I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 8 novembre 2013

Cha cha cha ( 2013 )

Corso, investigatore privato dal passato ingombrante, ha l'incarico di seguire Tommaso, figlio di un'attrice con cui lui ha avuto dei trascorsi sentimentali negli anni precedenti. All'uscita di una discoteca Tommaso viene investito da un SUV mentre è al volante della sua Smart. Per Corso è omicidio, la polizia invece nicchia e derubrica tutto a incidente automobilistico, uno di quelli che succedono all'uscita delle discoteche. Intanto la polizia ha scoperto un cadavere di un ingegnere abbandonato dei dintorni dell'aeroporto.
Corso comincia a scoprire punti di contatto tra i due omicidi e viene " sconsigliato " più volte di proseguire le indagini, con le buone o con le cattive.
Perchè c'è del marcio sotto ...
Finalmente! Questo film è come una liberazione : posso affermare di aver visto un bel film italiano e non è della sacra trimurti Garrone / Sorrentino / Tornatore oppure una commedia.
E' addirittura un , udite udite, un noir piuttosto classico nell'assunto e decisamente americaneggiante nello svolgimento.
Marco Risi, dopo aver regalato forti film di impatto sociale come Mery per sempre , Il muro di gomma o il bello e sottovalutato Fortapasc ( cinema di impatto sociale come se ne faceva una volta ) ritorna alle atmosfere delle sue opere più fortunate immergendo il tutto in una Roma spettrale, notturna , cinica e bastarda, quasi un continuum di quella vista in uno dei suoi film più discussi, L'ultimo capodanno, senza tuttavia mutuarne gli eccessi grotteschi.
Anzi descrive una realtà sociale infida di illegalità diffusa, quella classica del sottobosco speculativo mafioso che arriva ad artigliare con la sua longa manus potenti e politicanti di ogni razza, di cui si ha percezione diffusa. E lo fa senza operare sconti a nessuno.
La figura di Corso ( omaggio all'indimenticato Corso Salani, protagonista de Il muro di gomma) , recitata da un Luca Argentero che migliora film dopo film è quella di un antieroe nella più classica accezione chandleriana.
Un passato ingombrante che allunga la sua lunga ombra sulle sue azioni e che viene spiegato, parzialmente, poco a poco durante il film, un presente nebuloso in cui non vuole adeguarsi a quello che tutti gli dicono di fare, un futuro ancora più incerto del presente.
E' il figlio naturale dell'ambiente che lo circonda, un coacervo di bugie , tradimenti e rancori mal sopiti che si mescolano con storiacce di droga, appalti ,ricatti e vile denaro.
E' la realtà sconvolta dalla mafia in colletto bianco che incontra il cinema di genere dandogli suggestioni forti , un ideale punto di incontro tra l'impegno sociale e la volontà di tentare strade poco battute nel cinema italiano contemporaneo.
La Roma di Cha cha cha è una metropoli asfissiante, un girone infernale  in cui ci si diverte ben poco , altro che dolce vita.
Anzi si muore, qui non si tratta dei soliti furbetti del quartierino.
Argentero mena e viene menato ( dopo aver fatto la fiction Tiberio Mitri in cui impersonava il pugile del titolo, continua a tirare di boxe come succedeva anche in Bianca come il latte, rossa come il sangue ) porta evidenti i segni delle collutazioni per "sporcare" il suo bel visino e addirittura  si esibisce in un full frontal alla Fassbender che farà felice le sue fans più assatanate.
Ma funziona egregiamente, al pari della Herzigova che non esita a mettere i segni del tempo che si stanno depositando sul suo bel visino a favore di camera e di un cast di supporto di buonissima caratura in cui emergono i personaggi di Pippo Delbono e Bebo Storti.
Finalmente un film italiano che possiamo esportare all'estero senza vergognarsene.
E già solo questo è un avvenimento.
Naturalmente è passato inosservato quando è uscito in sala, raggranellando incassi modestissimi.

( VOTO : 7 / 10 ) 

Cha cha cha (2013) on IMDb

13 commenti:

  1. Ho cominciato a leggere la recensione per farmi due risate, pregustando una stroncatura... non mi aspettavo simile apprezzamento!
    Toccherà recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ero partito per distruggerlo e invece mi ha stupito in positivo...niente di imperdibile ma non ci si pente di averlo visto...

      Elimina
  2. Sei il primo a parlarne bene XD
    Comunque ispirava anche a me. Se non altro è un tentativo di fare un film di genere in Italia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah forse sono il primo a parlarne che in rete ho visto poco materiale nella blogosfera...comunque un tentativo apprezzabile di fare qualcosa di diverso...

      Elimina
  3. oh...tocca recuperarlo davvero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me la visione la vale tutta...

      Elimina
  4. Per me filmetto senza infamia e senza lode, Risi ha fatto di meglio e tra i film che hai citato ti sei dimenticato di omettere Il branco, a parer mio il suo film migliore, nonchè uno dei film drammatici più belli, tricolori, che abbia mai visto, disturbante e scorretto, si ma che spinge veramente lo spettatore a riflettere.
    Cha cha cha si guarda e nulla più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente Risi ha fatto di meglio anche se io Il branco non l'ho proprio digerito, troppo sensazionalismo fine a se stesso. Comunque questo film è un tentativo di andare oltre i consueti schemi italioti...

      Elimina
    2. in che senso senzionalismo??? per me gia la scena della ragazza in ginocchio che supplica con la cinepresa che inquadra le facce degli aguzzini con quel silenzio raggelante è cinema cn la C maiuscola.
      In Cha cha cha si ce' l'impegno e infatti è passabile, ma la messa in scena è simile a quella di una fiction, e poi quanto è cane a recitare la herzigova :-(

      Elimina
    3. a me Il branco non piacque, troppo urlato, preferisco le cose meno spiattellate in faccia ...

      Elimina
    4. che è troppo urlato forse si, ma racconta una storia talmente estrema e pesante che come film non poteva andare per il sottile, e cmq cinematograficamete è di qualità superiore rispetto a cha cha cha

      Elimina
  5. Probabilmente c'hai ragione, ma non ja posso fa...

    RispondiElimina