza!

( VOTO : 6 + / 10 )

Julia's Eyes (2010) on IMDb

12 commenti:

  1. Quanto è agghiacciante quella foto!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ! L'ho scelta apposta! :))))

      Elimina
  2. Ma lo sai che a me a suo tempo non ha convinto tantissimo??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prima parte è mediocre anche per me, ma l'ultima parte l'ho trovata notevole e me lo ha fatto valutare con benevolenza...

      Elimina
  3. A me fece davvero cagare! Una robetta che poteva esaltare solo quel pusillanime del Cannibale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, l'avevi detto in occasione de El Cuerpo che però è meglio di questo film....

      Elimina
  4. da buon pusillanime, a me era piaciuto. :)
    un bel thriller d'atmosfera che in italia oggi ci sogniamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione! questo tipo di film in Italia ce li sogniamo proprio...ed eravamo i migliori nel campo!

      Elimina
  5. Se non sbaglio rimasi un pò tiepido su questo film, non è tra i miei preferiti nonostante il cinema spagnolo sforni bei thriller...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me non ha propriamente entusiasmato ma è un'ottima visione estiva e la seconda parte del film è assai stimolante...

      Elimina
  6. Un thriller niente male, con scene inaspettatamente cattive tipo quella della bambina, ottimo momenti di tensione e un cast in parte.
    Pellicola che merita senz'altro ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io me lo sono goduto proprio...non sarà un capolavoro ma per me è degnissimo di una visione!

      Elimina