I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 25 aprile 2013

Prowl ( 2010 )

Amber vive in una piccola cittadina della provincia americana che da tempo le sta un po' troppo stretta. Cerca di trasferirsi nella grande città, il sogno si chiama Chicago,la Windy City, e pare che il destino le voglia dare una mano. C'è un appartamento che la sta aspettando , però si deve recare sul posto per prenderne possesso altrimenti lo prenderà un altro. Non avendo mezzi di trasporto decide di andarci con il suo gruppo di amici. Col furgoncino di uno di loro partono ma appena fuori della loro cittadina rimangono in panne in mezzo alla strada. Accettano il passaggio di un camionista ma il tragitto non è quello che pensano loro. Sono portati in una specie di fabbrica abbandonata che è popolata di strani esseri. Sanguinari e sembra che ognuno di loro voglia un pezzo dei malcapitati ragazzi.
Per Amber e gli altri comincia una lotta selvaggia per la sopravvivenza....
Prowl comincia come peggio non si potrebbe, cioè come milioni di altri film. Anche se non conoscessimo il genere di film che ci stiamo apprestando a vedere , riconosceremmo subito che è un horror.
Il solito gruppo di adolescentiminkia, o meglio di giovani adulti usciti da un pezzo dall'adolescenza almeno anagraficamente ma cerebralmente regrediti come se potessero rimanere teenagers a vita mantenendo però tutti i vantaggi dell'essere adulti ( tipo sfondarsi il fegato d'alcool), il solito chiacchiericcio insulso sulla sacra triade sesso, sport e rock'n'roll, i soliti frullati di testosterone testicolare da parte di maschietti abituati a pensare solo con quel toro che gli scalpita nelle mutande, pardon boxer, mentre le signorine fanno le ochette.
E naturalmente vengono servite anche montagne di due di picche al nerd di turno ( se è l'unico che porta gli occhiali un motivo ci sarà pure, anche se la mamma sicuramente gli ha spiegato che fare quelle cosacce fa diminuire la vista) che però è l'unico fornito di mezzo di locomozione.
In questo quadro desolante c'è spazio solo per il personaggio di Amber, quella che vuole fuggire perchè il paesino le sta troppo stretto, l'unica che sembra annoiata dalle chiacchiere degli altri, che sembra sopportarli a malapena...però sono suoi amici.
Dopo la mezzoretta canonica in cui succede poco o nulla, il film cambia decisamente registro e finalmente si vede qualcosa che non sia il piattume visto fino ad ora. Niente di memorabile , per carità , ma almeno Prowl raggiunge il suo scopo di intrattenere e lo fa anche decentemente.
Si vede che è fatto tutto un po' al risparmio, le creature fameliche che vogliono fare a tranci i ragazzi ( e diciamocelo, un po' tifiamo per loro perchè quei minchioni non si sopportano) sembrano dei vampiri zombizzati o degli zombi vampirizzati , fate un po' voi e sembrano portati via di peso dalle sessions di 30 giorni di buio.
Anche qui deja vù, quindi ma perlomeno il regista grazie ad alcune scelte visive azzeccate e a uno score musicale decisamente incalzante che riesce a sottolineare con vigoria i momenti clou del film, non manda tutto in vacca ma riesce a confezionare uno spettacolo accettabile.
Tra inseguimenti e fughe verso l'alto, arrampicate scarrafone/style sulle pareti dell'enorme fabbrica  con qualche tremolio della cinepresa di troppo che serve più per nascondere che per mostrare, Prowl nella seconda parte, quella in cui si vedono sangue, fegatini e frattaglie varie, scorre che è una bellezza, anche in virtù di un minutaggio decisamente ridotto ( 80 minuti scarsi).
La rivelazione che cambia tutta la prospettiva del film non disturba più di tanto, così come è positivo che rimanga un alone di mistero su quelle creature, su chi le ha create e sul perchè invece di invadere qualche città piena di sangue fresco di giugulare, si autoconfinino in una fabbrica abbandonata nutrendosi con sacche di plasma.
Certo ci potevano risparmiare la lezione di filosofia spicciola fatta da Veronica a Amber...ma dura poco...
Non me la sento di condannare un prodotto come questo, perchè è fatto con un pugnetto di dollari ma non sfigura accanto a produzioni ben più blasonate e di questo va dato merito al regista che fa di necessità virtù  e usa benissimo la clamorosa location che gli fornisce la produzione, un capolavoro di archeologia industriale trovato da qualche parte della Bulgaria.
Ultima notazione tecnica: ma quanto è bella Ruta Gedmintas e perchè non è la protagonista visto che Cortney Hope di fronte a lei sembra un gatto scorticato o una cozza appena staccata da uno scoglio?

( VOTO : 6 / 10 ) 

Prowl (2010) on IMDb

12 commenti:

  1. non ricordavo se l'avevo visto o no.
    e mi sembra che no, non l'ho visto.
    come mi confermi mi sa di film uguale a milioni di altri e quindi passo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la seconda parte fa la sua porchissima figura...

      Elimina
  2. Io uno sguardo glielo darò, anche solo per quella seconda parte con sangue e frattaglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. durante la prima parte puoi sempre difenderti con il tasto FF...

      Elimina
  3. Mah, se la prima parte è trita e ritrita, la seconda gronda sangue e frattaglie, non posso che passare. Stavolta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ! non credo che sia proprio il tuo genere...

      Elimina
  4. Visto un bel po' di tempo fa. E' solo una impressione mia o il finale era effettivamente un po' frettoloso e tirato via?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è vero, il finale si perde un po' dopo la rivelazione ...

      Elimina
  5. Quindi il tutto si risolve col classico "Mai accettare passaggi dagli sconosciuti"? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello credo che sia un principio ineludibile...hai visto poi che succede? :)

      Elimina
  6. Mi perdonerai Bradipo, ma questi proprio sono i film di cui faccio volentieri a meno...anche se ogni tanto dovrei sciogliere questa repulsione e buttarmi. Però vorrei provare con un film cazzuto in questo senso. Un horror decente, consigli??? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di horror cazzutissimo ne ho visto uno ieri al cinema in solitaria, però ti avverto è un film che divide tra detrattori accaniti e sostenitori altrettanto accaniti ( tra cui io) , il film è l'ultimo di Rob Zombie, Le streghe di Salem....a tuo rischio e pericolo...

      Elimina