I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 6 luglio 2015

Burying The Ex ( 2014 )

Max sbarca il lunario vendendo cose assurde in un negozio a tema horror ed è fidanzato con Evelyn , ambientalista, vegana e insopportabile per le sue smanie dittatoriali.
Lui però sopporta da vigliacco fino a che su consiglio del fratellastro Travis decide di troncare la storia.
Dà appuntamento ad Evelyn in un parco e mentre lei sta arrivando un autobus risolve a Max tutti i problemi investendo l'arpia che gli muore tra le braccia non prima però di essersi promessi amore eterno.
E lei lo prende in parola: resuscita e da zombie comincia a complicare la sua vita che stava ricominciando a fiorire grazie alla presenza della bella Olivia.
E l'Evelyn zombie è molto più cattiva di quella di prima.
In un mondo perfetto grandi "vecchi" come il qui redivivo Joe Dante, Landis, Coppola e altri farebbero un film l'anno con budget multimilionari e tipi come maicolbei e compagnia cantante starebbero negli studios solo a consegnare le pizze e le bibite ai grandi che fanno cinema.
Ma si sa il mondo è ben lungi dall'essere perfetto e ci troviamo con un talento incredibile come quello di Joe Dante che riesce a fare cinema ogni cinque anni, ben che vada e con budget ridicoli, mentre è costretto a vegetare in televisione dirigendo episodi di svariate serie televisive .
Burying The Ex si inserisce tranquillamente nel suo percorso artistico fatto di cinema trasversale per non dire sbilenco, un modo di raccontare storie che tocca vari generi e tonalità e che si dimostra sempre feroce ed ironico allo stesso tempo.
Il film racconta la storia di un triangolo amoroso in cui , piccola complicazione, uno dei vertici è uno zombie e non di una tipa tranquilla ma di una stracciamarroni da competizione olimpica, capace di vedere il proprio convivente come un semplice lacchè o al massimo uno strumento per fare del sesso appagante. Per lei.
Max invece è il classico nerd cinefilo, uno che ha i poster ( italiani) di tanto cinema horror anni '50 e '60, tranquillo e bonario per non dire vigliacco.
E poi c'è Olivia, proprietaria di una gelateria a tema horror che è come lui, nerd cinefila e fan del cinema dell'orrore che non esita a uscire con lui per rivedere per la cinquantesima volta La notte dei morti viventi di Romero direttamente al cimitero in una proiezione organizzata da fans.
Cosa che Evelyn, sempre sprezzante verso Max, non avrebbe mai potuto fare.
Burying The Ex è una commedia sentimentale insaporita con l'elemento zombesco che unisce alcune sequenze splatter alle risate garantite dalla goffaggine di Max e dalle scene con il suo fratellastro Travis, uno che sembra preso da una commedia di Kevin Smith.
Su un canovaccio già visto Dante tesse la sua tela fatta di citazioni ironiche, accelerazioni pulp e nostalgia , ma veramente pacchi di nostalgia per una stagione di cinema che fu e che ora non è più.
Il cast è perfetto : si va da un Anton Yelchin perfetto nella parte di Max, sembra il classico tipo che trovi in fila alla posta o in farmacia, ad Ashley Greene che rende benissimo l'antipatia e la petulanza del suo personaggio, fino ad arrivare ad Alexandra Daddario, sexy goddess, qui nei panni di una ragazza della porta accanto.
Sono 90 minuti scarsi che scorrono in fretta, senza sorprese in un senso o nell'altro.
Anzi dopo la fine del film si rimane con un bel sorriso stampato sul volto perché ogni tanto finali così ci vogliono e soprattutto perché speri ardentemente che Joe Dante torni a lavorare presto al suo cinema e non sia confinato solo in serie televisive.
Magari quando passa è il regalino che chiederemo a Babbo Natale.
Intanto leggete la recensione di Lucia.


PERCHE' SI : il ritorno di Joe Dante, bel cast, si ride tra accelerazioni pulp e nostalgia.
PERCHE' NO : canovaccio non originalissimo, budget risicato.


LA SEQUENZA : la lotta finale a tre con Evelyn scatenatissima.


DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :

Far fare un film a Joe Dante , oggi, è', dannatamente difficile.
E' bello abbandonarsi alla nostalgia e rivedere i suoi film degli anni '80
Alexandra Daddario sempre più sexy goddess.
Quanto affetto per Mario Bava ancora oggi....


( VOTO : 7 / 10 ) 

Burying the Ex (2014) on IMDb

27 commenti:

  1. Mi ha fatto tanto tanto piacere rivedere Joe Dante, però ho avuto come l'impressione - questa volta - che lui, anticipatore di mode, a modo suo, sia arrivato in ritardo. C'è una commediola con la Longoria - La sposa fantasma - che era praticamente identico, senza tralasciare Warm Bodies e quel Life After Beth che non ho ancora visto. Insomma, l'originalità latita; che c'è Dante alla regia si vede nelle piccolezze, i poster vintage appesi ai muri, le proiezioni degli horror in bianco e nero, le citazioni. Gli vogliamo bene perché ha un bel cast e lui è vecchiotto, però ricordiamoci che il Miller di Mad Max c'ha settant'anni e fa il culo a tutti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, hai ragione, il bello non sta nella storia ma in tutta la cornice che le sta attorno, ma per un fan di vecchia data come me, per uno che è cresciuto letteralmente coi suoi film è come ritrovare un vecchio amico ...e mi basta anche solo questo...

      Elimina
  2. Appena ho il tempo lo commenterò, mi fa piacere che tu gli abbia dato un bel voto ;-) Joe Dante è uno dei miei preferiti di sempre, regista e persona adorabile, questo film è un pò scemino, apprezzo il fatto che Dante non molla ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è anche uno dei miei preferiti...e son contento che sia tornato, spero che non se ne vada...

      Elimina
  3. Risposte
    1. una delle pochissime volte in cui siamo d'accordo

      Elimina
  4. mitico Joe Dante, lo recupero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, è proprio un mito per la nostra generazione, ci ha dato i film della nostra adolescenza...

      Elimina
  5. Classico film da divorare nelle notti horror d'estate. Dante si è divertito, noi con lui. Siamo tutti contenti.
    Grazie per la menzione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la manzione è dovuta e poi si,,,ci siamo divertiti tutti...

      Elimina
  6. Pur essendo molto lontana dal protagonista e la sua fissazione per i cult dell'horror, è stata una visione spassosissima, carica di risate che hanno alleggerito di parecchio lo scorso festival veneziano.
    Un ottimo inizio di giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero è un film leggero ma non sciocco e fa ridere in molte occasioni...

      Elimina
  7. In questi anni ho visto commedie horror con uomini che si trasformavano in pecore, castori, polli e via dicendo. Pensavo di averle viste tutte e invece ieri ho veduto un film, intitolato Stung, dove le persone si trasformano in vespe giganti: unbelievable. About Burying the ex era già nei miei programmi da tempo, questo tuo 7 è un motivo in più per vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco ma tu lo sai che io Stung già me lo sono procurato, vero? Burying the Ex vale decisamente la visione...

      Elimina
  8. Appena tornerò ad avere un po' di tempo sarà la prima cosa che recupererò visto tutto il bene che voglio a Dante! :D

    RispondiElimina
  9. Mi piace molto il cast e sembra davvero interessante, segnato!

    RispondiElimina
  10. Il classico titolo messo in cartellone per "alleggerire" la seriosità del concorso veneziano... carino, e bravo soprattutto il regista a non prendersi sul serio. Anche se in sala gli sguardi erano rivolti più verso la D'Addario e la Green (presenti in carne e ossa) che al film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai visto dal vivo la Daddario? e ora mi devi dire come è....

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Sembra l'horror perfetto per alleggerire una serata estiva. Probabilmente lo recupererò, ma posso dire una cosa?

    La Daddario non la sopporto.

    Ecco, l'ho detto.
    Torno a nascondermi nel mio angolino. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah e perché ti devi nascondere? il film è perfetto per una serata estiva ...la Daddario io la sopporterei benissimo....

      Elimina
    2. Perdona la replicazione del commento, mi succede ogni tanto via smartphone. Non è che non la sopporto tre volte, insomma. :-)

      Elimina