I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 15 maggio 2015

La famiglia Belier ( 2014 )

Paula Belier è una sedicenne come tante altre , solo ha una vita molto più impegnata rispetto alle sue coetanee e non ha molto tempo da riservare a se stessa. E questo perché è l'unica udente ( e parlante) della sua famiglia composta da un padre burbero ma buono, una madre affettuosa e un fratello minore che fa sentire decisamente la sua presenza. La sua famiglia manda avanti tra mille difficoltà un'azienda agricola in Normandia e Paula è letteralmente la loro voce: tratta con le banche, gestisce le vendite al mercato, è il loro tramite verso quel mondo popolato di suoni e di rumori che a loro è negato.
Un bel giorno Paula , grazie a un professore di musica un po' estroso e al ragazzo di cui è infatuata, scopre di avere la dote del canto.
Il professore la vuole preparare per un'importante audizione a Parigi ma come fa Paula a lasciare la sua famiglia?
E questo interrogativo la fa arrovellare così tanto che preferisce tenere la cosa nascosta ai genitori...
La famiglia Belier è il blockbuster francese del Natale 2014 ( circa 50 milioni di euro incassati e numero 2 nella classifica annuale degli incassi ) e ne ha l'aspetto tipico.
Storia edificante, ma parecchio edificante, un perfetto bilanciamento di lacrime e sorrisi, qualche risata sparsa qua e là facendo leva sulla diversità, un tono sempre gaudente e riconciliatorio nella descrizione del coming of age di Paula.
Verrebbe da dire che è un film più furbo che bello e probabilmente è anche così , però a volte è bello lasciarsi cullare da storie così edificanti, ti fa sentire meglio.
Ed è questo il caso del film di Eric Lartigau, esperto artigiano di commedie, che confeziona un film a prova di bomba e che poteva avere tutte le caratteristiche per trasformarsi in un buon successo internazionale, vista l'universalità della storia che racconta.
Paula Belier ha il volto paffuto e la capigliatura fluente dell'esordiente Louane Emera, concorrente all'edizione francese di The Voice, una ragazza che appare timida e impacciata in certi frangenti, anche bruttina e acerba ma che riesce anche ad aprirsi a luminosa e improvvisa bellezza.
Non ho ancora capito se è bella o meno, però piace, piace molto ed è il motore ruggente di un film che si dimostra da subito una macchina perfettamente oliata e pronta per fare sfracelli.
Si parla di portatori di handicap, di portatori di uno degli handicap maggiori, quello che non ti permette di comunicare con tutti e condividere il mondo fatto di suoni, rumori e musiche,
Eppure la prospettiva è ribaltata : se è vero che è il numero che fa la normalità a casa Belier quella anormale è Paula, ma è un'anormale che fa parecchio comodo , visto che è quel ponte di comunicazione che manca tra loro e il resto del mondo.
I Belier sono una famiglia con i problemi di tutte le altre, si amano, focosamente, si prestano a numerose gags, soprattutto all'inizio del film che mettono in risalto la loro diversità ma in modo sereno ed esilarante, quasi oserei dire fiabesco.
Col passare dei minuti viene fuori l'altra anima del film, il personaggio di Paula, i suoi crampi amorosi e affettivi, il suo sogno di diventare una star della musica ma allo stesso tempo la paura di abbandonare a loro stessi i suoi familiari che vede poco attrezzati a fronteggiare quello che li circonda.Ed è per questo che cerca ansiosamente nella sua amica una sorta di surrogato di se stessa isegnandole il linguaggio dei segni.
Qui emerge il discorso sulla crescita di Paula , sul suo percorso di formazione che perlomeno inizia , quel coming of age simboleggiato anche da quel benedetto ciclo che non voleva saperne di arrivare.
E quando vengono fuori i contrasti interiori, il film si fa più intenso e pensoso ( termini da prendere nell'accezione più larga possibile ) proprio per permettere al brutto anatroccolo di diventare finalmente un cigno e spiegare le proprie ali.
La famiglia Belier è una favola incastonata in una Francia senza tempo, una di quelle storie che ogni tanto ci piace farci raccontare.
E ha una resa filmica dignitosissima , pur cercando di piacere al pubblico in maniera sufficientemente sfacciata, non risulta mai greve o sboccacciata.
Insomma un altro colpo mandato a segno dai nostri "amatissimi " cugini d'Oltralpe.


PERCHE' SI : storia edficante raccontata con equilibrio perfetto tra sorrisi , risate e commozione, Louane Emera è una bellissima scoperta, anche il resto del cast è eccellente, blockbuster che non rinuncia alla qualità.
PERCHE' NO : forse qualche macchietta di troppo, film furbo e pianificato per piacere al pubblico arrivando alla sua pancia più che al cervello.


LA SEQUENZA : L'audizione di Paula di fronte ai genitori che in qualche modo la "sentono".


DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :
Si può parlare di handicap senza essere eccessivamente seriosi
I Belier sono una famiglia di perfetti sessantottini, hippy nell'anima,
ogni tanto fa bene venire a contatto con delle belle storie,
Louane Emera forse non sarà bella bella bella, ma bella ci è.


( VOTO : 7 / 10 ) 

The Bélier Family (2014) on IMDb

17 commenti:

  1. Concordo. Un film furbetto, ma onestissimo e molto toccante, soprattutto nella sequenza dell'audizione.
    Lei bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sa toccare le giuste corde emotive...

      Elimina
  2. Ecco, insieme a "Il racconto dei racconti" ieri sera davano anche questo. Mi sa che mi conveniva fare una scelta diversa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che sia totalmente agli antipodi...

      Elimina
  3. Purtroppo non mi ha convinto troppo.
    Amo le commedie francesi, ma questa l'ho trovata troppo americana. Creatura da remake.
    La protagonista, però, è bravissima. Bella, e in un modo che nel cinema americano forse non troverebbe spazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ti avevo letto, anche per me non è il top dei tops però funziona...

      Elimina
  4. Dovrei proprio guardarlo, ne state parlando tutti piuttosto bene. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è caruccio e divertente quanto basta...

      Elimina
  5. Risposte
    1. tanto te smolecolarizzi pure questo...

      Elimina
  6. Louane rules!
    Avrei voluto dirlo in francese, ma non so come si dica... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanche io ...forse si dice Louane Spaccs?

      Elimina
  7. Scusate, una domanda OT. Ma voi certi film diciamo un pò rari, tipo Sea Fog dove li trovate?? In rete non lo trovo..e anche cercando di comprare il dvd non lo trovo! Ne avete parlato tutti bene e volevo vederlo ma non riesco a trovarlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella domanda Paolo, capisciamme....siamo tutti provetti nuotatori d'acqua dolce...forse hai cercato col titolo sbagliato...cerca con il titolo coreano, Haemoo,...

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Urge recupero. Ne ho letto solo bene, sono curiosissima!!! =)

    RispondiElimina
  10. che film delizioso! io mi son commossa... e in sala non ero l'unica!

    RispondiElimina