I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

mercoledì 11 marzo 2015

Departures ( 2008 )

Daigo Kobayashi è un violoncellista professionista che perde il suo lavoro in tempi di crisi perché la sua orchestra viene sciolta. Con la moglie da Tokyo si trasferisce alla sua piccola città natale, in provincia, alla ricerca della seconda occasione. Che si presenta sotto forma di un lavoro un po' strano, quello di nokanshi, una specie di becchino nostrano ma molto più importante perché gli è affidato tutto il rituale di preparazione delle spoglie del defunto per il funerale.
E nonostante le rimostranze della moglie e la scarsa considerazione che accompagna questa sua nuova vita, Daigo vi trova la sua ragione d'essere.
Una volta visto ( sia al cinema che dopo su piccolo schermo) devo ammettere che avevo avuto la sensazione di aver visto un grande film. Poi ho avuto la cattiva idea di ripensarci un po' su.
Ci sono certi film che fatti sedimentare adeguatamente acquistano se possibile ancora maggiore profondità, altri per cui il tempo non è affatto galantuomo.
Departures, purtroppo appartiene alla seconda categoria, è una di quelle opere che gradualmente perdono consistenza mano mano che te ne allontani nel tempo, un po'come l'effluvio di un ottimo profumo destinato comunque a soccombere e a perdere la propria fragranza con il passare delle ore.
A distanza di qualche giorno mi sono  ritrovato a pensare ad aver visto un film più furbo che bello, accattivante e affabulatorio molto ben confezionato, capace di toccare le corde emotive giuste in momenti in cui il cinema vola alto, mentre d'altra parte l'uso reiterato di simbologie un po' troppo evidenti o di ellissi narrative se vogliamo ingenue (vedi la sequenza in cui la cassa nel forno crematorio viene affidata alle fiamme seguita dal levarsi in volo di alcuni cigni) insospettiscono alquanto.
E queste perplessità sono rimaste inalterate nel tempo.
 Ha però anche grossi meriti questa pellicola:riuscire a parlare con tono lieve e con una venatura grottesca tutt'altro che sgradevole del momento del trapasso non è roba da tutti.
Certo non è la prima volta perché a questo riguardo l'approccio è identico a quello della serie tv cult Six feet under a cui questo film rimanda senza mezzi termini.
Lo sguardo al Giappone di oggi poi non è affatto consolatorio:la crisi economica colpisce duro anche lì ed è per quello che Daigo, violoncellista di scarso talento (almeno così dice lui) si vende il violoncello da pagare a rate dopo che è stata sciolta l'orchestra.
E qui c'è un'altra cosa che non ho compreso:a quanto si vede anche in questo film il Giappone è una terra in cui si vive ancora di rituali e la preparazione della salma è di fondamentale importanza.Uno si aspetta che un professionista di questa pratica perlomeno sia rispettatissimo e invece fare un lavoro del genere pare sia un disonore manco si andasse a rubare le elemosine in chiesa.
Il rituale della preparazione è fatto sempre con la stessa flemmatica gestualità, con grande rispetto sia della salma che dei suoi parenti e amici che non devono vedere neanche un centimetro di pelle.
E Daigo aiutato da un grande maestro riuscirà a far accettare questa professione anche alla moglie.
Departures in un frangente riesce anche a provocare emozione, di quella vera ma probabilmente lo fa involontariamente.C'è fretta di chiudere definitivamente i conti col passato, anche con un padre che non si vede da trenta anni.
Quello che convince del film è soprattutto il personaggio del protagonista che sembra sempre capitato nel posto sbagliato al momento sbagliato.E diverte anche il suo curioso apprendistato a suon di nausea, vomito e frizioni vigorose, quasi selvagge con il sapone per levarsi l'odore di morte dalla pelle.
La sua inadeguatezza alla nuova professione è foriera anche di situazioni buffe (vedi la sua prestazione nel recitare da "salma" per un dvd pubblicitario per soli addetti), la sua situazione familiare complicata rende il tutto più frizzante. Accanto al rituale, alla figura del maestro così ancorata al passato (vedi le "leccornie" che cucina e per cui si autoincensa senza pudore) , accanto al passato che ritorna sotto forma di un violoncello che Daigo usava da bambino (e che è lo spunto per tutta una serie di sequenze bucoliche in cui il nostro suona nei posti più disparati allungando il film oltre il dovuto), accanto alla storia dei sassi (un po'troppo telefonata) c'è un Giappone moderno nascosto tra le pieghe di un film inquadrato molto all'occidentale.
In molte sue parti Departures è riconoscibile come film orientale solo dal fenotipo di coloro che vi recitano.
Altrimenti potrebbe benissimo essere un film di altra latitudine cinematografica.
Insomma un film giapponese formato esportazione, reso accattivante anche per i palati occidentali.
La morte è come un cancello, sicuramente siamo tutti uguali di fronte ad essa ma se siamo preparati e se conserviamo da morti quella che era la nostra apparenza in vita...beh allora attraversare questo cancello può essere addirittura più facile...
Successo clamoroso e Oscar come miglior film straniero nel 2009.

PERCHE' SI : ben delineato il personaggio del protagonista, buffo il suo apprendistato, qualche momento di emozione vera
PERCHE' NO :  cinema giapponese formato esportazione, qualche sforbiciata avrebbe giovato, snodi narrativi poco spiegabili ed ellissi ai limiti dell'ingenuità...

( VOTO : 6,5 / 10 ) 

Departures (2008) on IMDb

12 commenti:

  1. a me piacque parecchio. mi ci sono fatto anche qualche pianto. e ha un modo di raccontare la morte davvero notevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amando il cinema giapponese mi lasciò un po' perplesso: mi sembrò subito molto occidentalizzato...

      Elimina
  2. Per me un film splendido, ed uno di quelli che inserirei nella famosa lista delle lacrime. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo non mi provocò questo tipo di emozione anche se due o tre momenti toccanti c'erano...

      Elimina
  3. Ma nooo, questo è un film B E L L I S S I M O Bradipo..... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho aperto il tuo blog con la speranza di leggere un bell'OTTO pieno.

      Elimina
    2. eh eh stavolta ti ho deluso, niente 8 e neanche 7, lo trovai più furbetto che altro...

      Elimina
  4. a me era piaciuto tanto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e lo so che mi metto sempre dalla parte della minoranza...sempre no ma capita spesso...

      Elimina
  5. Guarda che caso... dovevo vederlo l'altro giorno ma, causa impegni, ho dovuto rimandare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora aspetto di leggere le tue impressioni...

      Elimina
  6. Sai che non hai tutti i torti? Il film è bello, ma forse un po' sopravvalutato (anche per merito della confezione, fotografia e musica di Hisaishi comprese)...
    Un paio di anni dopo è uscito un film austriaco, "Atmen", che sfiorava gli stessi argomenti ma in maniera meno romantica e "ruffiana", ma purtroppo non credo sia mai arrivato in Italia.

    RispondiElimina