I miei occhi sono pieni delle cicatrici dei mille e mille film che hanno visto.
Il mio cuore ancora porta i segni di tutte le emozioni provate.
La mia anima è la tabula rasa impressionata giorno per giorno,a 24 fotogrammi al secondo.
Cinema vicino e lontano, visibile e invisibile ma quello lontano e invisibile un po' di più.

domenica 27 settembre 2015

Self/Less ( 2015 )

Damian Hale è un multimiliardario che ha avuto tutto dalla vita ed ora invece sta perdendo la sua sfida più importante contro un cancro che lo sta devastando concedendogli pochissimi mesi di vita.
Decide allora di sottoporsi alla procedura di "shedding" che gli viene garantita da una misteriosa organizzazione: sarà dotato di un corpo nuovo sintetizzato in laboratorio e potrà vivere un'altra vita con un'altra identità.
Il problema è che oltre a dover assumere delle medicine Damian nel suo nuovo, bel corpo comincia ad avere dei ricordi che non gli appartengono.
Flash dolorosi che gli impongono di fare qualche ricerca.
Ma l'organizzazione che gli ha gentilmente fornito il corpo nuovo non è molto contenta...
Tarsem Singh è il prototipo del regista che mi sta di più sulla punta dell'esofago: proveniente dalla pubblicità ad alto, altissimo livello si è messo a fare cinema senza nascondere le sue origini televisive, anzi ha cercato di integrarle al meglio in un purismo visionario che , per quanto mi riguarda, ha sempre avuto la meglio sulla coerenza narrativa.
I suoi film , a mio modestissimo parere, sono sempre stati bellissimi involucri con il (quasi) nulla dentro, prigionieri della sua fantasia pantagruelica e di un'intelaiatura visiva che ha sempre schiacciato tutto il resto.
Per me il cinema è altro: è saper raccontare storie, non comporre solo bellissime inquadrature.
L'unico pregio che fino ad ora ho riconosciuto a Singh ( oltre a quello di saper costruire con indubbio talento l'inquadratura) è comunque un certo grado di originalità.
Fino ad ora i suoi film erano quasi immediatamente riconoscibili come appartenenti alla sua filmografia.
In Self/Less questo non succede: è un prodotto industriale che di visionario ha ben poco, cerca di raccontare solo la sua storiella ( banalotta a dir il vero) senza troppi voli pindarici ma solo volontà di intrattenere e portare a casa il risultato.
Volenti o nolenti riesce anche a riportarlo a casa perché in due ore succedono talmente tante cose che hai poco tempo per annoiarti ma di Singh non c'è traccia.
Il suo stile registico incline all'arzigogolo non c'è più è come se ci trovassimo di fronte a un professional qualsiasi che lavora su commissione , un po' come il John Woo dei brutti tempi ( quello di Paycheck, film curiosamente incentrato su memorie che venivano cancellate), talento abbacinante affossato dall'industria hollywoodiana , o come un Source Code qualsiasi( ancora memorie ma da una prospettiva se vogliamo antitetica a quella di Self/Less).
Lo confesso una parte di me ha gioito per non dover vedere tutte quelle pippe visive che appesantivano il cinema di Singh, d'altra parte però un po' di rammarico sovviene perché mi sembra di aver perso un talento, eccessivo nel suo modo di lavorare e sicuramente non nel mio gusto, che però almeno poteva avere qualcosa da dire.
Al contrario di questo cinema industrializzato e codificato per piacere senza troppe complicazioni.
Self/Less è il classico action/thriller con spruzzate di sci fi che non è brutto...ma neanche bello.
E' insipido, banale per come giocato al ribasso, ricalcato alla lontana da quel piccolo capolavoro che era Operazione diabolica, un filmetto come tanti realizzato con competenza e precisione, con mezzi adeguati ma che pecca di personalità e assomiglia a dozzine di altri film.
E Ryan Reynolds non mi sembra che abbia la faccia giusta per esprimere tutta la confusione del suo personaggio, per non dire di Natalie Martinez, starlette attiva soprattutto in televisione, che butta tutto sul melodramma di stampo sudamericano, sovraccaricando inutilmente il suo modo di recitare e cogliendo tutte le occasioni possibili e immaginabili per abbarbicarsi al bel Ryan come una cozza allo scoglio..
Senza infamia e senza lode e con un finale che sembra appiccicato come un post it sul frigorifero.


PERCHE' SI : Singh ha deciso finalmente di fare cinema, buon ritmo e capacità di intrattenere senza annoiare troppo.
PERCHE' NO : cucù e Tarsem Singh non c'è più, manca originalità e anche coraggio, Reynolds non dà sufficiente profondità al suo personaggio, Natalie Martinez sovraccarica tutto stile telenovela.


LA SEQUENZA : l'arrivo nella casa di quella che era sua moglie.


DA QUESTO FILM HO CAPITO CHE :

Meglio saper raccontare o meglio la bella inquadratura?
Probabilmente abbiamo perso un talento.
Reynolds mi sta diventando bolso come Ben Affleck.
Bella la Martinez, sapesse recitare sarebbe il top....


( VOTO : 5,5 / 10 )


 Self/less (2015) on IMDb

12 commenti:

  1. Risposte
    1. grazie Nick...vediamo un po' come va...

      Elimina
  2. il paragone con John Woo lo fanno anche io parlando del film, solo che Tarsem qui manca un pò di mordente, come dici tu buon ritmo, per un prodotto su commissione, "cucù e Tarsem Singh non c'è più" è il riassunto perfetto di questo film ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da una parte però non mi dispiace perché Singh non mi è mai piaciuto troppo...troppo videoclip e poco cinema...

      Elimina
  3. si vero, dopo un inzio abbastanza intrigante anche se non originale l'ho trovato veramente vuoto come film

    RispondiElimina
  4. Assolutamente dimenticabile, eppure non peggiore di tanto altro.
    Considerati Singh e Reynolds, che detesto, è già un mezzo miracolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più che brutto insipido e come ho detto prima lo dimentichi subito...

      Elimina
  5. Povero Singh... un regista di talento ma bistrattato e sfigato come non mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai, ad avercela io la sfiga di avere un conto in banca come il suo...

      Elimina
  6. Non mi è piaciuto per nulla, un'occasione davvero sprecata che presto si trasforma nella classica azionata... Peccatissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, dato il soggetto poteva essere molto meglio...

      Elimina