I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 8 giugno 2015

Una domenica al canile

A fine mese il bradipino Niccolò avrà l'onere e l'onore di fare la Prima Comunione.
La bradipa è tutta presa dai preparativi, dalla tunica, agli inviti e a tutti gli annessi e connessi di una festa importante.
Quando arriviamo a discutere delle bomboniere, dell'oggettino da dare a parenti e amici in ricordo di un giorno così importante , ci viene un'idea.
Perché, invece di regalare un oggetto caruccio ma forse anche banale da mettere nello scaffale delle cose belle ma inutili, non regaliamo loro un ricordo vero e proprio, un qualcosa di diverso e di utile?
Perché non devolvere la somma che avremmo speso per le bomboniere in qualcosa di veramente utile per aiutare qualcuno più sfortunato?
Lo sguardo corre subito alla piccola Bea, la nostra cucciola ( ha un anno e mezzo ma è ancora cucciola), che beatamente se la spassa dalla mattina alla sera, giocando, abbaiando, correndo a perdifiato e dormendo tra divani e letti matrimoniali ( tra mamma e papà) e prendiamo subito la decisione: perché non comprare materiali, cibo e antiparassitari per il Canile Rifugio " Achille Bonincontro" del Comune di Chieti?
Detto fatto: sabato pomeriggio siamo andati dal grossista da cui mi servo di solito per le spese dell'ambulatorio e abbiamo comprato mangimi per cuccioli e gattini oltre a una robusta dose di antiparassitari che d'estate sono molto importanti.
E ieri mattina siamo andati a consegnarli al canile.
Struttura grande, isolata che ospita al momento circa 220 cani ma che aumenteranno sicuramente con l'estate.
Appena arriviamo siamo accolti da un abbaiare festante di un gruppo di cani che sono fuori, interessati a fare nuovi incontri ma soprattutto a farsi accarezzare e a farsi fare due coccole.
Poi parliamo con Margara, una delle volontarie che ci spiega un po' come procede la vita del canile e soprattutto ci racconta le difficoltà che incontrano giorno dopo giorno nel mandare avanti una struttura così popolata e con sempre meno fondi a disposizione.
Dalle sue parole e dai ragazzi che vediamo lì adoperarsi a dare da mangiare ai cani, far fare loro una sgambata, fargli anche solo una carezzina, esonda passione e vera volontà di aiutare un gruppo di quattrozampe meno fortunati di quelli che tranquillamente vivono con noi.
Del resto se sono lì sotto il solleone ad accudire cani invece di starsene comodamente al mare...la loro deve essere passione fortissima e hanno tutta la nostra ammirazione.
L'altra cosa che ci ha colpito è che tutti i cani hanno un nome e sono un po' come vecchi amici con cui si sta ogni giorno.
La vita in un canile non è l'ideale però almeno qui un po' di spazio c'è e soprattutto c'è un gruppetto di persone che appassionatamente provvede a tutti i bisogni della comunità .
I nostri figli hanno guardato interessati e forse anche un po' storditi dall'incessante abbaiare di questi cagnoloni evidentemente non abituati alle nostre facce e desiderosi di farsi notare.
E hanno capito, o almeno ci illudiamo che l'abbiano fatto, che esiste al mondo chi è più sfortunato di noi ed è nostro dovere aiutare per quanto possibile.
Un ringraziamento a Margara e a tutto lo staff dell' Asada Onlus, un saluto a tutti i cagnoloni del Canile Rifugio di Chieti " Achille Bonincontro".
Per offerte l'IBAN del Canile Rifugio è questo : IT72M0200815503000102689057



12 commenti:

  1. Gran bella idea, Bradipo! Tu e la tua famiglia siete indubbiamente delle persone speciali :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! ...ma noi siamo perfettamente normali...

      Elimina
  2. Avete fatto una cosa splendida, siete davvero una famiglia modello.
    Tanti auguri al bradipino :-)

    RispondiElimina
  3. Ho due cani che arrivano entrambi dal canile, quindi non posso che complimentarmi con te per l’ottima scelta e il bellissimo gesto. Consiglio sempre a chiunque, chi vorrebbe un cane ma non solo, di farsi un giro nel canile più vicino a casa, giusto per farsi un idea della situazione. Ci sono negozi che chiedono fiori fiori di soldoni per cagnetti di moda, o dei “dilettanti allo sbaraglio” che organizzano cucciolate in casa (provocando mattanze degne di uno slasher movie), ci sono canili purtroppo pieni di cani che non aspettano altro di essere nostri amici, quindi bravissimo a auguri al giovane Bradipo ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Bara...tutto vero quello che dici...

      Elimina
  4. Brava la famiglia Bradipo! Il canile in questione ha davvero numeri impressionanti, quello da cui arriva il mio Ugo fortunatamente ha massimo una decina di ospiti. Quei volontari hanno tutta la mia ammirazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il canile di Chieti è grande ma non mi ha dato assolutamente l'idea di quei canili lager che fanno vedere a Striscia la Notizia, i volontari fanno veramente tutto il possibile per far stare bene i loro ospiti poco fortunati...

      Elimina
  5. Avete fatto benissimo a fare così.
    Tutta la mia stima.

    RispondiElimina
  6. Un'iniziativa davvero unica. Non siete persone normali se pensate ad un gesto del genere perché sono pochissime le persone che ci pensano e che lo fanno. Io a sentire questo tipo di cose mi commuovo immediatamente. xD
    Siete grandi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a noi non sembra di aver fatto una cosa straordinaria...grazie davvero comunque !!!

      Elimina