I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

lunedì 14 luglio 2014

Godzilla ( 2014 )

Nel 1954 gli americani fanno esplodere diverse bombe atomiche nell'Oceano Pacifico affermando che sono esperimenti nucleari . In realtà servono per distruggere una creatura marina preistorica, un Gojira o Godzilla e farla riposare nella profondità del mare.
Nel 1999 numerosi fenomeni elettromagnetici fanno scoprire dopo un crollo in una miniera delle Filippine, due crisalidi di M.U.T.O. ( acronimo che sta per Massive Unidentified Terrestrial Organism ), di cui una vuota. La larva, che si nutre di radiazioni , arriva a una centrale giapponese distruggendola e uccidendo la moglie del dottor Brody.
Loro figlio, Ford , ora è un artificiere dei Navy Seals e si trova nel 2014 a fronteggiare un pericolo mai visto: dalla seconda crisalide si è distaccata una larva volante che ha distrutto la base e che si deve riunire a quella scappata nel 1999.
Sono un maschio e una femmina e vogliono nidificare nella zona di San Francisco.
Falliscono tutti i piani dell'esercito americano per distruggerli, anche l'uso di armi nucleari, ma rimane un unica speranza: Godzilla .
E il mostro preistorico non si fa attendere combattendo eroicamente contro i due M.U.T.O., sfruttando a suo favore l'aiutino umano, e dopo aver compiuto la missione tornando nella profondità degli oceani...
Quando ero bambino, un cinema annesso alla Chiesa era il posto in cui conobbi il mito di Godzilla.
Finita la messa domenicale ci si fiondava tutti al cinemino parrocchiale e si aspettava impazienti finché non si abbassavano le luci e cominciava il film.
E tra innumerevoli visioni, c'erano anche parecchi film di Godzilla, l'originale giapponese, protagonista di una serie di pellicole piuttosto corposa e per la maggior parte in bianco e nero.
Ecco perché Godzilla per me era importante e fui letteralmente inviperito con la versione disaster movie che tirò fuori Emmerich una quindicina di anni fa.
Ora ci riprova Gareth Edwards, giovane e semisconosciuto regista che avevo già apprezzato nel suo precedente film Monsters, uno sci fi girato in totale economia ma con discreti spunti originali.
Conoscendo il suo lavoro precedente non posso non notare i punti di contatto tra i suoi due film:il tema della sopravvivenza della specie , i due mostri che devono nidificare ( in Monsters c'era una curiosa scena d'amore tra due di queste "creature"), una prima parte in cui viene tutto ammantato di tenebra ed in cui sembra tutto fatto apposta per nascondere piuttosto che per mostrare ( e questa è la differenza tra i film low budget e i blockbuster milionari: i primi devono fare di necessità virtù, i secondi devono sparare in faccia al pubblico tutta l'opulenza possibile in termini di effetti speciali), Edwards insomma si mette al timone di un blockbuster da 160 milioni di dollari con lo stesso approccio con cui aveva girato il precedente film che non arrivava neanche al milione di dollari di budget.
Sicuramente una soluzione interessante, autoriale se vogliamo ma che fa attendere fino allo spasimo lo spettatore che , come me, è affamato di Godzilla come dell'aria per respirare.
E qui si attende tanto per vederlo, troppo e non bastano le anticipazioni parziali durante il film.
Dicevamo di un approccio da definire autoriale, nel senso lato del termine: Edwards propone una storia piuttosto complessa, con diversi rimandi avanti e indietro nel tempo, quasi ignorando che al cinema chi vuole vedere Godzilla vuol vedere mostri che menano le mani, o meglio quelle cose che hanno al posto delle mani.
E in questo è piuttosto spilorcio, concedendosi abbondantemente solo nel finale.
Una cosa che ho apprezzato è quel richiamarsi quasi ossessivamente al Goijra originale con gli umani che sono solo esseri insignificanti e impotenti di fronte alla grandezza del mostro, ho poco gradito invece la sua trasformazione repentina in eroe universale salvatore di tutto il globo terracqueo oltre ai continui rimandi al disastro nucleare di Fukushima
Per carità, nulla di male nell'accogliere la creaturona squamata tra i buoni, ma questa cosa è gestita con la solita retorica hollywoodiana che, chi mi conosce, odio con tutte le mie forze.
Altra piccola considerazione: l'anno scorso ci fu un altro film che prese i miei sogni da bambino e me li resituì in una forma filmica che molto apprezzai: parlo di Pacific Rim in cui provai vette di esaltazione degne del me bambino.
Edwards ha fatto lo stesso con Godzilla: ma non ha ottenuto lo stesso risultato di Guillermo del Toro.
Il mio mito da bambino è stato rimasticato e un pochino anche maltrattato.
E non si maltrattano così i miti e i sogni di un bambino....

( VOTO : 5,5 / 10 ) 

Godzilla (2014) on IMDb

14 commenti:

  1. Pensa, a me hanno fatto lo stesso effetto di incompiuti entrambi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pacific Rim mi ha esaltato, questo molto meno...

      Elimina
  2. Pacific Rim per me è sia ottimo che incompiuto. Io aspetto Real Steel 2!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Real Steel 2 lo faranno? Pacific Rim per me è stata esaltazione pura!!!

      Elimina
  3. Bradipuccio, condivido in pieno il tuo parere, ne ho parlato pure io da me http://lafabricadeisogni.blogspot.it/2014/07/godzilla.html

    RispondiElimina
  4. Un pastrocchio completo. Come si fa a cercare di fare gli autoriali col film di un lucertolone alto cinquanta piani? "Pacific rim" [curioso che pure tu, nella tua recensione, l'hai tirato in ballo] era così coerente con se stesso da essere bellissimo questo invece vuole essere ciò che non è.
    Però "Monsters" me lo voglio vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io ho tirato fuori Pacific Rim perchè entrambi tirano fuori due miei miti da bambino, i robottoni e Godzilla , conosciuto al cinema parrocchiale la domenica dopo la messa. Edwards il mio sogno da bambino me lo ha un po' maltrattato , Del Toro no...sta qui la differenza..,.

      Elimina
  5. Questo non l'ho visto ma Pacific Rim l'anno scorso e' piaciuto assai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pacific Rim secondo me vince su tutta la linea. E' piaciuto assai anche a me...

      Elimina
  6. Pacific Rim vince su tutta la linea. Del Toro ha preso i miei (e immagino i tuoi) sogni di bambino e li ha messi in un film. Edwards ha tentato il colpaccio, ma gli è riuscito solo a metà. E il taglio autoriale si schianta contro una storia che definire esile è un pacato eufemismo.
    Ne ho parlato anche io qui http://bloggeroccasionale.blogspot.it/2014/05/lo-spettatore-occasionale-se-la-fa-con.html, se ti capita di fare un salto...
    Ottima recensione, come sempre!
    Saluti da un Blogger Occasionale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Max! Del Toro e Pacific Rim hanno vinto, non c'è stata partita...

      Elimina
  7. come al solito stento a credere ci possa essere qualcosa peggio dell'inguardabile pacific rim...
    comunque non vedo l'ora di stroncarlo, visto che tu ci sei andato giù troppo leggero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me poteva essere anche peggio di quello di Emmerich, invece è meglio...

      Elimina