I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

sabato 31 gennaio 2015

When Animals Dream ( aka Når dyrene drømmer, 2014 )

Marie ha sedici anni e vive in un paesino di poche decine di anime in un 'isola sperduta della parte occidentale della Danimarca.
Verte tutto intorno alla fabbrica locale di lavorazione del pesce dove Marie ha cominciato a lavorare da poco divenendo presto il bersaglio degli scherzi, non sempre di buon gusto, da parte dei colleghi.
A casa la situazione non è delle più rosee: il padre Thor gestisce un negozio di alimentari e assieme a lei si dedica alla madre di Marie , bloccata in stato vegetativo su una sedia a rotelle, vittima di una misteriosa malattia.
Marie ha degli strani segni sul corpo e non può fare a meno di  notare gli strani conciliaboli tra il medico del paese, che viene a casa a fare le terapie alla madre, e il padre.
Le stanno nascondendo qualcosa e presto Marie lo scoprirà sulla sua pelle...
E' difficile mettere un film come questo, ad opera dell'esordiente danese Jonas Alexander Arnby, nel calderone horror, dei film sui licantropi, perché a scanso di equivoci diciamo subito che si parla di licantropi, ma è innegabile che un film dall'approccio autoriale come questo, rarefatto come l'atmosfera che lo permea, ha una modalità di avvicinamento al genere che si può definire in un certo senso contigua a quello che Lasciami entrare a suo tempo ebbe con i film sui vampiri.
Ora, occorre prendere con le pinze l'affermazione appena fatta perché è vero che i due film sono entrambi nordici, hanno un passo decisamente lungo e trattano due categorie totemiche dell'horror da una prospettiva diversa e originale.
Ma è anche vero che i due film sono completamente differenti stilisticamente e si situano anche in epoche diverse del percorso di crescita dei rispettivi protagonisti.
Probabilmente l'horror non è neanche il genere a cui guarda Amby, perché in realtà When Animals Dream ( titolo che occhieggia a Philip K Dick) è da considerare più che altro un romanzo di formazione.
O meglio di deformazione , la giovane Marie sta andando incontro a modificazioni del suo corpo indipendenti dalla sua volontà e scopre che , suo malgrado, c'è qualcosa di misterioso che la lega alla malattia della madre.
Il genere del coming of age che è molto frequentato dal cinema americano, indie e non, qui è trattato in maniera abbastanza peculiare, immergendolo in una natura brulla, in un clima gelido , gestito più con i silenzi che con le parole.
Soprattutto diventa un dramma personale che ha delle inattese vette di violenza che stridono con il silenzio che opprime il paesino dimenticato da Dio e dagli uomini che giace, letteralmente giace attorno ai personaggi del film , simbolo immobile di un altroquando in cui lo spazio e il tempo sembrano totalmente distorti rispetto al resto dell'universo tangibile.
Marie, l'esordiente Sonia Suhl, veramente brava, è fragile come un giunco però come quello si piega ma non si spezza, il furore che entro la rugge esonda improvviso e proprio come Lasciami entrare , il rosso delle macchie di sangue sembra quasi un'entità aliena che "sporca" un ambiente asettico, quasi ibernato in una fissità da cui sembra che non ci sia via d'uscita.
Marie se vuole sopravvivere , questa via d'uscita la deve trovare.
Il suo corpo che sta cambiando, la sua anima che anela all'amore vogliono questo.
Marie è diversa come era diversa la madre al cui altare il padre ha sacrificato tutta la sua vita, per amore.
E la sua dolorosa diversità ci viene annunciata attraverso inquietanti squarci onirici che come lame di bisturi affondano nella carne molle dell'oscurantismo di cui sono vittime gli abitanti del paesino.
Naturalmente la comunità non è in grado di accettare la sua diversità che si perde tra le pieghe della leggenda.
E proprio questo rigetto di cui lei è vittima ( le sta vicino solo quello che diventerà il suo fidanzato suggerendo  per lui un ruolo simile a quello avuto dal padre nei confronti della madre di Marie) ne fa empatizzare la sofferenza.
Perché il vero mostro non è lei , vittima di una caccia selvaggia.
Il vero mostro è chi non accetta la diversità.
Messaggio da leggere non solo in chiave cinematografica.

PERCHE' SI : ambientazione da urlo nel gelo e con un mare incredibile, ottima protagonista,originale approccio al genere.
PERCHE' NO : nonostante duri poco più di 80 minuti il passo è lungo, compassato, astenersi chi cerca solo sangue e gore ( arrivano ma tardi).

( VOTO : 7,5 / 10 )

 When Animals Dream (2014) on IMDb

12 commenti:

  1. L'avevo adocchiato pure io tempo fa. Ora mi hai incuriosito, soprattutto per l'accostamento con "Lasciami entrare"... Metto in modalità di recupero immediato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'accostamente viene abbastanza automatico, poi mi saprai dire...

      Elimina
  2. un votaccio di IMDB, che non è altro che la media delle recensioni presenti, ho visto che in Spagna l'hanno più che stroncato.
    lo cerco, credo che questo film non arriverà in sala.
    e poi c'è Lars Mikkelsen (http://markx7.blogspot.it/2014/11/what-richard-did-lenny-abrahamson.html)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo proprio di no, i voti di imdb sull'horror non fanno testo...

      Elimina
  3. Avevo dato un'occhiata al trailer e da un lato mi era sembrato potenzialmente affascinante, mentre dall'altra sembrava anche una potenziale palla. E dal tuo post direi che entrambe le possibilità sono sempre in gioco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha la potenzialità per piacerti, il discorso sul coming of age...ma è anche horror...

      Elimina
  4. A me pure ispirava. Non so perché, ma qualcosina mi ricordava Lasciami entrare.
    Recupero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ho detto prima l'accostamento con Lasciami entrare viene abbastanza automatico...

      Elimina
  5. Idem come sopra, se ci sta un accostamento al film di Alfredsson, è da vedere. Inoltre i Licantropi sono figure molto interessanti della mitologia e del simbolismo, se a qualcuno interssa, consiglio questo libro da poco letto http://www.yastaradio.com/index.php/contenuti/recensioni/libri/717-la-sposa-del-lupo-aino-kallas.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, quello c'è....salta agli occhi...grazie per l'informazione sul libro..

      Elimina
  6. Io con le ambientazioni glaciali ci vado a nozze, segno! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io, mi piacciono da morire....

      Elimina