I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 1 settembre 2014

The Stag - Se sopravvivo mi sposo ( 2013 )

Fionnan è in procinto di sposarsi e il suo migliore amico / testimone di nozze Davin organizza come addio al celibato una gita in montagna a cui prenderanno parte il fratello di Fionnan , Kevin,  il suo compagno, il maturo Kevin e l'amico Simon.
All'ultimo momento si unisce al gruppo il fratello della sposa, l'unico che non avrebbe mai dovuto sapere di questo particolare addio al celibato.
Nessuno conosce il suo nome ma solo il suo soprannome, The Machine, ed è veramente un tizio insopportabile.
Tra monumenti funerari sfasciati, tende andate a fuoco, viaggi in autobus in abiti adamitici e altre amenità assortite, il matrimonio s'avra da fare come previsto....
Storia di un piccolo film che ha fatto sfracelli al piccolissimo box office irlandese: un gruppo di maschietti oltre i 30 che , sulla falsariga delle varie notti da leoni americane, organizza un addio al celibato da paura.
Ma questo film ha un'idea geniale: se gli americani vanno a Las Vegas o a qualche altra famosa meta di divertimento e trasgressione, il gruppetto di irlandesi che fa?
Va in locations che parlano d'Irlanda e solo di Irlanda, tra l'inimitabile verde dei prati e l'azzurro di un cielo così terso che sembra dipinto.
L'idea di trasgressione è quella di andarsene in montagna a fare un campeggio sotto le stelle e a parlare di se stessi, a ricordare, a rielaborare il proprio vissuto.
Nessun hangover, solo una sana voglia di stare insieme prima di cominciare una vita matrimoniale che permetterà raramente di ritagliarsi questi momenti insieme.
A questo quadro idilliaco va aggiunto però un fattore di perturbazione, una vera e propria tempesta che si chiama The Machine, l'unico che non doveva essere presente e che si è aggregato nella disapprovazione generale.
Tipo spigoloso, diverso dagli altri però col passare dei minuti si trasforma in un fattore di crescita per gli altri visto che li sottopone continuamente a prove da superare , oltre a rappresentare una sorta di  ideale spalla su cui piangere.
E' la chiave di tutto con le sue divagazioni, follie ma anche protagonista con gesti di inaspettata umanità.
The Stag - Se sopravvivo mi sposo è ricco di situazioni paradossali che strappano la risata di situazioni esilaranti, di battute acide che lasciano il segno ( anche squisitamente politiche, anche questo film parla della crisi, in fondo The Stag è il cervo maschio senza femmina e quindi castrato nelle sue velleità, un po' come è successo all'Irlanda con l'Europa quando è sopravvissuta alla tremenda crisi economica che l'ha colpita anni fa), un film di ottimi attori che caratterizzano con grande bravura le loro rispettive parti.
E poi nella parte di Fionnan ritrovo quell'Hugh O' Conor che avevo letteralmente amato in un cult movie di metà anni '90, Il manuale del giovane avvelenatore, storia di un ragazzo che usava il tallio per risolvere i propri problemi con parenti e amici.
Insomma The Stag - Se sopravvivo mi sposo riprende le tematiche di certo cinema americano d'evasione ma riesce a parlare di Irlanda agli irlandesi , senza volgarità e mostrandosi molto meno sciocco di quello che sembra.
Sarà che amo l'Irlanda ma io di questo piccolo film mi sono letteralmente innamorato....

PERCHE' SI : si ride, si riflette, ottimi attori e poi c'è l'Irlanda. Non basta?
PERCHE' NO : inizio un po' lento e poi non riesco a trovargli altri difetti...

( VOTO : 7,5 / 10 )

The Bachelor Weekend (2013) on IMDb

14 commenti:

  1. Mmmmh ero scettica a vederlo, ma la tua recensione mi ha convinta, andata me lo guardo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guardalo Arwenuccia, ti divertirai...

      Elimina
  2. A questo punto lo recupero. E' già il secondo parere positivo dopo quello di Dantès.

    RispondiElimina
  3. Un film molti divertente e che vale la pena di vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che col passaparola arrivi a quanta più gente possibile...

      Elimina
  4. Azz. Non lo dire a nessuno, ma sono d'accordo con Dantès, mi ero divertita pure io! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah va bene non lo diciamo a nessuno...

      Elimina
  5. anche io amo l'irlanda.
    o più che altro amo la guinness :)
    comunque il film mi sa che me lo recupero...

    RispondiElimina
  6. a volte facilone e la sceneggiatura lascia un po' a desiderare ma l'ho visto in italiano. credo che in lingua originale possa rendere meglio. non gli darei un voto così alto ma la sufficienza la strappa : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io l'ho visto in italiano, però mi è piaciuto,,,forse perchè mi ci sono un po' rivisto...

      Elimina