I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

giovedì 14 marzo 2013

La cuoca del presidente ( 2012 )

La fama di Hortense Laborie, chef che vive e lavora nella regione del Perigord, arriva alle orecchie del presidente che tramite i suoi collaboratori la convince ad accettare l'incarico di sua cuoca personale .
Hortense nelle segrete delle cucine dell'Eliseo trova una squadra di chefs che le manifesta aperta ostilità e dovrà faticare per imporre la sua cucina fatta di antichi sapori allo stile  greve e anche un po' presuntuoso di quella dell'Eliseo. Per un po' Hortense riesce a sopportare la pressione, aggira anche i divieti medici per la salute del presidente ma alla fine, impossibilitata a cucinare con il cuore e con l'anima come vorrebbe, schiacciata da burocrazie e ragioni di Stato, scrive la sua lettera di dimissioni irrevocabili.
Il tutto raccontato di malavoglia anni dopo durante un esilio volontario in una base francese antartica.  La sua vita e carriera future saranno lontane dalla Francia. Il sogno è la Nuova Zelanda, terra vergine e di grandi opportunità.
I nomi e le fisionomie sono cambiate ma la storia raccontata nel film dell'esperto Christian Vincent è quella della cuoca Danièle Mazet Delpeuch, cuoca del Perigod che cucinò all'Eliseo per Mitterand in persona dal 1988 al 1990.
Tra i sentimenti sinceri del presente in una piccola comunità di un'isola dispersa nell'Atlantico e il racconto di un passato glorioso ma carico dell'amarezza di non aver potuto espletare al meglio il proprio compito, La cuoca del presidente è la storia di una donna ostinata che cerca di farsi strada in un mondo rigorosamente al maschile facendo letteralmente lo slalom tra veti incrociati, gelosie reciproche e burocrazie castranti.
La sua cucina fondata sui frutti migliori della terra, sulle carni più prelibate, sui prodotti più naturali disponibili è in aperto contrasto con la catena di montaggio impersonale e anche un po' arrogante che si trova nelle cucine dell'Eliseo. Ma la lotta è senza esclusione di colpi e reggere alla pressione per Hortense è difficilissimo. E dopo un po' di tempo diventa impossibile. Vincono gli altri.
Come ho già ammesso qualche tempo fa , qui sul nostro ramo d'albero siamo stati colpiti e affondati dalla sindrome di Masterchef  e questo film può essere visto come una sorta di coadiuvante terapeutico.
Il protagonista indiscusso è il cibo , i piatti di Hortense prendono facilmente il centro della scena in un racconto del dietro le quinte delle stanze del potere che ha il difetto forse di essere un po' troppo tenue e impersonale. Manca l'emozione, quel fremito da cui nasce il bel cinema, quello stesso fremito che faceva diventare un piccolo capolavoro un film come Il pranzo di Babette.
Qui nonostante la confezione abbastanza lussuosa siamo solo dalle parti della compilazione, La cuoca del presidente è un involucro assai accattivante che racchiude poco più di  una sfilata di ricette d'alta cucina tipicamente francese. E forse per questo può risultare alieno a spettatori come noi abituati ad altri ingredienti e a un altro modo di intendere alta cucina.
Tra la ricetta del guanciale della bella Aurora e il manzo dei marinai del Rodano va in scena uno spettacolo che dovrebbe essere indirizzato soprattutto a soddisfare le papille gustative e le cellule olfattive dello spettatore.
Ma purtroppo è solo cinema, non ci sono nè odori nè sapori.
La cuoca del presidente è un film senza troppe ambizioni, recitato da una Catherine Frot che si dimostra sempre esemplare nelle sue interpretazioni, che si indirizza soprattutto al pubblico francese per il suo racconto delle stanze del potere visto da una prospettiva nuova, quella di una donna energica che se ne frega di protocolli e gerarchie, di etichette e costi di gestione.
Vedibile in assoluto relax, certo, ma ampiamente perdibile.

(  VOTO : 5,5 / 10 )

Haute Cuisine (2012) on IMDb

12 commenti:

  1. ma perché hai visto 'sta roba? :)

    RispondiElimina
  2. eh eh sindrome da Masterchef! L'ho usato come paliativo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ma questo film manco benedetta parodi se lo gusta... :D

      Elimina
    2. ah ah ah ! Ho visto la puntata in cui ha ospitato Bastianich ed era terrorizzata!

      Elimina
  3. Sei stato molto generoso (quasi la sufficienza), la sindrome deve avere colpito duro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è ben confezionato e si va avanti bene, senza problemi , alla fine ti accorgi che è veramente un po' insipido...

      Elimina
  4. No..non mi ispira proprio, nonostante la sindrome da Masterchef abbia colpito pure a casa mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al massimo è un paliativo, come ho detto al Cannibale! :)

      Elimina
  5. Ho visto il trailer al cinema.
    Mi sembra oltremodo irritante. Oltre a farmi correre il rischio che, uscita dalla sala, io arrivi in pizzeria e mi sbrani pure il cameriere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ! è rischio altissimo...il remake de Lo squalo ambientato in pizzeria!

      Elimina
  6. Mi associo al Cannibale: ma chi te l'ha fatto fare!?
    Come direbbe Bastianich, "questo film fa schifo"! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giuro che cercherò di non diludervi più! non lo faccio più, ma che ci posso fare, amo la commedia francese!

      Elimina