I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 6 dicembre 2013

Seria(l)Mente - Southcliffe (2013)

La vita scorre placida e senza scossoni nell'immaginaria cittadina di Southcliffe, piccolo mercato sul mare nascosto in nebbie uggiose che entrano fin dentro le ossa. Stephen, ex militare dei corpi speciali reduce di missioni all'estero bada da solo alla madre praticamente immobilizzato aiutato per pochi minuti al giorno dall'assistente sociale Claire, conosce nel pub del paese un giovane reduce dell'Afghanistan a cui racconta un sacco di storie e con cui simula una sorta di addestramento nelle brughiere , giusto per tenersi in allenamento. Un brutto giorno lo zio del reduce, anche lui ex appartenente ai corpi speciali, smaschera le menzogne di Stephen e assieme al nipote lo umilia. Qualcosa scatta nella mente di Stephen che imbraccia uno dei suoi fucili e comincia ad andare in giro per il paese sparando a chiunque gli si pari incontro dopo aver ucciso la madre e il cane. Arriva a quindici morti prima di essere preso. Un giornalista , David ,  nativo di Southcliffe, deve raccontare per la sua tv che cosa sta succedendo ma inevitabilmente il passato torna ad angustiarlo....
Southcliffe è una serie tv in quattro puntate da 45 minuti trasmessa da Channel 4 in Inghilterra nell'agosto di quest'anno.
Ora se questa è la qualità della televisione britannica, tanto di cappello e un bastimento carico di invidia per il livello delle loro fiction per il piccolo schermo, perchè questo è cinema vero e proprio travestito da televisione.
Diretto da Sean Durkin, regista che già era da tenere d'occhio dopo l'exploit de La fuga di Martha ( di cui abbiamo parlato qui ) e scritto da Tony Grisoni ( che ha scritto Tideland , Paura e delirio a Las Vegas e un'altra serie cult come Red Riding ), Southcliffe è un prodotto a cui non si sa bene come approcciarsi.
E' una storia sbilenca, con l'unità di tempo flessa a piacimento per conferire ritmo alla narrazione ( quel ritmo che normalmente Southcliffe e tutte le città come lei , non hanno ), una narrazione volutamente frammentata che volge lo sguardo a  spettri del passato, a delitti e castighi a cui si aggiunge la tipica chiusura mentale , oltre che geografica, che caratterizza la piccola cittadina, in cui tutti conoscono tutti e soprattutto tutti sanno tutto di tutti.
E se Stephen è affondato da fantasmi invisibli, quelli che assillano David, il giornalista, hanno un nome e un cognome: quello del padre coinvolto in un misterioso affaire anni prima di cui tutti gli abitanti di Southcliffe sono a conoscenza.
E sono pericolosi come quelli che spingono Stephen a imbracciare quel dannato fucile e uccidere senza motivo quindici persone.
Aleggia un senso di morte e disperazione su questa serie in cui tutto viene suggerito e ben poco viene mostrato, eppure è qualcosa che ti entra dentro, un'inquietudine che fa fatica ad abbandonarti anche dopo che sono terminati i titoli di coda dell'ultimo episodio.
Tutto questo perchè la città di Southcliffe è talmente anonima che potrebbe essere dovunque, è il simbolo di una provincia assonnata, quasi narcotizzata che viene svegliata nel bel mezzo di un incubo da una realtà che è ben peggiore del peggiore dei sogni funesti.
Southcliffe potrebbe essere anche quella fila di case che si snoda a perdita d'occhio guardando fuori della finestra e potenzialmente uno Stephen che un giorno imbraccia un fucile e fa una strage potrebbe anche abitare nella casa a fianco.
La scrittura di Tony Grisoni è profonda e articolata perchè più che interessarsi al gesto di Stephen, ripreso più volte ma mai mostrato nella sua furia beluina, la sua attenzione si rivolge alle conseguenze di questo gesto tragico in un'alternanza di personaggi che rende di fatto impossibile staccare gli occhi dallo schermo.
Ogni personaggio è inserito in una cornice in cui sono presenti gli altri e i rimandi alle altre storie sono continui richiedendo un surplus di attenzione da parte dello spettatore che pende letteralmente dalle labbra degli interpreti tutti di altissimo livello e tutti attori di cinema prestati alla televisione ( Eddie Marsan, Rory Kinnear, Sean Harris, Shirley Henderson, tutti volti notissimi del jet set britannico).
Anche la chiusura è a suo modo originale: una chiusura trasversale come se un invisibile burattinaio tendesse i fili di tutte le sue marionette e le riunisse insieme.
Ma la sensazione è che ha ancora molti altri metri di filo da tendere.
Perchè se è vero che i morti non ritornano in vita, i fantasmi di David sono ancora tutti lì in bella mostra , lasciando la loro bella scia di mistero magari da spiegare in una seconda stagione.
Che al momento non è dato sapere se sarà girata.
Visto al TFF di quest'anno.
Consigliatissimo .

