I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 3 luglio 2015

Ruth & Alex - L'amore cerca casa ( 2014 )

Ruth e Alex sono una coppia sposata da oltre 40 anni e che ha vissuto sempre nello stesso appartamento a Brooklyn , prima una zona periferica ora invece quartiere molto ambito per abitarci. Siccome l'età avanza, ci sono diversi piani di scale e non c'è l'ascensore cercano di vendere casa , che ora ha un discreto valore, per trasferirsi in un appartamento più comodo.
Demandano tutto alla nipote, agente immobiliare che raccoglie offerte per la loro casa che però non soddisfano molto Alex. In contemporanea i due sono angosciati per la sorte della loro piccola cagnolina Dorothy, operata alla schiena per un 'ernia del disco e non in grado di muovere le zampe posteriori.
Cercano un altro appartamento ma quando ne trovano uno che piace a Ruth, l'indole sgradevole e criptorazzista degli attuali proprietari fa ripensare loro all'acquisto ma anche alla vendita del loro bellissimo appartamento a Brooklyn.
Titolo originale "5 Flights Up" come il romanzo di Jill Clement da cui è tratto.
Stavolta parte del casino l'hanno combinato gli inglesi che lo hanno fatto uscire con il titolo "Ruth & Alex" ma al malvagio titolista italiano ciò non è bastato.
Ha dovuto mettere la postilla...L'amore cerca casa.
Che non c'entra un benemerito ciufolo col film visto che i due l'amore ce l'hanno e la casa pure da oltre quaranta anni e si vogliono trasferire solo per questioni di comodità o forse per malcelato snobismo verso le nuove generazioni.
Il film di Loncraine parte curiosamente da un presupposto assai simile a quello di un altro film uscito nel 2014 quel Love is Strange - I toni dell'amore che muoveva i primi passi dalla vendita di un appartamento in zona centrale perché uno dei due protagonisti aveva perso il lavoro.
Ma stempera il discorso sociale che c'era alla base di quello in cui protagonista era una coppia gay, o meglio lo sposta in territori di nostalgia e di razzismo, non dimentichiamo che le coppie miste quaranta anni fa o giù di lì erano piuttosto malviste anche in una metropoli aperta a tutto come New York e spesso si ha l'impressione che l'America, la democrazia più avanzata al mondo ( almeno secondo loro), sia ancora un Paese profondamente razzista.
Ruth & Alex - L'amore cerca casa spesso regala l'impressione di essere una perfetta simulazione di commedia alleniana ma senza le punte di vetriolo che ci sono nei suoi dialoghi ( dei film migliori), senza le incertezze che hanno sempre caratterizzato molti personaggi del piccolo ebreo newyorkese, senza quello sprint che può garantire un posto al sole in un panorama cinematografico inflazionato come quello contemporaneo.
Il film di Loncraine è gradevolmente anacronistico , si lascia seguire con moderato interesse , si fa notare principalmente per la presenza di due inimitabili marpioni del grande schermo come Freeman e la Keaton che lavorano sui loro personaggi per sottrazione.
Per il resto è un piatto già servito altre volte: l'effetto cartolina garantito da quei due/ tre esterni che garantiscono scorci molto belli di una città che forse è la più cinegenica al mondo, quel pizzico di malinconia autunnale dovuto più che altro all'età dei protagonisti che si stanno avviando verso una vecchiaia felice e si permettono di giudicare dall'alto quello che li circonda.
Accanto a loro la parabola vitale della piccola Dorothy, il cui orologio biologico cammina molto più velocemente rispetto a quello di Ruth e Alex e il contrasto, insanabile, tra la loro flemma, il loro disincanto, anche un po' molle se vogliamo  e l'irrefrenabile iperattività del loro agente immobiliare che a loro confronto sembra veramente tarantolata.
Formalmente ineccepibile, con una fotografia calda e avvolgente che incornicia il tutto nel migliore dei modi, Ruth & Alex -L'amore cerca casa è un film che non difetta di intelligenza ma di personalità.
E non è stato un buon segno che mi sia appassionato soprattutto alle sorti della piccola Dorothy.


PERCHE' SI : formalmente ineccepibile, bella fotografia, una bella coppia di protagonisti.
PERCHE' NO : manca di personalità, troppa flemma, simulazione di cinema alleniano peggio dell'originale, voce off e flashback utilizzati un po' troppo.


LA SEQUENZA : il veterinario presenta il conto per l'operazione alla piccola Dorothy. Non sono riuscito a immaginare la mia faccia a sentire al cifra che ha sparato( diecimila dollari).


DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :

Allen continua a mietere proseliti.
In questo tipo di film la Keaton sembra andare col pilota automatico, mentre Freeman sembra un leone in gabbia.
Il mondo della veterinaria negli USA è totalmente alieno per quanto riguarda attrezzature e tariffe.
Ma quanto cavolo costa una casa a New York?


( VOTO : 5,5  / 10 ) 


5 Flights Up (2014) on IMDb

12 commenti:

  1. Trovo assurdo che il film venga pubblicizzato spingendo tantissimo sulla presenza della (ex) rossa di "Sex and the City", bah, forse giusto per i due (veri) protagonisti lo guarderò, ma mi sa tanto che non è proprio nelle mie corde ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. presenza marginale...a meno che non vogliano rimembrare Sex and the city e imbrigliare qualche allocco...

      Elimina
  2. Nonostante il tema "vecchietti" mi piaccia sempre, questo mi ispira molto meno degli altri. Magari un'occhiata gli si dà...

    RispondiElimina
  3. Non mi ispira affatto, senza contare che l'associazione ad un Allen mal riuscito fa scemare anche quel poco di curiosità che suscita.
    Per il momento passo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai bene è visione ampiamente evitabile...

      Elimina
  4. Ti comprendo giusto per Dorothy... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh lì è scattato l'interesse personale...

      Elimina
  5. Dopo aver assistito a quella boiata clamorosa di "Mai così vicini" ho deciso di chiudere con questo genere di film perchè li trovo tutti uguali e inoltre molto noiosi. Mi era pure arrivato l'invito all'anteprima stampa e l'ho accuratamente declinato. Così come per Teneramente folle e un altro film di cui non ricordo il titolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un po' diverso ma è un film moscetto che non si fa ricordare...io se potessi le anteprime stampa me le farei tutte ma abito in provincia...

      Elimina
  6. Due attori anche pluripremiati, per dire, eppure non so continuerei a starne alla larga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosa non si fa per la pagnotta...

      Elimina