I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 29 gennaio 2015

Whiplash ( 2014 )

Andrew studia batteria jazz nel più importante conservatorio di New York, Vuol diventare il più grande batterista del mondo e il suo talento viene notato fin dal primo anno di scuola da quello che è il più famoso insegnate della scuola, Terence Fletcher i cui modi militari e le tecniche di insegnamento, molto dure, scoraggiano parecchi studenti.
Ma Andrew è testardo e ha un obiettivo solo in testa: fino a che salta letteralmente alla gola di Flecher all'apice dell'ennesimo diverbio...
Proseguiamo nella carrellata dei film candidati all'Oscar di quest'anno: è il turno di quello che fino ad ora ha l'aria di essere il migliore e naturalmente non ve n'è traccia nei listini italiani.
Siccome Whiplash ha l'aspetto del perfetto outsider che può ambire a vincere statuette importanti ( è candidato a 5 Oscar : miglior film, miglior attore non protagonista, JK Simmons, ma su di lui faremo un discorsetto a parte, miglior montaggio, migliore sceneggiatura non originale, miglior suono) si sente aria di recupero dopo l'assegnazione degli Academy Awards a testimoniare ancora una volta che i nostri distributori non capiscono un'acca di bel cinema.
Cioè tappezzano le nostre sale di filmacci di danza come Step up e relativi epigoni di ogni genere e un bel film come questo non trova neanche uno spazietto?
Whiplash è un film musicale che in realtà di musica ne contiene meno del preventivato: è formalmente un ibrido, una pellicola che mescola il genere del coming of age ( per Andrew la batteria è il simbolo della sua crescita), con quel genere che parla di American Dream in tutte le sue forme , anche quelle più strane( Andrew vuol diventare assolutamente il migliore per realizzarsi anche al di fuori della scuola ).
Il tutto frullato assieme al genere sportivo ( il duro allenamento, una specialità del cinema americano da Rocky in avanti) e a un pizzico di cinema di guerra ( l'addestramento a cui viene sottoposto Andrew è militare e i modi di Fletcher ricordano tanto quelli del sergente Hartman in Full Metal Jacket o quelli del sergente Foley in Ufficiale e gentiluomo).
Whiplash è assai accattivante, confezionato con grande cura e diretto con grande ritmo, parrebbe quasi un ossimoro narrando la storia di un batterista, dal semi esordiente Damian Chazelle che ha ampliato quello che era precedentemente un cortometraggio.
Non amo il jazz, la mia è una formazione musicale del tutto diversa, amo tantissimo la batteria , in gioventù volevo anche suonarla ma non è mai stato possibile e prima di vedere questo film consideravo femminucce i batteristi che non hanno la doppia cassa,  ho anche una certa avversione per coloro che impugnano le bacchette come fa Andrew ( che fanno tanto orchestra di liscio) perché abituato a gente che spacca rullanti in nome del rock , però questo film mi ha preso.
E parecchio anche.
Merito di una storia incalzante e di un confronto epico tra i due protagonisti ( mi rifiuto di considerare JK Simmons un semplice comprimario): c'è tutto il sale della vita nei loro confronti aspri, talmente aspri da diventare selvaggi, c'è voglia di primeggiare, c'è tutto quel senso di individualismo e competizione che percorre trasversalmente la società americana per cui se arrivi secondo sei solamente il primo degli ultimi, c'è l'abnegazione al proprio strumento che è il segreto peggio celato del musicista che vuole arrivare al successo. c'è la tenacia di un alunno, incrollabile nelle sue certezze e l'apparente durezza di un insegnante che usa tutti i trucchi possibili e immaginabili per tirare fuori il meglio da chi ha il talento necessario per andare avanti.
Capitolo J.K.Simmons: quando ho letto che era candidato all'Oscar come miglior attore protagonista, come la maggior parte del globo terracqueo mi sono chiesto chi diavolo fosse e sono andato a cercare la sua fotografia.
Il nome mi era ignoto ma la faccia è notissima avendo un curriculum lungo così in ruoli da eterno
comprimario: beh finalmente è venuta la sua ora, spero che l'Oscar lo vinca sia perché è autore di una performance impressionante in questo film, sia perché la sua vittoria dovrebbe essere un simbolo di rivincita per tutti i caratteristi che pullulano nel sottobosco cinematografico, gente con due palle così, con talento da vendere , eppure senza quella faccia e quel nome che da soli fanno vendere biglietti.
Whiplash segue da vicino l'addestramento, perché di vero e proprio addestramento si tratta, riduttivo parlare di studio, di Andrew, ce ne fa percepire la fatica, il sudore e il dolore, le sue piaghe sulle mani arrivano ad essere le nostre perché ci sembra di essere lì con lui a sbuffare come una ciminiera per eseguire partiture musicali precise al centesimo di secondo senza l'ausilio di un metronomo.
Ed è questa la sua carta vincente: non i brani musicali, non commerciali (forse sarebbe stato troppo facile suonare pezzi conosciuti da tutti), non il genere musicale trattato, abbastanza di nicchia e neanche lo strumento suonato, non mi sembra di ricordare altri film incentrati sulle gesta di un batterista.
L'unica cosa che stona è quell'abbozzo di storiella sentimentale di Andrew, trattata un po' troppo sbrigativamente e di importanza quasi nulla nell'economia del racconto.
Anche se non amate il jazz fatevi sotto: Whiplash vi piacerà sicuramente.