( VOTO : 8 / 10 ) 

Southcliffe (2013) on IMDb

15 commenti:

  1. Non pensavo fosse una cosa così potente.
    Segno e passo al recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. roba potente e da cui non ci si riesce a staccare...

      Elimina
  2. eh, non sono riuscito a incastrarlo nel programma del Tff. a proposito, ma dov'eri? e perché non ti sei palesato?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ero presente solo con lo spirito...

      Elimina
  3. grande mini-serie, ma non c'è certo da stupirsi.
    la tv britannica è questo e molto altro. quest'anno ha offerto cose ancora più notevoli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la qualità della fiction britannica mi sta facendo ripensare al mio rapporto interrotto con la serialità...

      Elimina
  4. e allora si parte al ripescaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente non rimarrai deluso...

      Elimina
  5. ah Bradipo qui c'è una delle più grandi esperte mondialidi serie tv inglesi e americane :-D. non ho visto Southcliffe e ti ringrazio per la segnalazione.
    se deciderai di dedicarti a qualche serie garantita scoprirai un mondo migliore di tanto cinema che non vale veramente nulla. e forse comincerai a chiederti, come me, come sia possibile che in tv passino dei prodotti talmente superiori e perfetti mentre al cinema ci rifilano tanta monnezza...

    RispondiElimina
  6. è vero quello che dici: c'è molta tv che è migliore e di gran lunga rispetto al cinema che ci viene propinato...ed è per questo che ho deciso un po' di approfondire le mie conoscenze seriali, sempre girando per la vecchia Europa che mi sembra quella più stimolante in campo seriale...

    RispondiElimina
  7. assolutamente vero. bristish do it better
    sì. almeno fino a che non deciderai di vedere braking bad :-D

    RispondiElimina
  8. può darsi che prima o poi mi deciderò...

    RispondiElimina
  9. visto tutto in una volta, come un film lungo, davvero bello, grazie della segnalazione:)

    RispondiElimina
  10. grazie a te per l'attenzione, sono contento di esserti stato utile!!!

    RispondiElimina
  11. Stesso voto :)

    d'accordissimo su tutto, è buffo che di questa brevissima serie ho speso tante parole io, tante te, atante altri, e volendo se ne possono dire tante altre senza ripetersi.
    E' la classica serie che in 3 ore se vuoi ti può far scrivere una tesi tante sono le cose di cui parla e che mostra
    "Tutto questo perchè la città di Southcliffe è talmente anonima che potrebbe essere dovunque, è il simbolo di una provincia assonnata, quasi narcotizzata che viene svegliata nel bel mezzo di un incubo da una realtà che è ben peggiore del peggiore dei sogni funesti."

    grande passaggio, una della anime del film

    ma io ho visto il finale in modo diverso, l'espressione di David cambia, sembra stupirsi, meravigliarsi, vedere qualcosa di grande e bello

    RispondiElimina