I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 2 marzo 2015

Automata ( 2014 )

Nel 2044 a causa di modificazioni dell'attività solare la Terra sta andando verso una progressiva desertificazione. L'apocalisse ha già sterminato il 99,7 % della popolazione e i sopravvissuti, 21 milioni, vivono all'interno di grandi città. Sono coadiuvati dai robot, gli Automata, per svolgere tutte le mansioni ordinate dagli umani. Hanno solo due regole: non si possono autoriparare e non possono danneggiare gli umani.
L'investigatore assicurativo della Roc Robotics Corporation, Jacq Vaucan scopre un robot che si è autoriparato assieme ad altre anomalie.Possono essere una minaccia per l'umanità e per questo devono essere individuati e fermati.
Almeno così crede...
Evidentemente la Spagna ci ha preso gusto col cinema di genere: almeno ci investe dollaroni, non tantissimi rispetto alle roboanti produzioni hollywoodiane ma mi pare che 7 milioni di dollari siano un budget più che adeguato per una produzione europea, spagnola nel particolare( anche se tecnicamente è una coproduzione), girata in Bulgaria per abbattere i costi.
Automata non potendo competere sotto il profilo degli effetti speciali con gli sci fi di oltre Oceano, si situa in quel territorio di futuro distopico e fantascienza esistenzialista che difficilmente è percorso dal cinema mainstream americano, desideroso più di sensazioni epidermiche che di suggestioni che scavino un po' più nel profondo.
Dopo un inizio in cui chiaramente si intuisce quale sia  la stella polare delle leggi a cui devono sottostare gli androidi ( sono praticamente una rielaborazione delle tre leggi della robotica "promulgate" da Isaac Asimov) veniamo immersi in uno scenario urbano futurista che ricorda molto da vicino, forse anche troppo da vicino, le atmosfere nebulose di Blade Runner.
Un atmosfera malsana che subito si tinge di thriller ma soprattutto di noir con un protagonista ansioso di dimostrare la sua umanità in un mondo che ha ben poco di umano.
E' bello il personaggio di Jacq Vaucan, investigatore assicurativo in cerca di normalità, immerso in un mondo che sente non appartenergli e ansioso di conoscere quella figlia , la moglie sta per partorire, che gli permetterebbe finalmente di sentirsi umano a tutti gli effetti.
E la storiaccia su cui sta indagando mette a dura prova tutte le sue certezze nella distinzione tra robot e umani: chi sono i veri cattivi? chi sta veramente danneggiando la razza umana ? chi vuole sterminare androidi solo per malcelato odio razzista ( o meglio specista in questo caso) o dei robot evoluti che vogliono una vita migliore andandosi ad isolare in anfratti di mondo proibiti agli umani?
Il film di  Gabe Ibanez, figlio putativo di Alex de La Iglesia di cui ha curato gli effetti speciali nei primi film, alla sua opera seconda, dimostra maturità notevole nel maneggiare il mezzo espressivo peccando solo in un certo timore nell'affrancarsi da certe , visibili influenze.
Stilisticamente Automata ha molti padri che gli donano un aspetto un po' curioso in cui somiglia un po' a tutti e a nessuno, un patchwork visivo accattivante pur nella sua totale desaturazione cromatica.
La Terra su cui incrociano i propri destini Jacq , un manipolo di androidi "difettosi" e gli altri investigatori della Roc Robotics Corporation è un mondo dominato dal grigio degli scantinati opprimenti dell'inizio e dal colore sabbia del deserto radioattivo in cui è ambientata la seconda parte, uno sfondo da western futurista valorizzato nel migliore dei modi da una regia attenta e  precisa.
La Terra è un pianeta ferito quasi a morte in cui può sopravvivere solo una forma di "vita" capace di evolversi.
Nella seconda parte forse c'è un eccesso di zelo nell'esporre certe tematiche ( la distruzione del pianeta ad opera dell'uomo, l'integrazione possibile tra uomini e androidi, l'evoluzione delle forme di vita per sopravvivere alle catastrofi naturali, la progressiva umanizzazione dei robot che diventano consapevoli del loro destino) ma è un eccesso dettato dalla generosità.
Curioso vedere l'uno di fronte all'altra gli ex coniugi Banderas con Melanie Griffith che a furia di ritocchini e botox è espressiva come gli androidi di cui si parla.
Automata è un tentativo abbastanza riuscito di cinema di genere europeo da contrapporre allo strapotere hollywoodiano.
Se non ci si riesce con gli investimenti e gli effetti speciali bisogna sopperire con l'intelligenza.
E il film di Ibanez ne dimostra una dose più che sufficiente.


PERCHE' SI : intelaiatura visiva convincente, stimola la commistione tra sci fi, thriller e noir, Banderas in un personaggio ben scritto e adeguatamente caratterizzato.
PERCHE' NO : le influenze ci sono e sono tutte lì in bella vista, forse troppo, qualche taglio avrebbe giovato, forse un certo eccesso di zelo nell'esporre molte tematiche importanti.

( VOTO : 7 / 10 )

 Autómata (2014) on IMDb

16 commenti:

  1. mah, sai che mi hai messo curiosità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me la visione la vale tutta...

      Elimina
  2. ANche se non mi ispira proprio, volevo provare a vederlo anche io...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono appassionato di fantascienza quindi lo avevo messo nel mirino a prescindere...

      Elimina
  3. Ma la gallina Rosita della pubblicità di Banderas almeno un particella ce l'ha? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah meno male che non ce l'ha....

      Elimina
  4. Sì, è vero, forse nella seconda parte spiega un po' troppo. Ed è sicuramente derivativo. Però, a mio parere, è davvero uno dei migliori sci-fi dell'anno scorso. Ed è, a suo modo, un film molto coraggioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha alcuni difetti ma il coraggio occorre riconoscerglielo e comunque anche io ne dò una valutazione più che positiva...

      Elimina
  5. Io l'ho trovato molto, molto noioso. Il problema, per me, è che affronta tematiche davvero troppo usurate per presentarle in questa maniera, non offrono più alcuno spunto e diventano banali e/o prevedibili, e il film si porta dietro una zavorra per me pesantissima e a tratti insopportabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno l'onore del coraggio per fare qualcosa di diverso in Europa bisogna riconoscerglielo, poi è vero, ha i suoi difetti anche evidenti...

      Elimina
  6. Concordo: prodotto discreto e ben confezionato, anche se un pò troppo lungo e derivativo.
    Ne parlerò domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e corro immediatamente a leggerti...

      Elimina
  7. Da recuperare visto che se me parla mene praticamente ovunque

    RispondiElimina
  8. Come al solito, visto che si parla di un film anche solo vagamente interessante e meritevole dalle mie parti non è uscito neanche per sbaglio e purtroppo non sto riuscendo a recuperarlo in nessun modo.
    Toccherà aspettare l'anno prossimo per vederlo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuoi si recupera....e la visione è consigliata...

      Elimina