I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 16 luglio 2015

Babadook ( 2014 )

Oggi voglio a celebrare a modo mio l'uscita in sala cinematografica avvenuta sul suolo italico in data 15 luglio 2015 di quello che è stato il mio horror del 2014, The Babadook di Jennifer Kent , una scoperta di fine 2014 proveniente dalla terra dei canguri e che arrivò praticamente come un fulmine a ciel sereno nonostante se ne parlasse , anzi se ne favoleggiasse da molto tempo in giro per la rete.
Eppure, nonostante le aspettative altissime il film d'esordio di Jennifer Kent seppe andare addirittura oltre , diventando , per quanto mi riguarda , l'horror dell'anno anche se mi rendo conto che affibbiare a questa pellicola l'etichetta di genere è assolutamente riduttivo.
The Babadook ieri è uscito in sala anche qui da noi: ha perso l'articolo ma almeno il malvagio titolista italiano non ha messo frasette stupide dopo il titolo.
Andate in massa al cinema a godervelo, come farò io.
Se lo merita assolutamente.
Qui di seguito quello che scrissi a suo tempo.
E' la prima volta che ripropongo una mia opinione di un film qui sul blog.
Ma l'occasione direi che è troppo ghiotta per non essere sfruttata.
Dook! Dook! Dook!


Amelia è la madre vedova del piccolo Samuel. Ha perso il marito in un incidente stradale proprio mentre stava andando in ospedale per dare alla luce il piccolo .
Amelia deve fare i conti con la sua condizione di parziale emarginata anche in famiglia ( vittima della micidiale accoppiata vedova + lavoro umile ), inoltre Samuel ha seri problemi di relazione e manifesta a volte anche delle crisi epilettiche.
Un giorno mentre sono assieme a letto leggendo, incappano in un libro che Samuel trova spaventoso, che narra di un baubau, il Babadook.

Da quel momento in poi la loro vita non  sarà più la stessa perché strane presenze infestano la casa e il limite tra sanità mentale e pazzia si fa sempre più labile.
Il Babadook è ovunque.....
The Babadook è il film di esordio di Jennifer Kent, un passato non troppo brillante da attrice nelle lande australiane da cui proviene.
Il tutto a partire da un suo corto di circa 10 minuti , Monster, uscito quasi dieci anni fa nel 2005 e notato finalmente da qualche produttore..
Un percorso che hanno fatto tanti altri film ma stavolta è diverso: se infatti la cosa che si teme di più è la perdita della genialità dello spunto iniziale , fondamentale per ogni cortometraggio che si rispetti, nel marasma di una durata più ampia, vedendo Monster si ha l'impressione tangibile di un lavoro di limatura certosino, estenuante  che ha portato a un film che è solo ispirato alla lontana al corto da cui è tratto.
Nonostante duri 9 volte di più c'è un lavoro di asciugatura degli stereotipi usati nel corto ( quel fantasma coi capelli corvini davanti agli occhi che fa tanto J-horror ) per arrivare a un risultato molto diverso, un qualcosa che è riduttivo definire horror.
The Babadook non è la solita storia del babau, dell'Uomo Nero , dello spauracchio che sta chiuso nell'armadio o dietro la porta della cantina chiusa a doppia mandata, è qualcosa di più intenso, perturbante, un qualcosa che ti entra sottopelle e diventa più disturbante ogni minuto che passa.
Jennifer Kent, a proposito, una regista donna e noi che continuiamo a dire che  l'horror non è un genere per donne, non utlizza i soliti trucchi da Luna Park per spaventare, non smanetta sul volume della musica ma costruisce un orrore molto più complesso e stratificato e , pur senza usare le tecniche di cui sopra, ci regala un film che mette fottutamente paura, ma paura vera.
Un disagio che aumenta col passare dei minuti e che arriva ad essere disturbante nel profondo anche solo prendendosi tutto il tempo necessario per inquadrare il mondo in cui vivono Amelia e Samuel.

Sono due emarginati: lei vedova costretta a fare un lavoro umile, lui, un bimbo con seri problemi relazionali perché perso nel suo mondo di illusionismi e trucchi da mago fai-da-te.
Il loro è un mondo grigio, senza colori (  e tutto questo viene sottolineato da una stupenda fotografia dai toni plumbei ad opera del polacco Radek Ladczuk) che non viene rischiarato dalla gentilezza di un collega di lei e nemmeno dalla vicina di casa, un'anziana signora che a volte si prende cura di Samuel quando Amelia non c'è.
In questo contesto tuttaltro che felice, in un rapporto ricco di contraddizioni tra madre e figlio ( anche se non lo ammetterebbe mai, Amelia inconsapevolmente vede il figlio come la ragione per cui ha perso l'amatissimo marito) ha presa facile la suggestione operata da un libro di fiabe illustrato con protagonista questa creatura oscura e minacciosa, in tuba, mantello e unghioni alla Freddie Krueger.
E' reale?
O è solo una proiezione della mente di Amelia e Samuel?
L'eco delle loro paure più inconfessabili?
Come detto prima The Babadook pur lavorando sugli stereotipi alla base del genere horror e pur citando a piene mani i maestri ( vedere su uno schermo I tre volti della paura di Mario Bava fa veramente un gran piacere) ne rielabora costantemente la lezione dando luogo a un maelstrom di suggestioni e fobie che ha un aspetto nuovo, originale.
Facile rintracciare tra i meandri di questa casa spettrale gli echi di Suspense di Clayton, forse il miglior adattamento cinematografico del Giro di vite di Henry James, forse è facile anche intuire la psicopatologia che affligge la protagonista come in Repulsion di Polanski, o anche rintracciare il Kubrick di Shining soprattutto per il lavoro sopraffino sulla voce che fa Essie Davis ( attrice favolosa che fino a ieri mi era colpevolmente sfuggita) capace di passare dal sussurro all'urlo disumano senza soluzione di continuità , mettendo i brividi addosso.
Così come è rimarchevole il lavoro del piccolo Noah Wiseman nella parte di Samuel, occhi grandissimi in un viso che sa essere angelico e inquietante allo stesso tempo, a seconda dell'angolazione da cui è inquadrato.
The Babadook non è un horror o solo un thriller psicologico ( altro genere  a cui è molto vicino) ma è uno struggente apologo su una mancata elaborazione di un lutto e sul rapporto contrastato con un figlio a cui si è fatto sempre festeggiare il compleanno in una data diversa da quella vera.

