I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

venerdì 22 maggio 2015

Kingsman : Secret Service ( 2014 )

Un agente segreto, nome in codice Lancillotto, viene ucciso in azione di guerra e il suo compagno Harry Hart , nome in codice Galahad si sente colpevole a tal punto che lascia al figlio piccolo dell'altro una medaglia con un numero di telefono.
E dopo 17 anni quel bambino, ora un ragazzo di nome Eggsy , a causa di una bravata con amici si trova costretto a chiamare quel numero per salvarsi dall'arresto e da conseguenze fisiche ben più gravi.
Harry Hart compare, lo toglie dai guai e gli offre una vita da agente segreto.
Previa promozione dopo un lungo corso d'addestramento.
E il mondo ha bisogno di un nuovo agente segreto perché un miliardario ecologista, Valentine, ha intenzione di sterminare gran parte della popolazione umana, vista come un virus che distruggerà la Terra in breve tempo alla stessa maniera di inquinamento e riscaldamento globale, e ripopolare il pianeta tramite i politici e tutti i VIP che si sono schierati dalla sua parte.
La lotta, inutile dirlo , sarà all'ultimo sangue.
Mathhew Vaughn ci ha preso gusto: dopo un inizio di carriera passata dietro la scrivania a produrre e poi a scrivere , ha deciso di prendere in mano anche le redini della regia e si è specializzato , almeno da tre film a questa parte sembra proprio così, nel filone supereroistico.
Un po' particolare però perché i supereroi di Kick Ass erano decisamente sgarrupati, quelli di X Men- L'inizio troppo inesperti riguardo ai loro superpoteri, mentre in Kingsman- Secret Service questi supereroi hanno le fattezze umane, molto umane, di agenti segreti che però hanno una marcia in più rispetto al resto della popolazione.
Sono superaddestrati, hanno gadget sfiziosi, sono dotati anche di quell'ironia che rimanda decisamente ai film della gloriosa tradizione spionistica britannica, James Bond in primis ma non solo. soprattutto hanno quel portamento e quell'aplomb che possono provenire solo dalla terra d'Albione.
E quasi uno shock vedere un magrissimo Colin Firth ( sembra davvero in formissima oppure è il vestito stretto in vita che lo slancia) declamare battute che potrebbero essere pronunciate da un dandy formatosi alla scuola di Oscar Wilde e menare come un ossesso che sembra avere più braccia di un Bravo Simac ed è veramente divertente individuare nel cast di supporto gente come Michael Caine , Samuel L. Jackson  che dà vita a un villain di spessore, Mark Hamill ( Luke Skywalker , proprio tu), che si presta divertendosi e facendo divertire in un film che sembra avere talmente tanti padri putativi da essere in qualche modo originale.
E' un bel gioco inseguire le citazioni e le ispirazioni di Kingsman : Secret Service e allora giochiamo un po' : a parte James Bond e compagnia cantante (tipo l'agente Flynt), ci vedo solo io gli X Men ( la scuola per giovani agenti segreti sembra presa interamente da quella di X Men- L'inizio), gli Avengers ( ma non i supereroi di Joss Whedon, gli agenti speciali che imperversavano in una bella serie tv anni '60 ripresa al cinema negli anni '90, credo), tutti quei film in cui l'eroe è un ragazzo , viene addestrato a una scuola militare per sopravvivere ma soprattutto per terminare il proprio percorso di crescita ( e qui mettete il titolo che volete, ce ne sono talmente tanti) oppure la vena pop e fracassona della parodia di Austin Powers?
Kingsman : Secret Service è un film che assolve perfettamente al suo scopo di divertire con azione senza far mancare mai quel pizzico di ironia necessario per vedere la vita e il mondo con occhi migliori, due ore piene di trovate visive e di combattimenti pirotecnici , di doppi e tripli giochi, di salti carpiati e di cambiamenti di casacca in corsa.
Insomma non c'è da annoiarsi in questo giocattolone ipertecnologico da 80 milioni di dollari che al botteghino ha incassato bene  ma non ha fatto precisamente sfracelli, come magari ci si attendeva.
E questo può essere dovuto al fatto che non è solo un blockbuster fatto per sgranocchiare popcorn e bere bevande gassate , a uso e consumo dei teenagers , ma è un film con un quoziente intellettivo superiore alla media, girato con una formula stilistica che Matthew Vaughn ha consolidato nei suoi ultimi tre film.
Tratto dall'omonimo fumetto ( o meglio una graphic novel come si dice ora) Kingsman: Secret Service è un film dal look curatissimo, molto Swinging London anni '60 e che oltre alla forma offre allo spettatore anche molta sostanza ( politica: tipo il discorso sull'omologazione di massa, sul ruolo dell'informazione e dei mass media che possono essere facilmente manipolati).
Ed è un piacere abbandonarsi a uno spettacolo come questo.


PERCHE' SI : il look è curatissimo, il ritmo elevato, Matthew Vaughn ha ormai consolidato un suo stile, cast eccellente. un villain di spessore.
PERCHE' NO : un po' troppi padri putativi citati a piene mani ( ma per me non è un male, per qualcuno lo sarà , se non si segue per filo e per segno c'è il rischio di perdersi.


LA SEQUENZA : la lotta finale tra Eggsy e l'assistente di Valentine, una femme fatale con delle protesi alla Pistorius


DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :
Se ci danno i capitali anche in Europa sappiamo fare blockbuster milionari
Colin Firth così magro e così tonico fisicamente non lo ricordavo da anni.
Non fidarsi mai del brandy invecchiato più di cento anni che ti viene offerto dal primo arrivato
Mi pento che non ho mai avuto modo e voglia di approfondire la mia cultura sui fumetti.


( VOTO : 7 + / 10 )

 Kingsman: The Secret Service (2014) on IMDb

14 commenti:

  1. devo recuperarlo, mi aspetto esattamente quello di cui parli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. divertimento a pacchi...nulla più e nulla meno..

      Elimina
  2. Lo trovi commentato anche dalle mie parti, non gli avrei dato una lira, ma secondo me è il "Guilty pleasure" del 2015. Finalmente anche io ho il mio film preferito con Colin Firth ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah non so se è il mio film preferito con Colin Firth ma mi è piaciuto molto e anche io non gli avrei dato una lira sulla fiducia...

      Elimina
  3. Ne parlerò a breve, ma concordo anche sul voto.
    Divertentissimo: probabilmente, resterà uno dei film più spassosi dell'anno.

    RispondiElimina
  4. A me non convinse granchè.
    Troppo derivativo e senz'anima, nonostante l'impeccabile confezione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse a me è piaiciuto perché ero partito con l'idea che non mi sarebbe piaciuto...

      Elimina
  5. Non ci si annoia e mi è piaciuta l'ironia, anche se due ore e passa sono troppe per un film di questo genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non ci fosse stata ironia questo film sarebbe stato greve anche se fosse durato mezz'ora di meno...

      Elimina
  6. Non gli avrei dato un euro, a questo punto recupero immediato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. divertente e senza troppi pensieri...

      Elimina
  7. Sembra divertente, ne hanno parlato bene un po' tutti, però non è in cima alla lista di quelli che voglio recuperare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è divertente ed è un ottimo modo per passare due ore senza pensieri..

      Elimina