I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 22 maggio 2014

Oculus ( 2013 )

Tim e Kaylie sono un fratello e una sorella vittime di una tristissima vicenda familiare. Loro padre , divenuto pazzo, uccise la loro mamma prima di essere ucciso da Tim.
Ora Tim ha compiuto 21 anni ed è appena uscito dall'ospedale psichiatrico dove è stato rinchiuso una decina d'anni  fin dai tempi dell'omicidio da lui commesso.
Kaylie è convinta della sua innocenza : crede che tutto sia stato cagionato da uno specchio maledetto che il padre comprò appena prima che succedessero tutti i fatti e facendo alcune ricerche scopre che anche i precedenti proprietari dello specchio hanno fatto tutti una brutta fine.
Ora , grazie al suo lavoro in una casa d'aste è riuscita a ritrovarlo.
E ha poco tempo per dimostrare assieme a Tim quello che pensa sia accaduto...
Oculus è l'entrata nel mondo del cinema che conta, o meglio di quella parte in cui girano abbastanza soldini, da parte del giovane Mike Flanagan, un regista che già mi aveva fatto notare il suo talento nel genere in quella piccola perla di Absentia, del 2011( se interessasse a qualcuno ne abbiamo già parlato qui ), un horror ultra low budget, girato con 70 mila dollari, pare, che regalava corposi brividi lungo la schiena.
Con Oculus Flanagan accede a un budget più importante, 5 milioncini di dollari, ma sempre piuttosto esiguo di fronte alle produzioni hollywoodiane standard  e cerca di non lasciare nulla al caso.
In un certo senso sceglie anche di non rischiare dilatando ad oltre 100 minuti un suo corto del 2006 di 32 minuti ( che non ho visto) intitolato Oculus : Chapter 3 - The man with the plan.

E in fondo c'è anche da capirlo: ha per la prima volta un po' di soldini a disposizione e cerca di addentrarsi in un terreno che conosce già.
Questo fatto del budget a mio parere condiziona anche un po' il talento registico di Flanagan, sempre accecante in parecchie sequenze di Oculus ma che viene mostrato un po' troppo ad intermittenza.
E qui forse torniamo al peccato originale alla base di questo film: non è mai facile dilatare un corto di 32 minuti, portarlo a 104 minuti ( durata ragguardevole comunque per un horror) senza accusare scompensi di alcun tipo.
Purtroppo Oculus non ne è immune: per tutta la prima parte sembra andare avanti col freno a mano tirato e ha quelle pause che sanno di riempitivo, lungaggini che affliggono l'80 % degli horror contemporanei.
Per uno che non conosce il film poi la sinossi non è così attraente: traumi familiari, specchi maledetti, case infestate, un continuo alternarsi tra Poltergeist, The Conjuring e Paranormal Activity ( ancora lui, il bastardo), insomma l'armamentario del perfetto horror plastificato fai-da -te che impera nelle sale cinematografiche di tutto il mondo.
E qui è necessario non essere superficiali perché se è vero che Flanagan si immerge praticamente fino al collo in una materia narrativa piuttosto abusata, lo fa mettendo al servizio della storia tutto il suo talento registico.
Che è tanta roba.
La seconda parte in cui Oculus entra finalmente nel vivo è un continuo andirivieni temporale con sequenze ad alto tasso acrobatico che esplorano quel limbo tra il vedere e il credere di vedere che crea una suspense che si taglia col coltello.
Ed emerge anche la passione di Flanagan per le dimensioni parallele alternative alla realtà : in fondo si parlava di questo in Absentia.
Se si va a sostituire il tunnel di quel film allo specchio di Oculus , il discorso non cambia poi di tanto.
Da segnalare anche il ritorno della tematica dell'affetto fraterno: qui un fratello e una sorella , in Absentia due sorelle, che è il propulsore principale del film.
A differenza di tanti altri suoi esimi colleghi specializzati in horror e affini , Flanagan delinea questo rapporto con finezza e una delicatezza rari da reperire anche in produzioni che esulino dal genere de paura.
Oculus è un film in cui non tutto funziona per il verso giusto ma ha la caratteristica di crescere col passare dei minuti per non sgonfiarsi nel finale come succede a molti altri esponenti del genere.
E non è poco .

( VOTO : 7 / 10 ) 

  Oculus (2013) on IMDb

16 commenti:

  1. io l'ho trovato un filmetto parecchio modesto.
    tutto 'sto talento registico proprio non l'ho visto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me Flanagan è un ottimo regista...la suspense sa come maneggiarla...

      Elimina
  2. Per me è l'horror dell'anno, fino a questo momento.
    Il più interessante esteticamente e anche narrativamente.
    E davvero, non ho avvertito nessuna lungaggine nella prima parte. Però a me piacciono gli horror che partono molto lenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me la lungaggine non è un male estremo ma qui è accoppiata a un certo grado di ordinarietà, cioè nella prima parte assomiglia a triliardi di altri film...poi vengono fuori i guizzi e comunque a me il film è piaciuto...certo forse le aspettative erano più alte....

      Elimina
  3. Molto contento che ti sia piaciuto, nonostante io abbia trovato delle lungaggini più nella parte centrale che in quella iniziale, dove abbiamo una buonissima gestione della tensione e dei punti di vista nonché impietose stoccate verso un certo cinema horror che va tanto di moda oggi e che Flanagan non tenta di cavalcare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prima parte , diciamo la prima metà non mi ha convinto più di tanto, la seconda mi ha convinto moltissimo!!!

      Elimina
  4. Non mi è dispiaciuto, un horror d'atmosfera la cui tensione cresce man mano che si va avanti nella storia, Absentia non l'ho visto, ma mi hai messo la pulce nell'orecchio, lo recupero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Absentia è una figata assoluta...recuperalo immediatamente!!!!

      Elimina
  5. Finora avevo letto quasi solo recensioni negative: a questo punto mi viene il dubbio, e potrei anche recuperarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente le recensioni sono state molto varie , dall'incensamento alla stroncatura...io sono per il bicchiere mezzo pieno....

      Elimina
  6. Una bella prova recitativa di Karen Gillan e di Katee Sackhoff (eh si! Ho una vera passione per le attrici di serie televisive!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e fai bene ad avere questa passione...

      Elimina
  7. e va bene, e va bene. prometto di recuperarlo asap anch'io!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me ne vale la pena vista la tua passione per il genere...

      Elimina