I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 30 marzo 2015

'71 ( 2014 )

Inghilterra 1971 : Gary Hook è una recluta dell'esercito inglese inviata a Belfast proprio dove è scoppiata la maggior parte degli scontri tra cattolici e protestanti.Gli dicono che è fortunato perché non viene mandato fuori dell'Inghilterra ma lui non si sente proprio così: anzi nota che la situazione politica non è così semplice come gliela avevano prospettata ( i cattolici cattivi da una parte che appartengono all'IRA e i protestanti lealisti da proteggere).
Scopre che nell'IRA sta infuriando una lotta intestina, che non tutti i cattolici sono così interessati al conflitto ma soprattutto che ci sono ufficiali dell'esercito britannico sotto copertura che sono implicati in attentati di cui incolpare l'IRA.
E tutto questo lo scopre quando durante un normale servizio di perquisizione rimane isolato dalla sua squadra e deve sopravvivere attraverso le infide strade di Belfast.
Il cinema ha affrontato più volte di petto la questione nord irlandese proponendo film accorati e scomodi politicamente ad opera di autori come Sheridan ed anche Loach.
Così come qualche anno fa uscì un piccolo film che ebbe molta risonanza intitolato Bloody Sunday, firmato da Paul Greengrass, che raccontava le vicende della "domenica di sangue" del gennaio 1972 in cui l'esercito inglese sparò sulla folla inerme uccidendo 13 persone.
Un film intitolato semplicemente '71, dall'anno in cui è ambientato, diretto da Yann Demange, regista attivo fino ad ora solo in televisione e scritto da Gregory Burke, anche lui di fatto esordiente al cinema, ha tutti i crismi della necessarietà.
Serve per ricordare, per non diluire nell'oblio della memoria tutto quello che è accaduto in quella terra in quei terribili anni, un conflitto millenario che ha insanguinato le strade irlandesi e nord irlandesi per tanto, troppo tempo.
E lo fa da una prospettiva inedita, quella di una giovane recluta dell'esercito inglese che parte per Belfast con un'idea in testa ed è costretto a cambiarla strada facendo.
Perché non è tutto bianco o nero come lo avevano indottrinato: in mezzo ci sono moltissime tonalità di grigio a rendere la situazione più esplosiva.
Stilisticamente '71 prende le mosse proprio da Bloody Sunday: molta macchina a mano, telecamera che coglie con i suoi movimenti la concitazione dei vari momenti narrati, fotografia sporca, granulosa che fa tanto documentario.
Poi quando Gary Hook si trova a combattere per la propria vita vagando per le strade ostili di Belfast, comincia un altro film, sia dal punto di vista formale che sostanziale.
La fotografia è più nitida, la telecamera molto più stabile, emergono le sfaccettature e i ruoli dei personaggi in scena.
Viene fuori il torbido , il marciume della situazione politica, la complessità di cui abbiamo accennato prima.
Gary Hook è stranito, non sa più da che parte sta, è come una preda che non sa più dove andare per sfuggire al predatore che la sta inseguendo.
Ma oltre a questo viene fuori anche la speranza, l'ancorarsi alle nuove leve, ai bambini che spesso dimostrano più senso civico degli adulti, oppure anche alla gente normale, quella che farebbe volentieri a meno di ogni conflitto, che si adopera per aiutare un altro essere umano, indipendentemente dal colore della divisa che indossa.
Il corpo e l'anima di Gary Hook, sempre più sfregiati emergono in un finale in cui tutto il marciume torna di nuovo in superficie, mettendosi in brutta mostra.
Hook suo malgrado diventa il soldato Ryan di Belfast, un simbolo da salvare per dare qualcosa in pasto all'opinione pubblica.
Almeno in apparenza , perché il buon Gary si accorge ben presto che vale politicamente più da morto che da vivo.
E se il giochino non riesce, lui e questa storia devono essere adeguatamente nascosti, come la polvere sotto il tappeto.
'71 è un film necessario , come già affermato prima, ma non il solito polpettone a tesi che chiede solo approvazione da parte di uno spettatore mediamente distratto e consenziente.
Occorre uno spettatore attento e che si indigni per un film che coniuga alla perfezione impegno civile e senso dello spettacolo.
Chapeau!

PERCHE' SI : la questione nord irlandese viene esaminata da una prospettiva diversa, regia intensa e volitiva, film che coniuga alla perfezione impegno civile e senso dello spettacolo
PERCHE' NO : la telecamera a mano nelle prime fasi del film può scoraggiare qualcuno, alcuni personaggi necessariamente sono compressi , per il resto non riesco a trovargli difetti.


LA SEQUENZA : parecchie da ricordare, l'uccisione a bruciapelo del soldato inglese, la sutura a vivo , l'inseguimento a piedi nei vicoli, l'attentato al pub

DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :
Il bene e il male spesso sono distribuiti da entrambe le parti della barricata
Cattolici o protestanti quando si trattava di menare le mani o spararsi se ne fregavano della religione.
Essere soldato inglese in quegli anni non era cosa  bella.
Abitare a Belfast in quegli anni era cosa ancora meno bella.

( VOTO : 8 / 10 )

 '71 (2014) on IMDb

12 commenti:

  1. vabbè ho capito che dovrò vederlo

    RispondiElimina
  2. ero certa ti sarebbe piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per avermelo fatto scoprire...

      Elimina
  3. Ne aveva già parlato bene Poison, a questo punto doppia conferma e urgenza di recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un film necessario da recuperare...

      Elimina
  4. Ottimo film, un film che parla dei Troubles come si deve. Ottimo commento cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! è un film che conquista sin da subito....

      Elimina
  5. Terzo blog, tra quelli della mia cerchia, a dare parere positivo. In lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che è il caso di fidarsi( degli altri...non di me)

      Elimina
  6. e' nella lunghissima lista di quelli da vedere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fagli scalare qualche posizione perché merita veramente...

      Elimina