I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 29 settembre 2014

Frances Ha ( 2012 )

Frances vive a New York trasferendosi da un appartamento all'altro, non ha una casa propria, balla all'interno di una compagnia di danza di cui non fa veramente parte forse perché non ha sufficiente talento, ha un'amicizia totale con Sophie con la quale convive e quando lei si trasferisce dal suo ragazzo entra in crisi.
Non sa letteralmente cosa fare, ritornare a Sacramento dai genitori non se ne parla perché non ci sono prospettive, meglio tornare all'Università dove ha studiato a fare la cameriera o forse è meglio accettare il lavoro di segretaria nella compagnia in cui prima danzava.
Almeno si può permettere un appartamento e pazienza se il suo cognome, Halladay, non entra nella targhetta del citofono.
Va bene anche solo Frances Ha.
Noah Baumbach è un regista anomalo nel panorama cinematografico americano.
Mentre nelle sue regie è indie fino al midollo, mostrando ai quattro venti il suo essere cinefilo e anche il suo amore per certo cinema europeo nonchè americano del passato ( Allen in primis) , d'altra parte è stato lo sceneggiatore per un paio di film di Wes Anderson ( Le avventure acquatiche di Mr Steve Zissou e Fantastic Mr Fox), ma al suo attivo anche la sceneggiatura , evidentemente alimentare, di Madagascar 3 che col resto della sua carriera c'entra come i cavoli a merenda.
Dicevamo del suo stile indie fino al midollo: Frances Ha, suo film del 2012 che qui da noi è arrivato con giusto due anni di ritardo, prosegue sul fil rouge de Il calamaro e la balena ,Il matrimonio di mia sorella e Lo stravagante mondo di Mr Greenberg, almeno dal punto di vista registico ( con un abbondanza di primi e primissimi piani e una cinepresa che pedina ossessivamente i vari personaggi , molto , molto da vicino) mentre a livello di contenuto sono quasi del tutto abolite le baruffe sentimentali e i personaggi disfunzionali.
A meno che non vogliamo considerare come disfunzionale un personaggio come quello di Frances e sentimentali le sue baruffe con Sophie , il suo alter ego con capelli diversi, come dice lei stessa.
Personalmente faccio un po' fatica a considerare Frances un personaggio reale o verosimile anche se si possono interpretare le sue peripezie come specchio del precariato reale , economico e sentimentale , che viviamo un po' tutti sulla nostra pelle in questi ultimi anni.
Ma Baumbach non vuol parlare di crisi economica, ambienta il suo film in una dimensione altra in cui squattrinati nullafacenti hanno sempre i soldi per andare avanti e genitori compiacenti continuano a permettere loro di cercare il loro percorso anche a costo di un generoso esborso economico.
A quanti è permesso nella vita reale?
Frances può, si può permettere di vivacchiare di qua e di là, di perdersi in chiacchiere infinite senza troppo costrutto, di inseguire un sogno, quello della danza , per la quale evidentemente non è tagliata.
Non posso dire che Frances Ha è un film brutto ma non ha statura sufficiente per competere coi modelli a cui si ispira e non ha narrazione organica, dimostrandosi a più riprese rapsodico come la vita della sua protagonista.
E poi Baumbach non perde l'occasione di ostentare la sua cinefilia ( il viaggio a Parigi quasi fosse una novella Zazie nel metrò, un bianco e nero fighetto che più fighetto non si può. Solo per darsi un tono autoriale. Altrimenti perché usarlo?).
Frances Ha sta tutto negli occhi da cerbiatta di Greta Gerwig che fanno fatica ad aprirsi sul mondo che la circonda ( o forse è semplicemente una paracula che fa finta di non vedere) e in quel paio di passi di danza che ogni tanto prova quasi a dimostrare a se stessa che lei ha un futuro da ballerina.
E' il classico film che riesco a classificare solo come caruccio ma nulla di più, niente aura di mito che da più parti gli è stata assegnata.
Classico cinema indie americano con un occhio rivolto alla vecchia Europa ma in realtà senza nulla di nuovo da dire.
Allen e Cassavetes, solo per rimanere nell'ambito del cinema americano, queste cose le hanno girate più di 30 anni fa e anche molto meglio di quanto possa mai fare Baumbach.
Tanto per rendere le giuste proporzioni confrontate il ritratto femminile di Frances Ha con Io e Annie di Allen o con Gloria di Cassavetes.
Baumbach e la sua furbizia cinefila perdono 2 a 0.

PERCHE' SI : Greta Gerwig è brava e convincente, nel finale c'è anche una certa vena comica oltre a quella malinconica.
PERCHE' NO : salutato da più parti come un capolavoro al massimo è un film caruccio, piacione e girato in modo fighetto ( e basta col bianco e nero usato per darsi un tono).

( VOTO : 6 / 10 )

 Frances Ha (2012) on IMDb

14 commenti:

  1. Curioso che questa volta tu l'abbia trovato radical e bottigliabile, mentre io fresco e molto leggero.
    Comunque, dalle mie parti è stato promosso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, bottigliabile no, ma sinceramente tutte queste lodi mi hanno stupito per un filmetto che non si discosta molto dalla medietà , almeno per quanto mi riguarda...come ho detto nella rece , è una questione di proporzioni, se questo è un capolavoro allora Gloria che cosa é? e Io e Annie?

      Elimina
  2. Me lo vedrò, perché mi incuriosisce parecchio.

    RispondiElimina
  3. Bradipuccio 6 a questo film? Dalle mie parti è stato promosso a pieni voti, io gli ho dato 8 xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un 6 anche stiracchiato...diciamo promosso di stima :)

      Elimina
  4. 6?!? No daiii! Io gli darei minimo 8 1/2! Questo film è un gioiellino! Adoro l'ingenuità di Frances, il suo legarsi talmente tanto all'idea di perfezione di una persona da sembrare stupida. adoro il suo essere svampita, adoro il suo assurdo ed inutile viaggio a parigi. Questo film è una rivelazione. Questo film è poesia. È bello, a tratti commovente e a tratti divertente...peccato tu l'abbia trovato quasi "scialbo"! Dagli una seconda occasione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente è una questione generazionale, io sono più vecchio di te ( che non è un merito, anzi) e ho negli occhi il cinema sulla crisi generazionale di quando avevo io la tua età...e mi pare tuttora che sia cinema di tuttaltro spessore, tutto qui. Purtroppo non ho trovato quello che ci hai visto tu, e me ne dispiace, credimi, perché io dal cinema voglio emozioni...

      Elimina
  5. La tua è la prima recensione tiepida che leggo su questo film! Io non l'ho ancora visto, ma devo assolutamente farlo e testare sulla mia pelle tutte queste opinioni, compreso il tuo solitario 6 :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah io ne ho lette un paio anche di più cattive della mia, in fondo a me è piaciucchiato questo film anche se l'ho trovato più furbo che bello...

      Elimina
  6. a questo punto dovró vederlo...ma ho la strana sensazione che lo randelleró a dovere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so, può darsi anche che ti piaccia...

      Elimina
  7. bradipo, sei proprio undateable! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah è vero, con somma gioia della bradipa!!! ma io tre quarti dei personaggi di questo film li avrei presi a capocciate, compresa Frances, caso mai si svegliasse un po'....

      Elimina