I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

martedì 16 settembre 2014

Kristy ( 2014 )

Justine è costretta per cause di forza maggiore ( leggasi assenza di denaro per comprarsi il biglietto dell'aereo ) a rimanere nel suo campus universitario per la festa del Ringraziamento.
Sfrutterà il weekend per studiare visto che anche il suo ragazzo va a trascorrere il giorno di festa coi genitori e non resta nessuno, proprio nessuno, nel dormitorio.
Solo lei e un paio di addetti alla sicurezza.
La prima sera arriva al supermercato per prendere un po' di schifezze da mangiare e incrocia lo sguardo di una darkettona che comincia a chiamarla inspiegabilmente Kristy.
Va via ma la ragazza e i loschi figuri incappucciati come lei che la accompagnano la seguono fino al campus.
Comincia una lunga notte d'orrore perché la gang non ha intenzioni amichevoli.
Anzi vogliono uccidere quella che continuano a chiamare Kristy....
Ogni tanto fa piacere recuperare degli onesti prodotti di genere, realizzati senza tanti fronzoli e con un andamento lineare senza troppe complicazioni.
E' questo il caso di Kristy, secondo film per il cinema di Oliver Blackburn, opera con un budget dignitoso ( 7 milioni di dollari  circa ) e dotato di una confezione più che adeguata.
Il genere di appartenenza è quello del survival, un po' come The Strangers o You're next.
Ovvero una notte di lotta selvaggia tra buoni e killer mascherati.
La differenza fondamentale è l'ambientazione: se i due film succitati erano degli home survival , qui la home acquista una dimensione molto più ampia diventando un grandissimo campus universitario, location ricca di mille angoli ed anfratti e di ambienti da sfruttare ( la piscina, la biblioteca, il dormitorio).
E sta qui la bravura del regista: sfrutta a meraviglia le locations a disposizione e riesce a creare un clima ansiogeno pesantissimo, da tagliare col coltello.
Bravo anche ad alternare le varie ambientazioni con una regia vivace e volitiva che riesce a bypassare l'unità di spazio esplorando tutto l'immenso campus universitario e trovando sempre occasione per creare il thrilling partendo dal nulla, vuoi che sia una corsia della biblioteca , la piscina o uno spogliatoio.
Tutto diventa il teatro di una selvaggia lotta per la sopravvivenza con una vittima che non ci sta per nulla a fare l'agnello sacrificale e dei carnefici incappucciati e mascherati  animati da moventi sconosciuti e che presto capiranno che uccidere Justine non è così facile.
Pochi attori ma una protagonista assoluta, la Haley Bennett che interpreta Justine che passa quasi tutto il tempo del film al centro della scena correndo, fuggendo oppure combattendo per la propria vita.
Una figura vigorosa e riuscita che è contrapposta alla darkettona piena di piercings( la Ashley Greene di Twilight, qui veramente inquietante) che incontra al supermercato, quella che si ostina a chiamarla Kristy.
Un incontro da brividi, non farebbe piacere a nessuno incontrare una tizia che dice frasi sconnesse come lei ed è agghindata con felpa e cappuccio a coprire gran parte della faccia.
Kristy ha un meccanismo semplicissimo di azione e reazione, non ha i soliti personaggi
bimbominkieschi che dopo 5 minuti che stanno in scena li vorresti vedere morti nei modi più atroci, per la quasi totalità del minutaggio ( piuttosto contenuto stiamo ampiamente sotto i 90 minuti, saggiamente direi) si astiene dal produrre spiegazioni su quello che succede.
E mi starebbe più che bene così : mi andrebbe benissimo che Justine abbia incontrato una manica di psicopatici che uccidono solo per il piacere di uccidere ( come succedeva in The Strangers) e non perché dietro c'è un piano preordinato ( la cospirazione dietro You're next).
E invece negli ultimi tre minuti si spiega, troppo, perché Justine viene ostinatamente chiamata Kristy dalla darkettona a capo dei killer incappucciati.
Ecco, se si rimaneva così nell'indeterminazione era molto meglio.
Peccato ma rimane sempre la sensazione di aver visto un buon film, di piacevolissimo intrattenimento, figlio delle logiche del genere che si astiene dal rielaborare, ma decisamente solluccheroso.
Questo film circola anche con il titolo Random ( che forse è anche più spoileroso).

PERCHE' SI : bella ambientazione, ottima protagonista , la darkettona fa venire i brividi, ottima regia
PERCHE' NO : la sceneggiatura non è proprio a prova di bomba, ci si poteva astenere dallo spiegone finale.

( VOTO : 7- / 10 )

16 commenti:

  1. Curiosa...prima o poi, bacarospi a nanna, mi deciderò..

    RispondiElimina
  2. non sono un fan dei survival, ma delle due fanciulle protagoniste sì.
    lo recupererò per loro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh lo supponevo, la protagonista ha un lato B di marmo...

      Elimina
  3. Non sembra affatto male. Me lo segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimo per una serata di cazzeggio...

      Elimina
  4. Visto e piaciuto, anche se pure a me ha dato fastidio lo spiegone a forza, e pure l'uso delle immagini varie durante i titoli di testa, dicono tutto e dicono troppo quando non serviva. Bastava curare un attimo quell'aspetto e ne usciva un prodotto davvero carino. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia un orpello inutile , un qualcosa in più che non era necessario...

      Elimina
  5. Penso che potrà piacere anche a mia moglie che è una grande appassionata di film horror.
    Segnato per un prossimo acquisto in DVD.

    RispondiElimina
  6. Ne state parlando tutti, ovunque e bene, quindi me lo segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera recupera , ti piacerà sicuramente...

      Elimina