Per non ricordare.
Parte integrante di questa costruzione ai limiti della perfezione è anche un'intelaiatura visiva di grande raffinatezza, fatta di scenografie che inquietano non poco nel loro aspetto ordinario e di un uso dell'illuminazione che ha del pittorico pur parlando di una pellicola che appare desaturata di ogni forma di colore.
Jennifer Kent che ha una consapevolezza rara nell'utilizzo del mezzo espressivo, ancora più sorprendente se si pensa che questo è il suo esordio nel lungometraggio ,crea un personaggio di quelli che si fanno fatica a dimenticare, non la solita figurina monodimensionale che spesso affligge il cinema di genere.
E rielabora con grande sensibilità un'iconografia di genere ben rintracciabile ma che magicamente assume una valenza diversa, un'impronta quasi nuova.
I detrattori vi diranno che in The Babadook non succede nulla ma non credete loro.
L'adrenalina scorrerà a fiumi, il sangue no.
E quel finale , mutuato dal corto, è un ulteriore colpo di genio.
Chapeau ! Jennifer Kent.
Hai fatto l'horror dell'anno.
Ma forse anche il film dell'anno.
E la bomba stavolta viene dall'Australia.

PERCHE' SI :  film disturbante che rielabora gli stereotipi dell'horror per trarne qualcosa di nettamente diverso, ottima confezione, fotografia straordinaria, eccellenti Essie Davis e Noah Wiseman.
PERCHE' NO : l'unica pecca è forse nella velocità con cui vengono tratteggiati alcuni personaggi secondari, i detrattori vi diranno che non succede nulla in questo film ma non credetegli....

( VOTO : 8,5 / 10 ) 

The Babadook (2014) on IMDb

27 commenti:

  1. Finalmente è uscito, ottimo commento per un film che va consigliato, perchè può piacere (e far scagazzare sotto) anche quelli che di solito non guardano Horror...Dook! Dook! Dook! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho voluto celebrare perché è veramente un grande film...

      Elimina
  2. mah, già sai. esco fuori dal coro: una pellicola dagli ottimi spunti che si perdono completamente nella parte finale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ne avevamo già parlato...ma ci può stare...non è detto che debba piacere a tutti...

      Elimina
  3. Evviva è uscito,e per fortuna con il suo titolo originale praticamente intatto.Film

    RispondiElimina
  4. Dicevo....film bellissimo e disturbante come pochi altri. Mi auguro lo vedano in tanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io spero che faccia successo...

      Elimina
  5. Ovviamente lunedì tornerò in sala a vederlo.
    Tremando all'idea dell'adattamento, ché già quell'un due tre sei già morto mi fa venire da vomitare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io tremo all'idea del doppiaggio...speriamo bene...

      Elimina
  6. Piaciuto parecchio, finalmente un horror (ma non solo) originale; a tratti terrificante. Secondo me da vedere in lingua originale per gustare a pieno la bravura di Essie Davis, come hai scritto tu: "capace di passare dal sussurro all'urlo disumano senza soluzione di continuità, mettendo i brividi addosso".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche secondo me è riduttivo parlare di horror...

      Elimina
  7. Che curiosità mi state mettendo addosso. E pensare che sono un fifone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vallo a vedere , merita assolutamente...

      Elimina
  8. Vado a tenere compagnia a Dantès, così non si sente solo, perchè, come forse ricorderai, il film non mi aveva affatto entusiasmato...

    RispondiElimina
  9. Un film ricco di spunti, con due interpreti pazzeschi.
    Eppure, anche per me, resta solo buono. O quasi.
    Certo, poi, avercene di horror così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me è un filmone ma come ho già detto naturalmente ci stanno le critiche...

      Elimina
  10. Ne ho sentito parlare così tanto che ormai devo vederlo per forza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora lo devi vedere per forza...

      Elimina
  11. E vedo che si continua a dire un gran bene su questo film...

    RispondiElimina
  12. Che furbone ^^' ma comunque fai bene, ogni tipo di pubblicità in più data a questo film è pubblicità buona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho voluto nel mio piccolo fargli un po' di ulterirore pubblicità, comunque vedo in rete che se ne parla tantissimo..

      Elimina
  13. A me non ha entusiasmato affato ma devo dire che lei è stata davvero brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. può succedere che non entusiasmi il genere e il film...lei è smisuratamente brava...

      Elimina
  14. Anche io esco fuori dal coro, soprattutto per quella parte finale che vuole ricalcare le classiche ghost story. Forse per accontentare tutti? So solo che così l'anima di un buon film si è persa (dal mio punto di vista) passando dal dramma horror/psicologico all'horror di fantasmi (o chi per loro). Peccato.

    RispondiElimina
  15. forse un po' lento all'inizio e un po'veloce alla fine, ma è cinema buono, di sicuro

    RispondiElimina