PERCHE' SI : ritmo incalzante, ibrido di generi particolarmente riuscito, JK Simmons autore di una performance eccezionale, regia e montaggio ai limiti della perfezione
PERCHE' NO : qualcuno storcerà il naso di fronte alla presenza di brani poco conosciuti, la storiella sentimentale di Andrew è trattata un po' sbrigativamente.

( VOTO : 8 / 10 )

 Whiplash (2014) on IMDb

22 commenti:

  1. Bello bello bello e pare uscirá il 12 febbraio anche da noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi pareva strano che non uscisse...

      Elimina
  2. uffa, scacato al Tff perché il prcedente film del regista lo avevo detestato... adesso sono praticamente l'unico a non averlo ancora visto! e sono molto curioso...

    RispondiElimina
  3. machissenefrega se qualcuno storcerà il naso!!!! :)
    Bello, bello, bello, bello.
    E lo dissi già in tempi non sospetti (era il 1° dicembre...) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ma lo so che tu sei sempre avanti...

      Elimina
  4. Pare che escano un sacco di capolavori e che io non ne sapessi nulla. Questo lo devo proprio vedere, anche per l'omonimia con la canzone dei Metallica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visione obbligatoria...c'era anche un ottimo gruppo thrash che si chiamava Whiplash...

      Elimina
  5. Un film elettrizzante che nel finale diventa mozzafiato. Un montaggio perfetto e un J.K. Simmons da Oscar.
    Insomma è bellissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fino ad ora è il mio favorito per gli Oscar....

      Elimina
  6. Il poster nella sua camera che recita: se non sai suonare la batteria, entra in una rock band... mi ha fatto spanciare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incredibilmente non l'ho notato...

      Elimina
  7. Mi è piaciuto parecchio (esce il 12 febbraio in Italia!) assieme a Birdman. In realtà mi ha messo anche una gran ansia per il futuro, avere un'obiettivo nella vita è basilare, se non ce l'hai è come se fossi fuori, un po' come il ragionamento che il protagonista faceva alla ragazza. Comunque film estremamente malato ed estremista ma potentissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottima notizia quella dell'uscita italiana , sicuramente me lo rivedo...è vero è un film potente e che non cerca alcun tipo di compromesso...

      Elimina
  8. Sono molto curioso: peccato che non sia ancora riuscito a recuperarlo!

    RispondiElimina
  9. La storiella non è trattata in modo sbrigativo, lui deve sbarazzarsi della storiella perché la vede come un ostacolo al suo obbiettivo. :) Detto questo gran bel film! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai un po' si ....il film è veramente bello!!!

      Elimina
  10. Nonostante qualche difficoltà più per il tecnicismo della musica (pure il giovine, che è batterista, si è perso un po' nel ritmo), una visione esaltante!
    Il vero outsider sia per il progetto, che per la storia e per i nomi coinvolti. J.K. quella statuetta se la meriterebbe davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per uno che studia batteria può essere scoraggiante...spero veramente che la statuetta la vinca SImmons...

      Elimina