I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 16 dicembre 2013

Aiuto vampiro ( 2009 )

Darren Shan è il classico bravo ragazzo esponente di una famiglia della middle class americana che più media non si può: pochi grilli per la testa, bravo a a scuola e fissato con i ragni. Un giorno in città arriva il Cirque du Freak e per andarlo a vedere Darren convince il suo miglior amico Steve, che ha una passione per i vampiri, scappa da casa. Tra le varie attrazioni mostruose del circo, tutti veri freaks, Darren conosce l'oscuro Larten Crepsley, un vero vampiro, a cui ruba un ragno velenoso perfettamente addestrato. Lo porta a scuola il giorno dopo ma l'aracnide fugge e semina il panico per la scuola. Steve per cercare di recuperarlo viene accidentamente morso e Darren va da Larten per salvare l'amico. Il vampiro gli propone un patto per salvare Steve: rinunciare alla sua vita "normale" e far parte del circo itinerante. A tal scopo inscena la sua morte e si unisce ai nuovi compagni di vita scoprendo anche di avere poteri straordinari. Intanto Steve diventato una sorta di vampiro killer  ha rapito la sua famiglia. Darren lo deve fermare ma non volendo rassegnarsi all'idea di bere sangue umano è troppo debole per fermare l'ex amico....
Aiuto Vampiro:ovvero come castrare tutte le ambizioni di un film con un titolo idiota. 
Era davvero così brutto tradurre letteralmente Cirque Du Freak:The Vampire's Assistant
No, siccome siamo educati ai vampiri sdentati di Twilight invece di porre l'attenzione sul circo dei mostri come nel titolo originale nel titolo italiano ci si deve necessariamente concentrare sull'aiuto vampiro, quindi uno solo di tutti personaggi in campo
Poi se questa figura nel film non esiste ma si parla  solo un ragazzo che decide di abbandonare gli affetti familiari per seguire il vampiro Larten e il suo circo, beh chissenefrega...tanto chi vuoi  che capisca tra tutti i pecoroni ( poco numerosi in verità ) che hanno la ventura di vedere il film? 
Dispiace perchè questo film di Weitz è qualcosa più di un semplice teen movie orrorifico: le sue atmosfere malsane immerse in un circo spettrale sono riuscite , così come convince il discorso sul travaglio interiore del protagonista che in fondo decide di abbandonare amici e affetti familiari ( con tanto di resurrezione) solo perchè si accorge che in fondo non ha proprio nulla da abbandonare.

Solo un inesprimibile vuoto interiore. 
Weitz debutta finalmente nel cinema adulto? Non proprio, perchè qualche debolezza da dare in pasto ai popcorn eaters qua e là si manifesta con degli in­serti da commedia giovanile d'ambientazione scolastica che sembra simulare una delle tante sit com americane sui ragazzi a scuola. 
Altra cosa che lascia con un pò d'amaro in bocca è il dispiego di molti personaggi usa-e-getta che non sono approfonditi minimamente ma forse questo rientra nell'ottica di possibili sequels (il materiale letterario c'è) in cui si otterranno maggiori spiegazioni. 
Aiuto vampiro ha l'aria di essere un introduzione a una nuova saga che sembra diretta ad adolescenti un pò più scafati rispetto a quelli di Twilight: diciamo che è rivolta ai discepoli degli ultimi film di Harry Potter, quelli che sono cresciuti con la saga del maghetto quattrocchi con i suoi inconfondibili occhiali tondi.
E proprio per la sua funzione introduttiva appare interlocutorio. 
Apprezzabile il comparto di effetti speciali e la prova di un John C. Reilly assolutamente a suo agio in un personaggio ben sfaccettato. 
Altrettanto non si può dire dei due protagonisti teen, Chris Massoglia e Josh Hutcherson (non il classico teen ager americano mascellone, anzi un tizio veramente strano a partire dalla sua altezza). 
Un vero peccato che questo film sia passato praticamente inosservato perchè purtroppo i sequels programmati probabilmente  rimarranno solo sulla carta....

( VOTO : 7- / 10 )

  Cirque du Freak: The Vampire's Assistant (2009) on IMDb

6 commenti:

  1. Ho come l'impressione che mi passerà inosservato come non mai... da oggi mirino su Mitty. Sono sicuro che apprezzerai (almeno le intenzioni.. e vale anche per me.. magari lo vedo e poi lo smolecolo lo stesso... ahah..)

    RispondiElimina
  2. Addirittura 7? Wow! A me non ispirava minimamente, ma se me lo recensisci così bene gli darò una bella chance!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la possibilità se la merita tutta....non è la solita twilightata...è qualcosa di più adulto...

      Elimina
  3. Concordo in pieno: un film gradevole ed interessante, passato sotto silenzio e troppo sottovalutato.
    Ne parlai anche io nei primi tempi del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora ho suscitato in te dei bei ricordi...

      Elimina