I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

martedì 23 giugno 2015

The Stranger ( 2014 )

Martin, uomo dal passato carico di mistero, arriva in una remota cittadina canadese alla ricerca di un vecchio amore perduto , Ana. Bussa alla porta di Peter che vive con la madre Sonia e che sembra essere legato ad Ana. Ha poi un incontro con dei bulli del paese e viene quasi ucciso. Lo salva proprio Peter che denuncia la cosa allo sceriffo ma , visto che è suo figlio Caleb il responsabile di tutto, lui  cerca di insabbiare ( letteralmente ) tutto seppellendo ancora vivo Martin.
Peter se lo porta a casa moribondo e apprende che il misterioso straniero è lì oltre che per Ana, anche per debellare un misterioso morbo che si trasmette col sangue...
Eli Roth magari non sarà il miglior regista  e neanche l'uomo con la faccia più sveglia visto su questo mondo, però è uno che si dà da fare per far conoscere nuovi talenti .Almeno questo bisogna riconoscerglielo.
E gli si può perdonare anche di aver fatto in quattro e quattro otto un film in famiglia come The Stranger, fatto con lo sceneggiatore di fiducia Guillermo Amoedo, che ha scritto Aftershock e l'ormai famigerato The Green Inferno( film che da oltre due anni è sospeso in un limbo, tutti ne parlano e nessuno lo ha visto pur essendo pronto da tempo immemore),qui nel doppio ruolo di sceneggiatore e regista,  con la novella moglie Lorenza Izzo , scegliendo come protagonista un attore cileno di belle speranze Cristobal Tapia Montt che riesce a conferire il giusto grado di carisma al suo personaggio e nella parte di Caleb Ariel Levy , altro attore visto in Aftershock e che vedremo, speriamo, in The Green Inferno.
Insomma sembra proprio un filmino famigliare, fatto con due soldi, nei ritagli di tempo.
Eppure non gli è riuscito neanche tanto male.
Non posso dire tanto perché appena apro bocca spoilererei abbestia però The Stranger ha alcune discrete frecce al suo arco.
E' costruito un po' come The Guest, piccolo instant cult della fine del 2014 : un giovane misterioso arriva in una piccola comunità chiusa e ne determina grossi cambiamenti.
Però stavolta niente esperimenti in laboratorio, solo un tema millenario trattato al cinema un 'infinità di volte e qui declinato con sufficiente originalità pur non rinunciando a un evidente metaforone servito con i guanti da forno, quello della malattia trasmissibile attraverso il sangue infetto.
Sì, bravi, esattamente come It Follows.
Quello che si appura dopo qualche minuto è che Martin non è un uomo come gli altri, ha qualcosa in più, però questa sua caratteristica peculiare è per lui cagione di grande dolore oltre che di mal represse manie suicide.
E' un personaggio sfuggente il suo, impossibile da catalogare ed è impossibile anche identificarsi in lui .
Nella prima parte il film è costruito con sottigliezza, magari un po' a scapito del ritmo della narrazione che a dir la verità in qualche occasione stagna, ma Amoedo riesce a costruire un'atmosfera tesa e maligna, riesce a far percepire l'esistenza di una minaccia incombente sul paese , come una cappa che tutto ricopre e che rende impossibile qualsiasi tentativo di fuga.
Quando il gioco si fa più scoperto , nella seconda parte di film, allora tutto rientra in binari più classici , meno stimolanti ed originali .
Frettolosa la chiusura con qualche forzatura di troppo ( lasciamo Peter alle prese con una signora, il suo cane e una jeep e lo ritroviamo un attimo dopo senza signora, col cane agonizzante e bardato in  un pesantissimo scafandro da pompiere senza lo straccio di una spiegazione) ma con quella malinconia appiccicosa che stenta ad andare via anche dopo il termine dei titoli di coda.
The Stranger alla fine si rivela per quello che è: piacevole visione estiva senza pretese con quel minimo di intelligenza in più rispetto al minimo sindacale che non fa rimpiangere il tempo speso.
Aspettando The Green Inferno.


PERCHE' SI : la prima parte è ben costruita, il tema toccato è declinato con un certo grado di originalità, ha quel minimo di intelligenza in più rispetto al minimo sindacale richiesto ad un horror estivo.
PERCHE' NO : nella seconda parte ritorna in binari più frequentati e meno originali, finale frettoloso, il ritmo latita in qualche frangente.


LA SEQUENZA ; il salvataggio di Peter col sangue di Martin


DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE:

Adesso sta salendo anche a me la scimmia di The Green Inferno.
Le giornate di Eli Roth devono essere pienissime.
Temi abusati al cinema possono essere ancora visti da prospettive sufficientemente originali.
Il set in questo film doveva essere come una riunione tra vecchi amici: tutti o quasi avevano partecipato ad Aftershock e a The Green Inferno.


( VOTO : 6,5 / 10 )


 The Stranger (2014) on IMDb

14 commenti:

  1. Solo sulla base della locandina ho deciso che me lo vedrò ;-) Grazie per la dritta, mi salvo in memoria il tuo commento poi ripasso a leggere tutto ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la locandina è bella, il film complessivamente funziona...

      Elimina
  2. Sembra interessante, spero somigli più a The Guest che non a It follows. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. somiglia più a The Guest , It Follows l'ho preso a prestito per la metafora della malattia trasmissibile col sangue...

      Elimina
  3. Mah...nonostante il buon Eli non mi abbia mai ispirato troppa fiducia, se somiglia a The Guest un'occhiata la possiamo pure dare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh secondo me sono meglio i film che produce rispetto a quelli che dirige in prima persona...

      Elimina
  4. Bah...non è proprio il mio genere però potrei provare. ;-)

    RispondiElimina
  5. Io ieri sera ho veduto Der Samurai. Non te lo consiglio (INIZIO SPOILER) parla di un poliziotto teutonico, con la fobia dei fenicotteri rosa, che è attratto sessualmente da un feroce samurai che ama indossare abiti sofisticati e combatte rigorosamente con rossetto e lucidalabbra (FINE SPOILER). The Stranger ero molto tentato dal vederlo ma l'avevo accantonato perchè l'hanno stroncato quasi dappertutto. Siccome tu un po lo rivaluti stasera lo vedrò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato Der Samurai lo volevo vedere e avevo aspettative piuttosto alte...fammi sapere se questo ti è piaciuto...

      Elimina
  6. Devo fare una selezione tra tutti gli horror che proponi, sotto il 7 facciamo che passo ;)

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. ah ah ah sopra il 7 sono imperdibili...

      Elimina
  8. Se c'è Eli di mezzo non posso non recuperarlo e amarlo di conseguenza (il mio miniaMmoro non avrebbe la faccia sveglia? Macheccaz...!! XDXDXD). Mi metto suBBito all'opera!

    RispondiElimina