I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 3 aprile 2013

Dark Feed ( 2013 )

Una troupe sta girando un horror low budget all'interno di un vecchio ospedale psichiatrico abbandonato. Per risparmiare sui costi di produzione cercano di lavorare il più a lungo possibile e vi soggiornano anche di notte. Vengono a sapere di strani esperimenti fatti nella vecchia struttura ospedaliera e più vanno avanti più ogni membro ( o quasi ) della crew comincia a dare preoccupanti segni di squilibrio fino a che la violenza scoppia in modo manifesto. Ma che cosa ha provocato tutto ? E perchè sembra che il vecchio ospedale stia riprendendo vita?
L'unica soluzione è fuggire da quell'ospedale prigione ma non è affatto semplice. Solo chi apparentemente non è stato soggiogato da quella strana atmosfera ha la lucidità per capirlo.....
Prima di parlare di questo film per prima cosa mi devo appuntare da qualche parte che devo diffidare di tutti quei film che sulla locandina scrivono dai produttori di..., dagli sceneggiatori di..., da uno degli ideatori di ...( perchè ho letto anche questo quando il film a cui si riferisce ha raggiunto una certa risonanza), perchè una scritta del genere nasconde quasi sempre fregature.
Qui il film a cui ci si riferisce è The Ward, il ritorno al cinema del maestro Carpenter, sicuramente non un ritorno epocale ma per quanto mi riguarda molto solluccheroso. Il film in questione era scritto dai fratelli Rasmussen che qui troviamo nelle vesti di sceneggiatori e di registi.
E li troviamo sempre all'interno di un ospedale psichiatrico.
Solo che quello di The Ward a confronto di questo era un resort a cinque stelle extralusso.
Qui siamo più dalle parti di un Session 9, grande film di Brad Anderson, uno che purtroppo ultimamente si è un po' perso, con qualcosa di demoniaco che si aggira tra quelle quattro mura ammuffite .
Ma se Brad Anderson lavorava di sottrazione puntando tutto sull'atmosfera malsana di quel luogo poi esplodendo in un finale che definire tellurico è riduttivo, qui i fratelli Rasmussen scoprono subito le carte che hanno. Un brutto effetto in computer grafica fa capire immediatamente che c'è qualcosa che non va in quella location ma tutto viene tenuto sottotraccia con i soliti espedienti da film de paura , i soliti boo! che sono invece scherzi idioti e alcune apparizioncine di ombre fugaci che passano velocemente sullo schermo che stile vedo-non-vedo dovrebbero creare un aumento del climax ansiogeno.
Cosa che non succede perchè in realtà sembra tutto visto e stravisto.
Il problema fondamentale di Dark Feed è che per un'ora si va avanti senza che succeda nulla di significativo a parte quelle ombre succitate.Si perde tempo con personaggi che non hanno alcunchè di interessante, figli dei peggiori stereotipi e anche il dietro le quinte di una produzione cinematografica che qui potrebbe recare qualche interesse per lo spettatore viene relegato in un angolino.
Aggiungiamo anche attori che non sono propriamente il massimo ( anzi alcuni sono veramente modesti, sotto il minimo sindacale), una fotografia digitale che va e viene anche se ringraziando Iddìo siamo lontani dallo sfacelo dei finti found footages  e aggiungiamo anche che  il come un horror low budget come Dark Feed parli della realizzazione di un horror low budget ha un qualcosa di paradossalmente perverso nel suo essere ombelicale.
Negli ultimi venti minuti si comincia a vedere finalmente qualcosa: follia collettiva con qualche sequenza non male anche se tutto rientra nel mare magnum del deja vù.
Un peccato perchè l'abbinamento horror + ospedale psichiatrico era qualcosa che già da solo mi aveva fatto venire l'acquolina in bocca ed è veramente un delitto buttare via così una location da incubo come questa.
Avrebbe dovuto essere la protagonista incontrastata della pellicola e invece è solo uno sfondo mesto in cui collocare il solito horroretto da quattro soldi.
Andiamoci a riguardare Session 9...che è meglio....

( VOTO : 4 / 10 )
Dark Feed (2013) on IMDb

22 commenti:

  1. molto solluccheroso: mi piace la tua definizione di the ward! un ritorno tanto sottovalutato, peccato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The ward è il classico film che magari non dice nulla di nuovo ma è divertente al massimo: solluccheroso per indica questo perchè godo abbestia quando vedo qualsiasi Carpenter...

      Elimina
  2. Me l'ero anche segnato ma a sto punto lascerò volentieri perdere :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti puoi vedere giusto gli ultimi 20 minuti...tutto il resto è noia come diceva il Califfo...

      Elimina
  3. Session 9 lo adoro, e anche tutto ciò che è ambientato negli ospedali psichiatrici, ma credo che questo lo eviterò srnza rimpianti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Session 9 è uno dei pochi film che mi ha messo veramente paura, questo al massimo è un'imitazione di bassa lega...

      Elimina
  4. The ward a suo tempo mi è piaciuto. Questo però passo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parte l'ospedale psichiatrico ( e manco tanto) questo c'entra poco con The Ward...puoi passarlo senza indugi...

      Elimina
  5. Ho quasi terminato il download di Session 9 che a questo punto vedrò con grande curiosità:) questo lo evito:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Session 9 per me è un filmone, come dicevo prima uno dei pochi che è riuscito a mettermi paura...sono curioso di leggere le tue impressioni....

      Elimina
  6. Madò... neanche passato dalle mie parti, cmq grazie e passo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse è un bene perchè a mio parere non ti sei perso nulla...

      Elimina
  7. Session 9 l'ho scoperto tardi ma con grande grande soddisfazione e l'ho subito consigliato addestreammanca!
    Su Dark Feed passerò la mano dopo questa tua implacabile rece... invece a sto punto mi pare inevitabile recuperare The Ward che già mi era stato segnalato. OK, all'azione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai fatto bene ! Session 9 è un filmone secondo me...The Ward non è un capolavoro ma Carpenter è sempre Carpenter e il divertimento è garantito!

      Elimina
  8. Abbiamo visto due boiate in contemporanea...

    Grande Session 9.

    Per questo Dark Feed riprendo e modifico un tuo passaggio.

    "Un brutto effetto in computer grafica fa capire immediatamente che c'è qualcosa che non va in quel... film"

    e ti potevi fermare là :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ha ! giusto! anche perchè quando vedi una roba imbarazzante così poi ti predisponi male al resto...ancora ti devo leggere..tra un po' arrivo...coi miei tempi!

      Elimina
  9. Troppo tardi, maledizione! Troppo Tardi!!!
    L'ho visto ieri sera....
    Non potevi fare la recensione prima, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ha ! scusa ...ma sono andato fuori per Pasqua...:)

      Elimina
  10. Mitico Session 9! Gran bel film!
    Questo, invece, me lo evito felicemente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto è meglio riguardarsi Session 9....questo lo puoi bypassare tranquillamente...

      Elimina